Primi assaggi di .NET My Services

Microsoft offre un primo spicchio della sua piattaforma per i Web services, .NET My Services. Vicino il lancio di altri servizi

Redmond (USA) - Dopo tanto parlare della sua visione .NET, Microsoft ha finalmente partorito un primo e concreto esempio della sua strategia legata ai servizi Web.

Il big di Redmond ha infatti cominciato ad offrire in anteprima ai suoi partner .NET Alerts Service, un componente della piattaforma Microsoft .NET My Services, anche nota come HailStorm, che consente alle dot.com di dar vita a servizi per l'invio verso gli utenti di aggiornamenti sulle aste, quotazioni azionarie, cambi di valuta e notifiche di transazioni bancarie.

Nonostante questi servizi vengano già offerti sul Web attraverso tecnologie tradizionali, Microsoft sostiene che .NET offre agli utenti un grado di personalizzazione senza precedenti, consentendo loro di scegliere se ricevere gli avvisi via Web, e-mail, MSN Messenger, WAP o versioni Web studiate per i PDA.
" .NET Alerts Service è un primo ma tangibile esempio di come Microsoft stia proponendo la visione .NET My Services, aiutando i consumatori ad accedere alle loro informazioni ogni volta che ne hanno necessità, ovunque e su ogni dispositivo, grattando la superficie della potenza dei Web service", ha affermato Christopher Payne, vice presidente di Microsoft .NET My Services.

Microsoft sostiene che .NET Alerts Service rispetta anche i massimi canoni di sicurezza e privacy nei riguardi dell'utente, e questo mantenendo soltanto un minimo insieme di informazioni riguardanti gli iscritti e criptando i messaggi con il protocollo standard M5.

Fra i primi ad avvalersi del servizio sarà il colosso delle aste on-line eBay, che lo utilizzerà per fornire ai propri utenti avvisi e aggiornamenti sulle offerte e sulle transazioni, e McAfee.com, che se ne avvarrà invece per notificare ai propri clienti l'arrivo di nuovi virus.

La stessa Microsoft si avvale di questa anteprima di .NET Alerts Service per aggiornare alcuni servizi di MSN, fra cui Carpoint, Calendar e Money.

La piattaforma HailStorm, basata sugli standard XML e SOAP, includerà presto altri servizi fra cui .NET Inbox, .NET Calendar, .NET Profile e .NET Address, mentre per il mondo business Microsoft dedicherà un'insieme di servizi ad hoc, al momento ancora in via di sviluppo.
TAG: mondo
5 Commenti alla Notizia Primi assaggi di .NET My Services
Ordina
  • Quando arriveremo al punto che si dovra` passare "per forza" per un servizio (oltretutto centralizzato) M$..
    .. per navigare in rete?
    .. per comprare il pane?
    .. per votare?
    .. per viaggiare?
    .. per tirare la catenella del wc?

    Perche' questo e` il sogno di M$.. tutto dovra` dipendere da M$, perche' tutto sara` sempre piu' legato a internet.
    Poi quando il 95% di cio` che ha qualcosa a che fare con internet sara` in mano a M$ e ritenuto ormai indispensabile, partira` un bel giro vite sui costi..
    E chi potra` veramente garantire la sicurezza dei dati??? Chi potra` impedire a M$ di usarli a suo piacimento, magari anche per acquisire maggior potere (d'ogni tipo)?

    L'unica speranza e` un altro processo antitrust su .Net. Spero che lo spirito di liberta` americano sia in grado di contrastare questi rischi..

    Saluti
    non+autenticato
  • non la vedo così tragica;
    non finché la stessa Microsoft usa Linux per la LAN interna...

    ciao
    non+autenticato
  • Personalmente non credo che sfruttero a fondo
    i servizi .NET per il semplice motivo che
    per far girare un piccolo web service con i loro
    tool devo comprarmi 10 milioni di libri.
    ora visto che l'80% del mio lavoro ( come credo
    anche gli altri ) si basa producendo sistemi
    internet based in maniera diciamo abbastanza
    lineare,non vedo il motivo di apprendere nuove
    stronzatine di classi microsoft.
    non+autenticato
  • Cosa intendi per "sistemi internet based abbastanza lineari" per cortesia ?

    - Scritto da: antiwin
    > Personalmente non credo che sfruttero a
    > fondo
    > i servizi .NET per il semplice motivo che
    > per far girare un piccolo web service con i
    > loro
    > tool devo comprarmi 10 milioni di libri.
    > ora visto che l'80% del mio lavoro ( come
    > credo
    > anche gli altri ) si basa producendo sistemi
    > internet based in maniera diciamo abbastanza
    > lineare,non vedo il motivo di apprendere
    > nuove
    > stronzatine di classi microsoft.
    non+autenticato
  • boh... a me sembra che, studiando XML, SOAP e UDDI sui siti di W3C e IETF, l'implementazione di Web Services diventi decisamente semplice anche senza libri.
    Oltretutto, VB.NET ha una sintassi molto naturale se hai già usato la ver 6.
    Lo stesso dicasi per C# se mastichi almeno un po' di C++ o Java.
    IMHO, io cmq preferisco C# perchè lo trovo molto + elegante e poi è standard ECMA, qndi il "manuale" è gratis... Con la lingua fuori
    non+autenticato