Articolo21/ New economy che discrimina?

di Antonello Iunco. Il caso di una compagnia telefonica siciliana mette in evidenza come nell'economia delle nuove tecnologie non sempre ci sia spazio per tutti in ugual misura

Web - La via siciliana alla New Economy: la compagnia telefonica Flytel, esclude a qualsiasi livello gli uomini dal proprio organico. Un Girl Power che, però, potrebbe violare le leggi sulle pari opportunità in materia di occupazione. Una volta si diceva: "Donna al volante, pericolo costante". I tempi, però, cambiano, e con essi cambiano i leit motiv della nostra economia.

Quantomeno singolare, nel suo modo di concepire il business, è l'azienda
telefonica Flytel che, riprendendo tematiche più vicine al Girl Power delle Spice Girls che ai classici diktat dell'economia, concepisce un preoccupante classismo "anti-maschio", che si concretizza nelle seguenti parole, tratte dal sito ufficiale della compagnia telefonica: "Le donne sono più costanti, affidabili ed intraprendenti degli uomini e se motivate sono anche molto professionali".

Opinioni personali, persino condivisibili, ma che si concretizzano, nell'azienda in questione, in una "politica aziendale" fortemente discutibile. Sempre sulla home page di Flytel si legge: "Anche l'assetto societario, in visione della disponibilità aziendale all'ingresso di nuovi soci, non consentirà l'accesso a figure maschili". Gli esponenti del cosiddetto "sesso forte" quindi sono persino esclusi dall'organigramma dell'azienda, oltre a non poterne far parte in qualità di dipendenti.
Ricapitolando, applicando il "Business Model" della signora Caterina Clemente, "donna manager" a capo della Flytel (madre di tre figli, perché si sa, in quel caso gli uomini hanno la loro utilità), il signor Mario Rossi può aprire l'azienda RossiTel e, applicando il suo teorema "Donna al volante, pericolo costante", escludere completamente le donne dal proprio organico aziendale, e vantarsi della propria scelta sul sito aziendale.

Questo comportamento, alla luce delle norme vigenti, non è consentito. Esiste infatti una commissione non a caso chiamata Commissione Pari Opportunità, che già nella sua denominazione stabilisce che le opportunità, non solo professionali, di ambo i sessi debbano essere quanto più possibile identiche.

L'Articolo 4 della Legge 125 del 1991 (Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro) riporta quanto segue:

1. Costituisce discriminazione, ai sensi della legge 9 dicembre 1977, n. 903, qualsiasi atto o comportamento che produca un effetto pregiudizievole discriminando anche in via indiretta i lavoratori in ragione del sesso.

2. Costituisce discriminazione indiretta ogni trattamento pregiudizievole conseguente alla adozione di criteri che svantaggino in modo proporzionalmente maggiore i lavoratori dell'uno o dell'altro sesso e riguardino i requisiti non essenziali allo svolgimento dell'attività lavorativa.

3. Nei concorsi pubblici e nelle forme di selezione attuate da imprese private e pubbliche la prestazione richiesta deve essere accompagnata dalle parole "dell'uno o dell'altro sesso", fatta eccezione per i casi in cui il riferimento al sesso costituisca requisito essenziale per la natura del lavoro o della prestazione.

L'azienda telefonica siciliana, dunque, propaganda sul suo sito Internet e sulla stampa locale un comportamento potenzialmente illegale e comunque fortemente discriminante per i tanti disoccupati di sesso maschile che vivono nella regione Sicilia e che hanno pari dignità, pari capacità e pari diritto d'accesso al lavoro rispetto alle loro corregionali.

E' forse questa la parità fra i sessi? E' per questo che le donne, negli scorsi decenni, hanno combattuto duramente per ottenere la tanto sospirata "Parità"?

Qual è il senso concreto di questo "razzismo alla rovescia" perseguito dalla FlyTel? E' davvero questo il futuro della condizione femminile, l'essersi liberate da un ghetto di tipo familiare per andare a rinchiudersi in un altro ghetto, quello dorato degli uffici della New Economy?

Noi di Articolo21, nella speranza che gli unici spazi "solo per uomini" e "solo per donne" nelle attività professionali rimangano solo e soltanto le toilettes, giriamo il nostro articolo al Presidente della Commissione Pari Opportunità, a Punto Informatico e alla stessa FlyTel, in attesa di risposte chiarificatrici.

