P4 fra annunci, prezzi e gigahertz

Intel ha ritoccato i prezzi del Pentium 4 cercando in questo modo di mettere un tappo al buco lasciato dalla dipartita del PIII a 1,13 GHz. Già da novembre dovrebbero poi arrivare i chipset DDR per P4 di ALI e Via

Santa Clara (USA) - La nuova data "quasi" ufficiale di lancio del Pentium 4 sarà quella del 20 novembre, giorno in cui Intel annuncerà sia il modello a 1,4 GHz che quello a 1,5 GHz. I due chip, già presenti presso alcuni rivenditori on-line asiatici al prezzo base di 1270$, dovrebbero avere un prezzo di listino, per volumi di 1.000 pezzi, rispettivamente di 625$ e 795$.

I prezzi del Pentium 4 saranno dunque inferiori a quelli inizialmente annunciati, ed il motivo questa volta non sembra direttamente legato alla guerra con AMD: l'obiettivo principale di Intel è, con tutta probabilità, quello di rendere il Pentium 4 appetibile anche ai potenziali acquirenti dello scomparso Pentium III a 1,13 GHz, cercando in questo modo di tamponare, per quanto possibile, la migrazione degli utenti hi-end verso AMD.

La roadmap di Intel sembra indicare nel primo trimestre del prossimo anno l'uscita del P4 a 1,7 GHz e nel secondo trimestre quella del modello a 2 GHz.
I primi PC consumer equipaggiati con il P4 dovrebbero comparire sul mercato a partire dai primi mesi del prossimo anno e costare all'incirca 2.000 dollari, monitor escluso.

Il più grosso problema del P4, come si è detto più volte, è il suo diretto legame con le memorie RDRAM. A questo Intel ha cercato di porre rimedio in vari modi: innanzitutto, come si è visto, moderando il costo dei chip; in secondo luogo avviando il programma RDRAM Credit, attraverso cui offrirà un sussidio iniziale di 70$ per ogni processore P4 assemblato in un PC; per ultimo, introducendo, probabilmente già a partire dal secondo trimestre del prossimo anno, un chipset con supporto alle più economiche memorie DDR (nome in codice Brookdale).

Prima di Brookdale però arriveranno sul mercato, probabilmente già dal prossimo mese, i chipset DDR di ALI e Via, entrambi in versione sia per Pentium 4 che per Athlon.

I due chipmaker stanno ancora negoziando con Intel la licenza per produrre questi chipset, necessaria per l'implementazione del bus del P4, ma non si prevedono particolari obiezioni da parte di una Intel a cui questi chipset potrebbero far comodo fino all'arrivo di Brookdale.

Ma quello del costo delle memorie non sarà l'unico problema che Intel dovrà affrontare: l'altro è dato dai problemi produttivi, che tanto hanno afflitto il chipmaker nei mesi passati. L'azienda sostiene che quest'anno riuscirà a produrre qualche "centinaio di migliaia" di chip, una cifra che certamente non impressiona e che dovrà aumentare considerevolmente già a partire dal prossimo anno.
TAG: hw