LinuxNews/ I server europei parlano sempre più Unix

Un ricerca afferma che il mercato europeo dei server Unix cresce e si sposta verso sistemi Unix

Una ricerca Gartner/Dataquest rileva che le consegne europee di server per le reti aziendali e per Internet sono cresciute del 4% nel terzo trimestre, dopo due trimestri di declino.

Karen Benson, uno degli analisti, ha affermato che la crescita è lontana dai valori prossimi al 30% che si sono avuti nella prima metà del 1999, ma comunque significativa, in quanto indica una ripresa del settore dopo la pausa succesiva ai cambiamenti per l'anno 2000.

La maggior parte della crescita è avvenuta nel Regno Unito, nella Svizzera e nei paesi Nordici.
Per quanto riguarda i grandi produttori, Compaq rimane leader con il 32% di share (era a 34% lo scorso anno), IBM al 19% (era al 18%), HP al 13 (14%), Dell all'11% (10%) e Sun all'8% (4%).
La parte interessante di questa ricerca riguarda però le tipologie di server venduti. Le grandi imprese, che prima acquistavano server basati su Windows/Intel ora investono in server Risc. Su tali server ci girano software come Linux, Sun Solaris o altri sistemi operativi Unix.
Il motivo di tale utilizzo sta nella loro affidabilità e facilità di interfacciamento con altri server.

Le cifre dicono che l'incremento di vendite dei server Intel sono cresciute dell'1%, mentre quelle dei server basati su Risc/Unix del 43%.

A cura di noze, Soluzioni Open-Source