Il WMA s'infila sui CD a prova di copia

Il polverone sollevato dall'arrivo sul mercato dei primi CD audio protetti rischia di generare caos: i CD audio integrano file audio compressi

Il WMA s'infila sui CD a prova di copiaLos Angeles (USA) - In questi ultimi mesi un po' tutte le maggiori case discografiche americane, inclusa l'europea BMG, hanno annunciato piani per rilasciare sul mercato CD protetti dalla copia. Secondo la previsione di alcuni osservatori, entro la metà del prossimo anno quasi il 50% dei CD audio commercializzati in USA conterranno una qualche forma di protezione dalla copia.

Nonostante questo, le major discografiche sono ben coscienti del malumore causato fra i consumatori dall'arrivo delle tecnologie anti-copia: queste, infatti, oltre ad impedire la duplicazione abusiva dei CD (estrazione digitale delle tracce audio, masterizzazione) rendono altresì impossibile il trasporto dei brani su altri dispositivi e, alcune, persino il loro ascolto sui lettori CD-ROM.

Per evitare il rischio che gli utenti si ritengano defraudati di diritti ormai acquisiti, come la possibilità di effettuare copie di backup della musica regolarmente acquistata o di estrarre le canzoni per ascoltarle su computer o player MP3, le maggiori etichette stanno pensando ad una nuova soluzione ibrida: affiancare alle tracce audio convenzionali una traccia dati contenente le stesse canzoni ma in formato compresso.
In sostanza, questi nuovi CD potrebbero contenere due diverse versioni dello stesso album: una riproducibile attraverso i tradizionali lettori di CD audio e protetta dalla copia mediante tecnologie come quelle proposte da Macrovision, SunnComm, Midbar ed altri, ed una contenente file audio compressi riproducibili attraverso un computer o un player portatile e protetti dalla tecnologia digital rights management (DRM).

In questo modo, secondo i portavoce di alcune case discografiche, i consumatori potranno nuovamente avere la possibilità di ascoltare i loro brani ovunque essi desiderino e farne una copia per uso personale.

La scelta del formato audio compresso da adottare in congiunzione con questi CD ibridi sembra essere ricaduta sul Windows Media Audio (WMA) di Microsoft: alcune delle etichette che hanno proposto soluzioni di questo genere hanno infatti preferito la tecnologia del big di Redmond, facendo dunque cadere quella reticenza che, fino ad oggi, aveva portato le case discografiche ad evitare di appoggiare in maniera esplicita un formato proprietario in particolare.

Se la cosa andasse in porto, e questi CD incontrassero il favore sia dell'industria sia del pubblico, questo potrebbe rappresentare un'ulteriore e importante simbiosi fra industria dei computer e industria della musica.
105 Commenti alla Notizia Il WMA s'infila sui CD a prova di copia
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)