DataPlay, il mini-disk che vuole uccidere il CD

Dischetti poco più grandi di una moneta e capaci di archiviare una decina di ore di musica compressa. Eredi o carnefici del CD?

Boulder (USA) - DataPlay è una piccola azienda ma, come si è anticipato qualche mese fa, ha grandi ambizioni: lanciare un nuovo supporto ottico che possa rimpiazzare il Compact Disc.

Il produttore, che questa estate ha siglato un accordo con InterTrust, sviluppatrice di un sistema di Digital Rights Management (DRM), ha già mostrato i primi player per i suoi nuovi medium e sembra ormai pronta a rilasciare sul mercato la sua piattaforma di archiviazione per media digitali.

I mini-dischi di DataPlay hanno dimensioni pari a circa un quarto di quelle di un tradizionale CD e, grazie alla loro doppia faccia, posso archiviare 500 MB di dati e fino a 11 ore di musica compressa.
Il prezzo di un supporto vergine dovrebbe aggirarsi sui 10$ e poter essere utilizzato, grazie alle sue piccole dimensioni, in lettori delle dimensioni di un player MP3 portatile, sui PDA, nelle macchine fotografiche digitali ed in altri dispositivi elettronici consumer.

Secondo Steve Volk, fondatore di DataPlay, le memorie di massa attualmente sul mercato, come le flash memory, i CD ed i MiniDisc di Sony, sono del tutto improponibili per l'elettronica consumer. Quello che Volk intende offrire ai consumatori è un nuovo medium digitale economico utilizzabile su qualsiasi dispositivo, anche i più piccoli.

I lettori dei dischi di DataPlay utilizzano la stessa meccanica e le stesse testine ottiche dei drive per DVD, così che il loro costo si possa mantenere basso. A differenza dei lettori tradizionali, però, la loro dimensione potrà essere quella di un piccolo palmare e potranno essere tranquillamente alimentati con un paio di pile AAA. DataPlay sostiene che la velocità di lettura/scrittura di un drive per questi nuovi mini-dischi sarà circa 10 volte maggiore di quella dei CD.

Un altro vantaggio offerto da questi mini CD, persino quelli pre-registrati, è dato dal fatto che possono essere scritti dall'utente, aprendo così la strada alla convivenza fra due diverse forme di distribuzione della musica: quella tradizionale, attraverso i canali di vendita al dettaglio, e quella on-line, attraverso il download di musica protetta

Grazie all'accordo con InterTrust per l'integrazione in questi nuovi medium di un meccanismo di protezione dei contenuti, la piattaforma di DataPlay si è già guadagnata l'appoggio di Universal Music Group, EMI Recorded Music e BMG Entertainment, giganti del settore discografico che hanno pianificato il rilascio di musica sui questi supporti fisici. I player compatibili con questo formato saranno invece inizialmente prodotti da Samsung, Toshiba e SONICblue.

Secondo alcuni analisti, i dischi di DataPlay potrebbero avere buone chance di divenire il formato dominante, ma questo richiederà ancora molti anni. Nel frattempo, però, i 500 MB forniti dai dischettini di DataPlay potrebbero divenire davvero pochini, anche per un CD poco più grande di una moneta.
TAG: hw
17 Commenti alla Notizia DataPlay, il mini-disk che vuole uccidere il CD
Ordina
  • Ciao,
    io non sono di dataplay ma ho seguito la vicenda dallo scorso articolo.
    Dataplay esisteva gia e faceva questi dischi e l'HW per usarli ... poi fortuitamente ha fatto un accordo per uno sbocco in un settore.
    Vi ricordo che anche la polvere da sparo non e' male se usata come si deve.

    Allora se prendere questi dischetti e li riempite senza usare le protezioni, dove sta il problema?

    I lettori ... a mio giudizio un lettore leggera senza a con le protezioni.

    Il problema sta nelle case discografiche che non vogliono la duplicazione dei brani, sono loro il problema.

    io sinceramente non vendo per niente male DataPlay, anzi.
    Vuoi mettere la rivoluzione che fanno con un supporto cosi piccolo che contiene 500 MB ... vedrai che servira' a dare una smossa alle diverse case che finalmente tireranno fuori i progetti che hanno lasciato in cantina perche' il mercato gli era favorevole.

    Io non ci credo e non ci crederlo' mai che il CD e' il miglior sistema e che non si puo' migliorare, DVD a parte.

