Pikachu zappa gli squatters

Nintendo non ha intenzione di farla passare liscia a chi ha registrato decine di domini Internet che secondo l'azienda violano la sacralitÓ della numerosa famiglia dei mostriciattoli PokÚmon

Tokyo (Giappone) - Pikachu torna a farsi sentire. Il pi¨ celebre membro della vasta famiglia dei mostriciattoli televisivi creati dalla giapponese Nintendo, Ŕ uno dei nomi che appare nei 55 domini Internet sui quali l'azienda ha deciso di far calare la scure.

La casa di produzione videoludica, che Ŕ riuscita a vendere i PokÚmon in tutto il Mondo e a lanciare una vera e propria PokÚmon-mania internazionale, ha infatti confermato di aver intrapreso un'azione legale contro quelli che definisce "cybersquatters", persone che hanno registrato domini che violano i trademark legati ai mostriciattoli trasformanti.

Per la sua azione, Nintendo si Ŕ rivolta al Tribunale di Seattle, negli States, affermando che la registrazione di tutti quei domini costituisce "violazione di trademark, attentato all'integritÓ del trademark, pirateria digitale, violazione dell'Anti-Cybersquatting Protection Act nonchÚ pratiche commerciali illecite e fuorvianti". Per tutto questo, Nintendo chiede che quei domini le vengano trasferiti e le siano riconosciuti danni per quanto accaduto. Una "mazzata" che presto si abbatterÓ su chi ha registrato i domini di cui, per˛, non si hanno le specifiche.
TAG: domini