Denunce per chi abusa della flat

Accade a Londra dove quello che viene considerato il primo servizio flat-rate del paese ha annunciato una campagna per individuare chi usa l'accesso residenziale per fini commerciali. Chi sarà beccato rischia molto

Londra - Zero tolerance sugli abusi da flat-rate. Nelle scorse il Free Internet Group, il primo provider che in Gran Bretagna ha iniziato tempo fa ad offrire l'accesso ad Internet con numero verde in cambio di un canone mensile, è sceso sul sentiero di guerra. Il suo servizio è infatti rivolto solo agli utenti residenziali ma pare siano molti i professionisti e le imprese che lo sfruttano, abusandone.

Il provider, che offre accesso continuativo ai propri utenti, ha spiegato di aver iniziato a cercare chi tra i propri utenti utilizza il servizio a scopo commerciale. In una email inviata a tutti i propri clienti, il FIG ha spiegato di essere pronto "a far fuori questo uso illecito dei servizi 0800". L'azienda ha intenzione di tagliare l'accesso a tutti coloro che saranno riconosciuti come "abusivi", a non riconoscere alcun tipo di rimborso e, anzi, "ad attivarsi per perseguire penalmente gli abusivi per furto".

Il provider ha nelle scorse ore apposto sulle proprie pagine un avviso, un warning, che sottolinea come i servizi flat siano aperti ai soli utenti residenziali e che chi ne fa un uso commerciale potrà perdere i diritti di connessione da un momento all'altro senza alcun avvertimento. Va anche detto che FIG non se la passa benissimo: il servizio è stato infatti preso d'assalto dagli utenti ma non sembra rispondere con la qualità dovuta. E il mese scorso il provider ha alzato il canone da 50 a 90 sterline all'anno, segno forse della necessità di stringere "i cordoni della borsa".
TAG: mondo