Software/ Zope, l'Application Server open source

Facciamo la conoscenza di Zope, la risposta open source ad application server commerciali come ColdFusion, Silverstream e Netscape Application Server

Zope (Z Object Publishing Environment), oramai arrivata alla versione 2.2, è una piattaforma Open Source basata su oggetti che permette di costruire facilmente applicazioni web potenti, dinamiche e molto performanti. Utilizza un database ad oggetti integrato, studiato appositamente per facilitare il lavoro dei Contents Manager e degli sviluppatori web.

Zope consente ai team di collaborare nella creazione e nella gestione di applicazioni fortemente dinamiche, basate sul web, come Intranet e Portali.

La gestione delle news e dell'e-commerce all'interno di un'applicazione web diventa estremamente semplice grazie agli strumenti offerti nativamente da Zope.
Inoltre attraverso l'ereditarietà delle classi si può gestire in maniera uniforme l'estetica del sito e facilmente se ne può anche effettuare la personalizzazione.

L'architettura di questo prodotto compete con prodotti commerciali come ColdFusion, Silverstream e Netscapès Application Server. In Zope le pagine web sono costruite aggiungendo "oggetti" e modificandone le "Proprietà". Nel software sono già inclusi diversi oggetti nativi ad uso dei costruttori del sito, ad esempio i Folders (per la gestione omogenea dei dati, analoga alle directory del file system), Documents (per le gestione delle pagine vere e proprie che verranno pubblicate), Images (gestisce le immagini con Anteprima e caricamento) e MailHost (per l'invio e la ricezione delle mail attraverso il protocollo SMTP).
Il sistema è organizzato in Gerarchie di Oggetti, molto simile ad un file system tradizionale. Una semplice gerarchia di oggetti potrebbe includere un folder contenente dei documents i quali a loro volta possono avere delle images, oltre ad eventuali sotto-folder per organizzare ulteriormente i contenuti o delegarli. Tutto questo processo è effettuato attraverso un qualsiasi Browser Web, non c'è bisogno di accedere direttamente al file system.
I documenti di Zope, oltre al codice HTML standard, sono arricchiti di alcuni costrutti di programmazione più evoluti come l'iterazione, i test condizionali, l'inserimento di variabli, gestione di cookies, gestione degli HTTP Headears ecc. Poiché queste funzionalità HTML arricchite sono oggetti, l'utente finale può annullare gli errori fatti: l'"undo" è infatti una funzionalità evoluta offerta dal sistema.

Zope è multipiattaforma, può essere utilizzato su svariati sistemi operativi e Web Server.
Zope attraverso gli Z SQL Methods fornisce accesso a database relazionali esterni. Le applicazioni Zope sono sviluppate su un database nativo orientato agli oggetti. Tutti i dati di Zope sono memorizzati in questo database ad oggetti. I comandi e le query ai database relazionali possono essere usate per pubblicare, memorizzare ed elaborare dati esterni permettendo la creazione di applicazioni WEB basate su database, anche se già esistenti.
Gli Z SQL Methods mantengono aperte le connessioni ai database, fornendo alte performance (non richiedono l'apertura della connessione al database ad ogni richiesta). Attraverso gli Z SQL Methods si possono dunque creare applicazioni complesse che sarebbe estremamente difficile creare con altri ambienti di sviluppo.

Cosa si può fare con Zope?

Zope è leader nel mercato degli application server open-source, perchè offre la soluzione più flessibile per creare e mantenere siti web di grandi dimensioni.
E' possibile realizzare un'infrastruttura tale da permettere al sito di crescere con le proprie esigenze commerciali, ricorrendo esclusivamente agli strumenti messi a disposizione da Zope.
Per avere un'idea di quelli che Zope è in grado di gestire, è possibile dare un'occhiata ai siti, italiani e stranieri, che già lo utilizzano:
http://www.annuncicasa.com
http://www.tradinglab.com
http://www.arcibaldo.it
http://www.appwatch.com
http://www.stormlinux.com/
http://www.technocrat.net
http://www.punto.it
http://squishdot.org/
http://www.beehive.de/
http://www.winecask.com/

In generale, il modo per sapere se un dato sito è stato creato con Zope è quello di vedere se esiste la directory "manage", come ad esempio in http://www.annuncicasa.com/manage. Questa non si può comunque considerare una prova definitiva, visto che la collocazione della directory di amministrazione può essere cambiato rispetto alla configurazione di default.