Flat vittime di un male curabile?

di Paolo De Andreis. Il progressivo crollo delle flat colpisce gli utenti ma anche le aziende dell'e-commerce, il marketing, la pubblicità. Aspettando l'Autorità TLC, costosissimo fisiatra in ritardo

Roma - Un conto già pagato. I portafogli di tutti sono destinati a svuotarsi ulteriormente dopoché gli abbonati alla prima flat-rate apparsa in Italia, quella di Galactica, si sono visti chiudere l'accesso.

Lo chiamavano "il sogno americano", perché ci si poteva connettere alla rete come fanno gli americani, senza preoccuparsi dell'orologio. Ora è diventato un brivido italiano, che fa arrabbiare tanti e che fa male, molto male, non solo ad utenti e provider ma anche a tutta l'Italia online.

Uno ad uno i fornitori di connettività flat ci stanno ripensando, sospendendo le proprie offerte, trasformandole in altro attraverso operazioni di chirurgia plastica che lasciano segni visibili e permanenti, oppure nascondendole dietro "errori di sistema" o pagine web irraggiungibili sui propri siti. In realtà.. aspettano, aspettano che dagli organismi di controllo del mercato giunga una soluzione che consenta di tornare ad offrire un vero modello flat-rate in Italia.
La speranza di poter godere ancora in Italia di una tariffa di accesso a canone forfettario sta ora tutta nel lavoro di indagine e raccolta dati che l'Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni sta conducendo. Ed è una speranza flebile, ridotta al lumicino, perché legata ad una Authority che si è mossa con clamoroso ritardo rispetto ad un problema, che contiene un'enorme opportunità, che si era palesato molto tempo fa, ancor prima di materializzarsi in un'offerta flat vera e propria.

Dunque la speranza è affidata ad un manipolo di esperti che non solo non ha saputo anticipare gli eventi ma non ne ha neppure seguito il velocissimo ritmo di sviluppo, limitandosi ad annunciare in pompa magna ma con straordinario ritardo l'inizio di un lavoro dovuto da molto tempo, a tutti, agli utenti e alle imprese. Lavoro che dovrà saper guarire le ferite causate da un processo già avvenuto e non governato.

Nell'inevitabile incertezza di questa attesa i più ottimisti possono dunque sperare. Ma non ci si illuda di poter avere le informazioni necessarie a comprendere i perché del ritardo, o i perché certe decisioni non siano state prese, certe indagini siano state omesse, certi gruppi di pressione si siano dimenticati del proprio ruolo.

Né si cerchi di attribuire all'ex monopolista, Telecom Italia, un ruolo diverso da quello che i suoi "colleghi" hanno attivato in tutta Europa e che è stato denunciato dalle lobby del telefono americano. Il ruolo di un'azienda che è al centro del mercato, che possiede infrastrutture e servizi, che può disporre molto e di più e che è naturalmente, inevitabilmente legata mani e piedi alle priorità aziendali: non perdere (troppi) clienti durante le ultime fasi della liberalizzazione del mercato per mantenere senza fatica lo status di leader del settore, con gli introiti che ne conseguono.

Le flat morte o moribonde fanno male a tutti: agli utenti, costretti a ricominciare a ragionare a minuti; ai provider, la cui reputazione è sempre più a rischio; alle attività economiche online, quelle che vogliono dire occupazione e creazione di ricchezza, quelle gettonate dagli utenti flat, capaci di rimanere online molte ore tutti i giorni e di fruire di molti e diversi servizi.

Domani qualcuno dovrà finalmente annunciare che il modello flat-rate è possibile, che i contratti di servizio saranno trasparenti, che le tariffe non saranno eccessive. Sarà una buona e tardiva cura per i disastri di questi mesi. Una cura costosissima ma dovuta: il conto del dottore è già stato pagato, i portafogli sono già stati svuotati.

Paolo De Andreis
TAG: dial-up
32 Commenti alla Notizia Flat vittime di un male curabile?
Ordina
  • LA FLAT E' FALLITA ED ORA INIZIANO I GUAI SERI, GALACTICA HA INVIATO GIA LE LETTERE DI LICENZIAMENTO AD ALCUNI DIPENDENTI, CUI SEGUIRA'
    QUASI SICURAMENTE IL FALLIMENTO DA CUI SOLO LE BANCHE E I DIPENDENTI VEDRANNO FORSE QUALCHE LIRA E TUTTI GLI UTENTI CHE HANNO PAGATO SE LO PRENDERANNO DIRETTAMENTE NEL .... GRAZIE AL GOVERNO COMPLICE
    non+autenticato
  • abbonato lo scorso 13 settembre , segato regolarmente il 7 maggio 2001 , chiesto oltre 20 volte via mail ed a voce al loro helpdesk del cazzo al 848833394 il restante del mio abbonamento,ottenuto come risposta SEMPRE "passeremo la sua richiesta in amministrazione..." , e NON ancora ricevuto niente VOGLIO I MIEI SOLDI STRAMALEDETTI VOI!!!!!

