Ultimo miglio per nove milioni di utenti?

Questo è quanto afferma l'Autorità TLC. Ma il dato è potenziale, perché non si sa quanti utenti lasciano Telecom Italia e passino effettivamente ad altri operatori del settore. Segni o sogni di liberalizzazione?

Ultimo miglio per nove milioni di utenti?Roma - Alla fine di questo mese saranno addirittura nove milioni gli utenti di telefonia italiani che potranno fruire dei benefici del cosiddetto "ultimo miglio", e dunque slegarsi da Telecom Italia.

Il dato, riferito dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, è però esclusivamente "potenziale", perché mancano i numeri della "migrazione". "Ad oggi - ha infatti spiegato il commissario dell'Autorità Vincenzo Monaci - non sappiamo chi e quanti saranno gli abbonati che rescindendo da Telecom saranno utenti diretti degli altri operatori".

La fruzione delle opportunità dell'ultimo miglio significa per gli utenti poter affidare ad un operatore diverso la gestione del tratto di linea che collega le proprie abitazioni alla rete telefonica. Una questione fondamentale, perché questa gestione porta con sé l'ottenimento di pacchetti di "servizi a valore aggiunto" messi a punto dalle diverse imprese. In questo senso si sono già mossi i colossi, come Wind, che per il momento, però, non consentono ai propri nuovi utenti "migrati" da Telecom Italia con l'ultimo miglio di utilizzare servizi TLC di altri operatori.
"Oggi - ha spiegato ieri Monaci - ci sono 311 siti di co-locazione attrezzati che già possono ospitare qualsivoglia operatore alternativo". I siti di co-locazione sono le infrastrutture sul territorio ove è possibile che a Telecom Italia subentrino le altre compagnie. "Altri 200 siti - ha continuato Monaci - saranno pronti entro la fine del mese. Si tratta del 35 per cento delle linee telefoniche disponibili in Italia, ovvero di nove milioni di utenti".

I punti di domanda per gli utenti sono quelli aperti dal fatto che non tutti gli operatori sono pronti ad investire quanto serve per assicurarsi fette importanti del mercato che si apre con la liberalizzazione dell'ultimo miglio. "Nessuno - ha aggiunto Monaci - vuole investire una lira; tutti, grandi e piccoli, vorrebbero le cose gratis e questo non è possibile". E ha ricordato che prima della fine dell'anno la percentuale delle linee telefoniche potenzialmente "aperte" ad operatori diversi da Telecom Italia supereranno la metà del totale. Quanti utenti potenziali di gestori alternativi a Telecom Italia diverranno utenti reali?
22 Commenti alla Notizia Ultimo miglio per nove milioni di utenti?
Ordina
  • Nonostante si faccia un gran parlare di liberalizzazione dell'ultimo miglio, vorrei sottolineare, per esperienza personale, come un utente privato che volesse riattivare una linea telefonica fissa, ad oggi non ha una concreta alternativa a Telecom. Non solo, ma in caso di stipula di un nuovo contratto di rete fissa con Telecom, attualmente si é obbligati a mantenerlo per un minimo di 12 mesi, prima di poter trasferire la propria utenza ad un altro gestore.
    Quindi, pur senz'altro significativo domandarsi quanta parte del bacino d'utenza attuale sceglierebbe di affidare la propria linea fissa ad un'altro gestore, sarebbe altrettanto interessante che i gestori di servizi di telefonia attualmente sul mercato si potessero convenientemente proporre ai privati, come già peraltro fanno con le Aziende, con soluzioni di rete fissa comprensive come minimo dello storico (baluardo Telecom) doppino telefonico!.
    non+autenticato
  • L'avermi abbonato d'ufficio, non aver provveduto alla disdetta effettuata telefonicamente, accompagnata da appropriate proteste,alla famigerata, OFFERTA TELECONOMY 24 ,POTEVA SUCCEDERE SOLO AD UN CITTADINO DI QUESTA REPUBBLICA DELLE BANANE, DOVE IL DON RODRIGO DEL MOMENTO ( Telecom ),DECIDE SE QUESTO MATRIMONIO SA' O NON SA' DA FARE NEL 2001, IN LOMBARDIA !!!
    DIRE CHE C'E' DA VERGOGNARSI E' POCO.
    Tanti auguri alla telecom.
    Con viva cordialita'
    Vincenzo Libertini
    non+autenticato
  • La mia era solo una riflessione! Ma ho notato che solo poche persone hanno risposto in maniera intelligente.

    Grazie lo stesso
    non+autenticato


  • Non è possibile!

    In certi momenti della giornata la connessione-telecom cade continuamente.

    Se non sono disfunzioni o disservizi Telecom cos'è?


    non+autenticato
  • C'era una volta una serqua di affaristi che, in nome del progresso tecnologico ed economico del Paese, disse: "È ora di finirla che ci sia solo un soggetto che lucra sul traffico telefonico. Adesso andremo dal Legislatore e gli imporremo di regalarci le linee d'utente, in modo che possiamo riaffittarle senza spendere una lira per costruirci la nostra rete... Non solo; esigeremo anche che in caso di guasto ci venga fatta manutenzione ad un prezzo irrisorio. Altrimenti come faremmo, noi poveri affaristi, se dovessimo investire del nostro? Non rientreremmo più delle spese, visto che per allettare la clientela a cambiare operatore dovremo svendere il traffico".
    Così andarono dal Legislatore e, in nome della libertà per il consumatore e dell'apertura del mercato del lavoro, avanzarono la loro libertaria richiesta. E poterono mettere in piedi delle strutture *puramente commerciali* e svincolarsi dagli investimenti tecnici, costringendo il vecchio monopolista a ridimensionare gli organici senza peraltro creare nuove opportunità di crescita, sviluppo e mercato del lavoro in ambito tecnico.
    E i clienti che poterono cambiare, e che poco si curavano di queste quisquilie in nome di poche lirette risparmiate, vissero felici e contenti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)