I server IBM ricominciano da e

All'interno di una drastica riorganizzazione del suo settore enterprise, IBM conia il nuovo marchio eServer che distinguerà il comparto dei server e dei mainframe hi-end dedicati in particolare all'e-business

New York (USA) - Sulla scia di uno dei cambiamenti più drastici nel settore server che abbia mai compiuto negli ultimi 30 anni, Big Blue dà vita ad un nuovo marchio, "eServer", che servirà a contraddistinguere la linea di power server e mainframe dedicati alla gestione di grosse reti e con particolari attitudini per l'e-business.

L'operazione di rebranding, che IBM spera possa ridurre la confusione dei clienti verso i suoi marchi, durerà circa tre mesi e costerà all'azienda 75 milioni di dollari

Sotto il largo ombrello degli eServer si ritroveranno parecchi nomi noti, ora riordinati in serie alfabetiche, come l'AS/400 (serie I), l'RS/6000 (serie P) per finire con la serie più economica, la X, che raccoglie l'attuale famiglia di Netfinity e NUMA-Q. Fra i nuovi modelli che abbracceranno il marchio eServer si trova invece lo zSeries 900, l'atteso aggiornamento alla settima generazione di mainframe S/390.
In un processo teso anche a ricapitalizzare la grande esperienza nel settore dei mainframe, IBM sostiene di voler coniugare le cose migliori di questo con quello dei server e ottenere così nuove linee di prodotti che possano soddisfare le attuali e future esigenze delle aziende odierne, fra cui il business on-line.
TAG: hw