Il primo virus politico malese

Rimpiazza i contenuti dei documenti prodotti in Microsoft Word con frasi di protesta contro l'anti-democratico primo ministro malese, Mahathir Mohamad. Il virus ha colpito i server del sito del ministero delle Finanze

Kuala Lumpur (Malaysia) - C'è un virus informatico nel presente di Mahathir Mohamad, il contestato "primo ministro" malese. Pare infatti che un codice informatico abbia infettato i server del sito del ministero delle Finanze facendo finire sui computer colpiti frasi che se la prendono con l'uomo forte di Kuala Lumpur.

Stando ad un esperto del Ministero, un virus sarebbe entrato nei computer sui quali gira anche il sito governativo. Si tratta di un macro virus che si limiterebbe a modificare i contenuti dei documenti prodotti in Microsoft Word con delle frasi che contestano la politica semidittatoriale di Mahathir. Secondo Looi Hoong Thoong, esperto di sicurezza e creatore di un antivirus, "si tratta del primo virus connotato politicamente creato in Malaysia".

Secondo Looi il virus, noto come "Hampehs", è arrivato su quei computer dalla versione inglese del Rapporto economico dello Stato 2001 presentato dal ministro delle Finanze Daim Zainuddin lo scorso ottobre. Rimane oscuro il momento in cui quel documento, e molti dei documenti presenti sulla macchina che lo conservava, sia stato colpito dal macro virus.
La "gaffe" è però evidente perché tutti coloro che hanno scaricato e aperto il Rapporto economico sono con ogni probabilità stati infettati dal virus. E non è chiaro quali passi siano stati fatti dal ministero per rimediare al problema o individuare l'autore del virus.

Di certo non si tratta di un'infezione distruttiva e, secondo Looi, non è stato realizzato da un grande esperto. Pare che l'autore del virus, che si autodefinisce nel codice del virus come "Mr DingDang", offra anche l'accesso ad un sito interamente scritto in malese nel quale afferma che il codice è stato realizzato "come sfogo per la mia indignazione contro il sistema governativo attuale. Sto apertamente condannando il primo ministro, divenuto così arrogante con il suo potere".

Mr DingDang si professa seguace del movimento dei riformatori dell'ex viceprimo ministro Anwar Ibrahim, tolto di mezzo da Mahathir con una condanna a 15 anni di galera per sodomia.