Via alla riscossa con il Cyrix 4

I processori sono l'argomento caldo di questo autunno e Cyrix non vuol mancare all'appello. Lo storico marchio, ora proprietà di Via, fornisce nuovi dettagli sul suo prossimo chip, il Cyrix 4, che toccherà gli 1,2 GHz entro 6 mesi

Taipei (Taiwan) - Per il momento Via, una delle marche leader nel settore dei chipset per PC, non si può certo ancora considerare una "terza incomoda" nel mondo delle CPU. Dopo aver rilevato il marchio Cyrix da National Semiconductor, l'azienda si è infatti limitata a mettere sul mercato un'architettura, quella degli attuali Cyrix III (C5A), inizialmente progettata per concorrere con i processori della scorsa generazione, dunque ben poco competitiva con gli attuali Celeron 2 di Intel ed i Duron di AMD.

Con la prossima generazione di CPU, i Cyrix 4 (nome in codice C5X), Via vuole però entrare con maggior forza nel settore delle CPU economiche proponendo un prodotto che, mantenendo un prezzo più basso della concorrenza, possa vantare una tecnologia altrettanto sofisticata di quella messa in campo dai big del settore.

Il Cyrix 4, di cui ancora non si conosce la data d'uscita, dovrebbe partire dalla frequenza di 1 GHz e raggiungere gli 1,2 GHz entro la metà del prossimo anno. Il suo progetto è totalmente nuovo, dunque non si tratterà di una semplice evoluzione del Cyrix III.
La pipeline a 17 stadi, il processo produttivo a 0,15 micron, una cache da 128 KB e la capacità di eseguire istruzioni fuori ordine, si possono considerare credenziali necessarie per una CPU che voglia posizionarsi in prima fila. Fra l'altro, sempre con l'obiettivo di incrementare le prestazioni, Via ha preferito implementare in questa sua nuova CPU le istruzioni estese SSE di Intel, tecnologia che andrà dunque a rimpiazzare quella 3DNow! dell'attuale famiglia di Cyrix III.

L'ambizione di un big dei chip come Via di ritagliarsi una fetta del mercato delle CPU low-end appare più che legittimo, ma di certo non sarà uno scherzo neppure per lei stare dietro a due cavalli da corsa come Intel e AMD.
TAG: mercato