AT&T crede nelle telefonate via internet

Il VoIP conquista il cuore del gigante americano delle telecomunicazioni. Segno di una rivoluzione imminente?

New York (USA) - AT&T, la principale compagnia di telecomunicazioni americana sulla lunga distanza, ha deciso di adottare il VoIP, il sistema che sfrutta internet per indirizzare le telefonate. Saranno implementati presto nuovi servizi per la clientela, basati proprio sul VoIP, che affiancheranno quelli già esistenti, fondati su sistemi più tradizionali di comunicazione. Sarà anche previsto un canone flat-rate per tutti gli utenti VoIP di AT&T.

La società americana non intende certo rinunciare ai servizi standard di comunicazione intercontinentale, come ha dichiarato un portavoce di AT&T, ma il VoIP ha sortito un certo interesse nelle alte sfere dell'impresa, soprattutto per via dell'alta qualità delle prestazioni che garantisce e i bassi costi d'utilizzo; quindi la compagnia ha deciso di scommettere sul nuovo mercato che, stando alle previsioni di Cisco e di Databank Consulting, potrebbe rivelarsi un affare eccezionale nei prossimi anni.

In Italia, le principali società che offrono VoIP ad alto standard qualitativo, sono Rete Italy, Qtel e Cities Online. I servizi offerti dai tre concorrenti sfruttano il sistema di comunicazione "phone to phone" che, come testimoniato dal nostro recente speciale dedicato a quest'argomento, assicura prestazioni superiori rispetto al PC to PC e al PC to phone, ovvero alle altre forme di VoIP sviluppate in precedenza.