Antonello Iunco
Articolo21.it
TAG: italia
36 Commenti alla Notizia Articolo21/ New economy che discrimina?
Ordina
  • Se una azienda qualsiasi esponesse una offerta di lavoro limitata ad un solo sesso verrebbe immediatamente censurata e perseguita.
    Nulla in contrario in merito alle esigenze della Flytel con la quale posso essere in accordo sulle qualità femminili ma.... fa tutto ridere
    non+autenticato
  • ...Se hanno già assolto gli obblighi militari, a te chiedo se hai intenzione di sposarti o avere figli". Questo mi sono sentita chiedere in fase di colloquio di lavoro in qualità di "donna non discriminata". E per essere assunta mi sono trovata costretta a rispondere, mio malgrado "No", quando invece la risposta sarebbe stata "Sì". Questa per voi non è discriminazione????
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    > ...Se hanno già assolto gli obblighi
    > militari, a te chiedo se hai intenzione di
    > sposarti o avere figli". Questo mi sono
    > sentita chiedere in fase di colloquio di
    > lavoro in qualità di "donna non
    > discriminata". E per essere assunta mi sono
    > trovata costretta a rispondere, mio malgrado
    > "No", quando invece la risposta sarebbe
    > stata "Sì". Questa per voi non è
    > discriminazione????

    Ti è andata bene.
    Un fetente così ti poteva benissimo chiedere:
    "signorina, se vuole il posto, dece ciulare con me".
    non+autenticato
  • Quindi concordi con me sul fatto che C'E' DISCRIMINAZIONE nei confronti delle donne. ANCORA OGGI!!!!...non credo che a un maschietto avrebbero chiesto altrettanto per ottenere un posto di lavoro!!! Per non parlare del rispetto nell'accomunare una cosa importante come la maternità al servizio militare!!!!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    > Quindi concordi con me sul fatto che C'E'
    > DISCRIMINAZIONE nei confronti delle donne.
    > ANCORA OGGI!!!!...non credo che a un
    > maschietto avrebbero chiesto altrettanto per
    > ottenere un posto di lavoro!!! Per non
    > parlare del rispetto nell'accomunare una
    > cosa importante come la maternità al
    > servizio militare!!!!ù
    Certo che concordo, aspettavi una conferma?Viviamo in un mondo di merda (scusa il termine), checchè ne dicano certi fottuti benpensanti.
    Un mondo di fottuti "arrivisti" (che non arrivano da nessuna parte), ma che possono fare tanti danni al prossimo "non raccomandato".
    Devo aggiungere altro?
    Ciao.


    non+autenticato
  • Dico solo: spero tanto che tu sia un uomo, uno dei pochi che capiscono e ammettono questo grosso problema femminile.
    Grazie e ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    > Dico solo: spero tanto che tu sia un uomo,
    > uno dei pochi che capiscono e ammettono
    > questo grosso problema femminile.
    > Grazie e ciao

    Sono Alien, non mi conosci?
    Non sono Aliena.
    Ciao
    non+autenticato
  • You never knowOcchiolino
    Bye
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    > You never knowOcchiolino
    > Bye
    Bo ho capito che cazzo vuoi dire, ma va bene lo stesso.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Alien
    >
    >
    > - Scritto da: Candy
    > > You never knowOcchiolino
    > > Bye
    > Bo ho capito che cazzo vuoi dire, ma va bene
    > lo stesso.
    >


    Vuol dire "Non si sa mai"Occhiolino
    Ciao
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    > ...Se hanno già assolto gli obblighi
    > militari, a te chiedo se hai intenzione di
    > sposarti o avere figli". Questo mi sono
    > sentita chiedere in fase di colloquio di
    > lavoro in qualità di "donna non
    > discriminata". E per essere assunta mi sono
    > trovata costretta a rispondere, mio malgrado
    > "No", quando invece la risposta sarebbe
    > stata "Sì". Questa per voi non è
    > discriminazione????