    intanto ho bloccato la carta di credito,dato che non mi fido ,ed adesso anche se non ce n'e' bisogno voglio sputtanarvi ulteriolmente verso tutte le riviste di informatica,RIDATEMI I MIEI SOLDI DEL CAZZO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • Ora mi chiedo:
    Come si fa a parlare di libertà di comunicazione?
    Come si può ancora trovare gente che appoggia una ditta che fermato il progresso in Italia per oltre 40 anni?
    Come si può parlare di avanguardia tecnologica, quando 9.5/10 delle connessioni in Italia hanno una larghezza di banda di 56Kb?
    Cosa dobbiamo fare?
    Arrenderci o combattere?
    non+autenticato
  • La telecom ha fatto il suo tempo, siamo tutti d'accordo, no? Basta. vi prego ... basta con la telecom. L'ultimo oltraggio ...
    non+autenticato
  • si rende necessario far sapere a TUTTI e non solo a chi ha ricevuto questo oltraggio che è ora di mettere alle strette la Telecom.

    vogliono la guerra?

    e che guerra sia...

    Tele2, Infostrada, Albacom, Wind, ...

    devo continuare?
    non+autenticato
  • Tanto è sempre telecom che decide le tariffe, quindi puoi continuare all'nfinito!

    Ciao!

    - Scritto da: Andrea
    > si rende necessario far sapere a TUTTI e non
    > solo a chi ha ricevuto questo oltraggio che
    > è ora di mettere alle strette la Telecom.
    >
    > vogliono la guerra?
    >
    > e che guerra sia...
    >
    > Tele2, Infostrada, Albacom, Wind, ...
    >
    > devo continuare?
    non+autenticato
  • Telecom non è stata privatizzata nel modo migliore (dal precedente governo)?

    Telecom venduta ad un solo gruppo (dal precedente governo) e ora i problemi non mancano (vedi flat o superlentezza ampliamento ADSL).

    Il governo deve ancora intervenire in questioni private e fare da giudice.

    Chi garantisce che Telecom (attualmente senza alcuna concorrenza in alcuni settori chiave) non pensi solo ai propri interessi spremendo tutto il succo, semi compresi, senza un reinvestimento adeguato e un ammodernamento in tempi rapidi della rete?

    E la concorrenza di operatori di altri paesi? Come mai tardano ad arrivare? Forse esiste qualche impedimento? E le famose superlinee?

    non+autenticato
  • > Telecom non è stata privatizzata nel modo
    > migliore (dal precedente governo)?
    >

    Colaninno fece un'OPA.
    Non si poteva certo dirgli che non poteva comprare tutte le azioni che voleva pagandole piu' di quanto valevano, facendo guadagnare molto a tutti gli investitori.
    Cosa diversa e' l'operazione di tronchetti, che non ha fatto OPA, quindi ha fatto guadagnare solo Colaninno e gli amici e lasciato a bocca asciutta tutti gli altri.
    Per questo ora il titolo crolla in borsa..

    > Telecom venduta ad un solo gruppo (dal
    > precedente governo) e ora i problemi non
    > mancano (vedi flat o superlentezza
    > ampliamento ADSL).
    >

    Ripeto, un'opposizione sarebbe stata ridicola.
    Se io lancio un'offerta pubblica di acquisto, perche' dovrebbe essermi negata la possibilita' di provarci?
    in fondo si e' sempre detto meglio capitale italiano che straniero...

    > Il governo deve ancora intervenire in
    > questioni private e fare da giudice.
    >

    e questo e' molto grave a mio avviso

    > Chi garantisce che Telecom (attualmente
    > senza alcuna concorrenza in alcuni settori
    > chiave) non pensi solo ai propri interessi
    > spremendo tutto il succo, semi compresi,
    > senza un reinvestimento adeguato e un
    > ammodernamento in tempi rapidi della rete?
    >

    Il codice civile.
    Bosignerebbe solo farlo rispettare.
    Telecom e' ex monopolista pubblico, quindi ha degli obblighi ai quali nessuno l'ha mai richiamata finora.
    E le authority si svegliano sempre a fatto compiuto.

