V.92 ormai pronto a far decollare i modem

Il nuovo standard per i modem analogici, il V.92, Ŕ stato finalmente completato ed Ŕ pronto a rimpiazzare il suo predecessore, il V.90, dando un po ' pi¨ di sprint ai vecchi modem a carbone

Ginevra - Ora che la standardizzazione del nuovo protocollo di comunicazione per i modem analogici, il V.92, Ŕ stato definitivamente completata da parte dell'ITU-T, le prime societÓ del settore ne hanno ufficialmente annunciato il supporto: fra queste Conexant, Lucent e NTT DoCoMo.

Lo standard V.92, le cui specifiche sono state approvate dall'ITU lo scorso giugno, porterÓ la velocitÓ di upstream (dall'utente verso Internet) dagli attuali 33 Kbps a 48 Kbps. Oltre a questo, il V.92 introduce altre due migliorie: la funzione Quick Connect, che migliora i tempi di negoziazione della connessione (handshake) portandoli dagli attuali 20-25 secondi ad una media di 10 secondi, e la funzione Modem-on-Hold, che pu˛ mantenere la connessione attiva fino ad un massimo di 16 minuti nel caso si riceva una chiamata telefonica esterna.

Il V.92 si prepara dunque a rimpiazzare lo standard approvato due anni fa, il V.90, che aveva fatto fare ai modem tradizionali un bel salto in avanti in termini di velocitÓ portandoli dai precedenti 33,6 Kb/s ai teorici 56 Kb/s in downstream (da Internet verso l'utente).
Lucent ha annunciato che i suoi primi chipset V.92 raggiungeranno il mercato giÓ a partire da questo inverno. Si presuppone quindi che entro sei mesi i modem in vendita saranno per la stragrande maggioranza aggiornati alla nuova tecnologia. La stessa Lucent, insieme a Rockwell (di cui Conexant Ŕ una societÓ satellite) aveva annunciato qualche tempo addietro che avrebbe rilasciato degli aggiornamenti per i modem V.90, ma al momento Ŕ ancora da chiarire se e quali produttori metteranno a disposizione tali aggiornamenti e, soprattutto, in quali casi sia possibile utilizzarli. Ancora silenzio, invece, da 3Com.

Insieme allo standard V.90 l'ITU ha approvato anche il nuovo protocollo di compressione V.44 che, grazie all'adozione di nuovi algoritmi, dovrebbe incrementare la velocitÓ di download di una tipica pagina Web anche del 25% rispetto all'attuale V.42bis.

Di certo non sarÓ il V.92 a rendere meno obsoleti i modem analogici, da alcuni ironicamente definiti "a carbone", tuttavia la connessione analogica Ŕ ancora la pi¨ utilizzata al mondo e pertanto ancora degna di grande interesse da parte dei produttori.
TAG: mondo