Intercettazioni digitali: DragonWare FBI

La prima analisi sui documenti declassificati di Carnivore dimostrano che quello non è che una parte del tutto. Le capacità di spionaggio elettronico del sistemone FBI vanno ben oltre. E spunta Omnivore

Washington (USA) - L'FBI ha dovuto piegarsi e rendere note 'obtorto collo' 600 pagine di documentazione sul proprio sistema di intercettazione delle email noto come Carnivore. Documenti che mettono in luce come Carnivore non sia che una parte del tutto, cioè di un sistemone noto come "DragonWare Suite" capace di ricostruire a posteriori la navigazione Web, pagina per pagina, effettuata da un indagato.

La DragonWare Suite sarebbe un pacchetto di programmi che comprende anche "Packeteer" e "Coolminer", software capaci di ravanare nei dati raccolti da Carnivore e sputare tutte le informazioni sulle comunicazioni elettroniche ricevute e trasmesse dai soggetti messi sotto osservazione.

I documenti, rilasciati dopo una sentenza favorevole alla richiesta di trasparenza dell'Electronic Privacy Information Center, contengono molte aree oscurate perché ancora "classificate". Eppure, dall'insieme gli esperti stanno traendo un "quadretto" del sistema di intercettazione e spionaggio che appare decisamente preoccupante.
Tra i dettagli venuti a galla, il fatto che Carnivore è un software basato su Windows sviluppato a partire da programmi commerciali e poi "personalizzato" dall'FBI. Una volta installato sul server "da controllare", può intercettare e filtrare le email che vi girano, registrarle e inviare i dati all'FBI o archiviarli su un supporto rImovibile.

Pare che la fantasia per i nomi all'FBI avesse contagiato anche il modello di software di intercettazione che ha preceduto Carnivore. Quel software, Omnivore, girava su Sun Solaris ed era in grado di sniffare email e archiviare tutto in tempo reale. Da Omnivore l'FBI giunse nel settembre del 1998 al suo upgrade, "Phiple Troenix" da cui, successivamente, sarebbe nato Carnivore. Phiple Troenix sembra abbia avuto il compito di portare Omnivore su piattaforma Windows NT.

Oggi Carnivore viene ampiamente utilizzato dall'FBI, anche se i dati sull'uso sono strettamente riservati, e sarebbero in via di sviluppo le versioni 2.0 e 3.0 del software. Insieme a questi, sarebbero in fase di elaborazione anche le tecnologie di voice-over-ip "DragonNet", nome da cui deriva, appunto, DragonWare.

Carnivore, comunque, rimane al momento all'esame di un Comitato indipendente di esperti, accusato di essere però costituito da esperti prezzolati dal ministero della Giustizia. Lo stesso ministero che ha autorizzato la realizzazione del software e che ne ha difeso fino ad oggi l'applicazione.
TAG: cybercops