I cellulari? Servono per giocare

I giovani preferiscono i cellulari che li facciano giocare: è il risultato di un sondaggio curato da Lob@se

Roma - A che serve il cellulare? A giocare, da soli e meglio con gli amici, sembra essere la risposta data dalla maggioranza dei giovani (dai 15 ai 28 anni) intervistati da Lob@se. Apprezzati in particolare i giochi horror e di fantascienza.

Più la fascia d'età degli utenti si abbassa, più questa preferenza a favore dell'uso ludico del telefonino si definisce in modo marcato: ben il 97% dei ragazzi minorenni che hanno aderito al sondaggio hanno dichiarato di destinare il loro cellulare in particolare a questa funzione.

Lob@se ha condotto quest'indagine nel ruolo di diretta interessata al fenomeno caratterizzato dalla crescita dell'interesse che gli utenti manifestano nei confronti dei mini-giochi fruibili tramite cellulare. Lob@se è infatti una società che si occupa della progettazione di questo tipo di programmi per la telefonia mobile.
Proprio in questi giorni la compagnia sta lanciando un nuovo campionario di giochi per cellulare basati sull'invio di SMS, presto abilitati molti operatori di rete mobile.

Wind ha già attivato sui suoi terminali un servizio che serve a ottenere i numeri da giocare al lotto, progettato da Lob@se; la presente indagine ha appunto appena rivelato che il 25% dei giovani sembra interessato ai videogame con cui è possibile vincere denaro.

I risultati del sondaggio di Lob@se confermano ancora che il settore dedicato ai giochi su cellulare sia attualmente in evoluzione e in fermento; sondaggio che, come tutte le indagini statistiche, non solo ha la capacità e il ruolo di riflettere la situazione attuale del mercato, ma anche di incoraggiare nuovi investimenti e quindi un ulteriore sviluppo del fenomeno descritto favorevolmente.
5 Commenti alla Notizia I cellulari? Servono per giocare
Ordina