    Gradirei una risposta dall'autore dell'articolo, visto che è stato anche così "acuto" da far notare che gli uomini servono solo a fare figli, probabilmente prendendo spunto dall'idea che in realtà ha lui delle donne.
    Grazie
    non+autenticato


  • - Scritto da: Candy
    >
    >
    > - Scritto da: Candy
    > > ...Se hanno già assolto gli obblighi
    > > militari, a te chiedo se hai intenzione di
    > > sposarti o avere figli". Questo mi sono
    > > sentita chiedere in fase di colloquio di
    > > lavoro in qualità di "donna non
    > > discriminata". E per essere assunta mi
    > sono
    > > trovata costretta a rispondere, mio
    > malgrado
    > > "No", quando invece la risposta sarebbe
    > > stata "Sì". Questa per voi non è
    > > discriminazione????
    >
    >
    > Gradirei una risposta dall'autore
    > dell'articolo, visto che è stato anche così
    > "acuto" da far notare che gli uomini servono
    > solo a fare figli, probabilmente prendendo
    > spunto dall'idea che in realtà ha lui delle
    > donne.
    > Grazie


    Vedo che l'autore dell'articolo, che ieri ha preteso una risposta tempestiva dalla titolare dell'azienda e ha criticato il suo non rispondere, a tutt'oggi non ha ancora risposto alla mia richiesta di ieri...Vedi, il problema è questo: non bisogna MAI giudicare le azioni altrui, perchè prima o poi, dato che la vita è bastarda, ti capiterà SICURAMENTE di ripetere le stesse azioni che avevi in precedenza giudicato male. E allora poi come la mettiamo?
    Direi comunque che posso ritenermi soddisfatta della tua non risposta, era esattamente quello che mi aspettavo.
    Grazie e ciao
    non+autenticato
  • Se ci pensiamo bene i neri americani che hanno subito un paio di secoli di segregazione razziale e negazione dei diritti elementari sono pazzescamente razzisti verso i bianchi del loro stesso paese; non parliamo poi degli ebrei, che dopo l'olocausto invece di imparare a rispettare le altre etnie e il valore sacro della vita hanno scacciato un popolo dal loro territorio e gli hanno, in pratica, tolto qualsiasi dignità e diritto; in primis quello dell'autodeterminazione.
    Cosa c'è da stupirsi se le donne dopo vent'anni di lotte per una giusta causa, raggiunto il loro obbiettivo si comportano come quelli che hanno osteggiato?

    La gente è solo MERDA!!!!
    non+autenticato
  • ...ma ti sei accorta che io sono un ometto?
    Tanto voglio proprio vedere chi è così folle da mandare il proprio curriculum a flytel nella speranza di essere assunto... già il nome "flytel" è tutto un programma.
    Tempo 3 mesi e fallisce.
    non+autenticato
  • A voi ogni commento.

    ----copia-&-incolla

    Spett.le Dott. Lunco,

    rispondo immediatamente alla sua e-mail, perchè quello che dice è vero e
    giusto.

    Le spiego brevemente che all'inizio della nostra attività lo spirito
    aziendale è stato quello di dare finalmente voce alle donne le quali, da
    sempre sono rilegate in un ruolo marginale della società.

    Mi fa piacere che molti uomini oltre a lei ha notato questa
    controtendenza, ma faccio sempre notare che da anni è successa la stessa
    cosa con aziende che hanno tassativamente vietato l'ingresso di donne nel
    management e nell'organico interno.

    Per tranquillizzarla comunque la informo che abbiamo dato spazio a molti
    uomini sia nel management che nel personale diretto e indiretto, e anche
    l'assetto societario, che nel frattempo è cambiato, sono presenti uomini.

    Mi scuso per non avere ancora modificato le pagine del sito che le ha
    suscitato questo interesse tanto da segnalarlo alla Commissione parità di
    Palazzo Chigi, ma le assicuro e me ne prendo le responsabilità che non
    stiamo violando nessuna legge sulla parità di trattamento tra i sessi.

    Con osservanza

    L'amministratore unico
    Clemente Caterina Anna

    --- fine copia & incolla

    Cari uomini pentitevi, ed ammettete, recitando il Mea Culpa, di stare "rilegando" le donne in un ruolo marginale nella societa', in quella grande copisteria che e' la vita.
    Che poi le donne ormai siano presenti in tutte le attivita' della nostra vita, e' fatto ormai accertato, piuttosto avrei dei dubbi per quanto riguarda la presenza di certi rampanti manager della new economy alle lezioni di Italiano.
    non+autenticato
  • > Che poi le donne ormai siano presenti in
    > tutte le attivita' della nostra vita, e'
    > fatto ormai accertato, piuttosto avrei dei
    > dubbi per quanto riguarda la presenza di
    > certi rampanti manager della new economy
    > alle lezioni di Italiano.


    I manager della New-economy parlano solo utilizzando acronimi in inglese e per chiedere alla ragazza (quando hanno il tempo) di fare una ciulatina prima organizzano una riunione, poi elencano le proprie capacità con diapositive di PowerPoint e nel frattemopo l'idraulico si è fatto la ragazza...

    Ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)