    > E la concorrenza di operatori di altri
    > paesi? Come mai tardano ad arrivare? Forse
    > esiste qualche impedimento? E le famose
    > superlinee?
    >

    boh...
    forse perche' in Italia non e' conveniente investire, visto che comunque bisogna fare i conti con sua signora Telecom Italia S.p.A.?
    non+autenticato
  • > Colaninno fece un'OPA.
    > Non si poteva certo dirgli che non poteva
    > comprare tutte le azioni che voleva
    > pagandole piu' di quanto valevano, facendo
    > guadagnare molto a tutti gli investitori.

    Il governo doveva prevedere che potesse succedere questo prima di mettere Telecom in vendita e non permettere ad una sola organizzazione di impossessarti del monopolista, anche perchè se io un monopolio statale lo metto nelle mani di un privato non c'è differenza, diventa solo un monopolio privato.

    > Cosa diversa e' l'operazione di tronchetti,
    > che non ha fatto OPA, quindi ha fatto
    > guadagnare solo Colaninno e gli amici e
    > lasciato a bocca asciutta tutti gli altri.

    Se il titolo crolla in borsa alle aziende italiane che hanno dei costi superiori di telecomunicazioni non penso importi molto.

    > Per questo ora il titolo crolla in borsa..

    > Ripeto, un'opposizione sarebbe stata
    > ridicola.
    > Se io lancio un'offerta pubblica di
    > acquisto, perche' dovrebbe essermi negata la
    > possibilita' di provarci?
    > in fondo si e' sempre detto meglio capitale
    > italiano che straniero...

    Ripeto, doveva prevederlo prima di mettere telecom sul mercato.

    > > Il governo deve ancora intervenire in
    > > questioni private e fare da giudice.
    > >
    >
    > e questo e' molto grave a mio avviso
    >
    > > Chi garantisce che Telecom (attualmente
    > > senza alcuna concorrenza in alcuni settori
    > > chiave) non pensi solo ai propri interessi
    > > spremendo tutto il succo, semi compresi,
    > > senza un reinvestimento adeguato e un
    > > ammodernamento in tempi rapidi della rete?
    > >
    >
    > Il codice civile.
    > Bosignerebbe solo farlo rispettare.
    > Telecom e' ex monopolista pubblico, quindi
    > ha degli obblighi ai quali nessuno l'ha mai
    > richiamata finora.
    > E le authority si svegliano sempre a fatto
    > compiuto.

    Ma non sarebbe più semplice una economia impostata sulla vera concorrenza? come negli USA? dove tutto funziona perchè se sbagli sei fritto?

    > > E la concorrenza di operatori di altri
    > > paesi? Come mai tardano ad arrivare? Forse
    > > esiste qualche impedimento? E le famose
    > > superlinee?
    > >
    >
    > boh...
    > forse perche' in Italia non e' conveniente
    > investire, visto che comunque bisogna fare i
    > conti con sua signora Telecom Italia S.p.A.?
    non+autenticato
  • > Ma non sarebbe più semplice una economia
    > impostata sulla vera concorrenza? come negli
    > USA? dove tutto funziona perchè se sbagli
    > sei fritto?
    >

    o se sei ricco e amico di giudici, presidenti e quant altro?
    no grazie
    O.J.Simpson e il caso Microsoft sono li' a testimoniare che da loro e' peggio che da noi.

    Cia

    p.s.: le leggi per la concorrenza ci sono in Italia.
    se non si fanno rispettare, nessun modello e' valido.
    non+autenticato
  • Questa storia che è peggio in USA che da noi non la digerisco proprio. Se poi intendiamo come peggio la ricchezza, i servizi eccellenti, l'innovazione e tutto il meglio che ci possa essere, allora sono d'accordo.

    - Scritto da: penetrator
    > > Ma non sarebbe più semplice una economia
    > > impostata sulla vera concorrenza? come
    > negli
    > > USA? dove tutto funziona perchè se sbagli
    > > sei fritto?
    > >
    >
    > o se sei ricco e amico di giudici,
    > presidenti e quant altro?
    > no grazie
    > O.J.Simpson e il caso Microsoft sono li' a
    > testimoniare che da loro e' peggio che da
    > noi.
    >
    > Cia
    >
    > p.s.: le leggi per la concorrenza ci sono in
    > Italia.
    > se non si fanno rispettare, nessun modello
    > e' valido.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MIKI
    > Questa storia che è peggio in USA che da noi
    > non la digerisco proprio. Se poi intendiamo
    > come peggio la ricchezza, i servizi
    > eccellenti, l'innovazione e tutto il meglio
    > che ci possa essere, allora sono d'accordo.

    non hai mai pensato che OLTRE alle cose positive ci sono spesso ANCHE quelle negative ?
    Dappertutto ovviamente: e non solo negli USA quindi "Sorride"
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)