    Ciao
    Saul
    non+autenticato
  • Ma scusate, c'e' tanto bisogno di un nuovo supporto quando esistono gia' i mini-disk Sony che in formato compresso possono contenere fino a 4 CD, sono riscrivibili, non costano niente, ed esistono gia' i lettori/registratori ?
    non+autenticato
  • sono un felice possessore di md sony.
    Semplicemente fantastico.
    Anche il codec audio e' molto buono.
    ATRAC-R gia' era come un CD, ATRAC3 ancora meglio.
    Peccato che i drive costino circa un milione, mentre con 200/300 carte ti prendi un md audio portatile...
    non+autenticato
  • - Scritto da: M$Rulez
    > Peccato che i drive costino circa un
    > milione, mentre con 200/300 carte ti prendi
    > un md audio portatile...

    Beh i lettori "da tavolo" si trovano anche a 500k senza problemi e pure di buona qualità... Certo, se vuoi di meglio devi spendere di più, ma non vuol dire: se è per questo ho un lettore portatile panasonic, ma l'ho pagato 450k... potevo trovarne a meno, ma volevo il top ^___^

    Saluti
    non+autenticato
  • Infatti ho un deck da 600k... anche a me interessava la qualita'.
    Parlando dei drive a un milione intendevo i drive md data. Considerando che non c'e' nemmeno bisogno di mettere dentro il codec perche' potrebbero essere usati come dei comuni zip o ls-120, mi stupisco che costino cosi' tanto.
    Forse sony ha preferito ls-120.
    Se invece avesse spinto sui md data, forse anche l'md audio si sarebbe diffuso maggiormente.

    - Scritto da: MaurizioB
    > Beh i lettori "da tavolo" si trovano anche a
    > 500k senza problemi e pure di buona
    > qualità... Certo, se vuoi di meglio devi
    > spendere di più, ma non vuol dire: se è per
    > questo ho un lettore portatile panasonic, ma
    > l'ho pagato 450k... potevo trovarne a meno,
    > ma volevo il top ^___^
    >
    > Saluti
    non+autenticato
  • Infatti, nemmeno io vedo la necessità di questo nuovo aggeggillo. In circolazione ci sono già degli ottimi prodotti, tra cui appunto i md della sony, su cui ci sta + roba e la qualità audio è superba.
    Allo smau hanno anche presentato dei modelli con integrazioni per il web...
    ..insomma, ben vengano tutte le novità possibili di questo mondo, ma almeno che servano a qualcosa. Inoltre 500mb sono veramente una quantità ridicola..
    non+autenticato
  • E' vero...500 MB sono pochini...ma non è che un Mini Disk contenga di piu (su per giu 450 MBSorride))
    non+autenticato
  • - Scritto da: jury
    > E' vero...500 MB sono pochini...ma non è che
    > un Mini Disk contenga di piu (su per giu 450
    > MBSorride))

    Scusa ma dove li hai visti MD da 450mb?
    Per quanto ne so io non si va oltre i 140-150mb...

    Saluti
    non+autenticato


  • - Scritto da: MaurizioB
    > - Scritto da: jury
    > > E' vero...500 MB sono pochini...ma non è
    > che
    > > un Mini Disk contenga di piu (su per giu
    > 450
    > > MBSorride))
    >
    > Scusa ma dove li hai visti MD da 450mb?
    > Per quanto ne so io non si va oltre i
    > 140-150mb...
    >
    > Saluti

    Il conto e' semplice.
    La compressione md fino ad atrac-r, passanto per atrac v3, atrac v4 e atrac v4.5 comprime 1:5.
    Segue che un md da 80 minuti contiene:
    cd da 80 minuti = 700mb
    700/5=140 mb

    Che poi Atrac3 comprima ulteriormente e' un altra storia. Scusate se non ci credo che sony non sia in grado di produrre md a 1gb. A questo punto non gli conviene perche' md e' usato sopratutto per applicazioni audio, ma tecnicamente non dovrebbero esserci difficolta' insormontabili.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Snip
    > Allo smau hanno anche presentato dei modelli
    > con integrazioni per il web...

    Di che tipo? Ti riferisci alle videocamere digitali?

    Saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alessio Ceroni
    > Ma scusate, c'e' tanto bisogno di un nuovo
    > supporto quando esistono gia' i mini-disk
    > Sony che in formato compresso possono
    > contenere fino a 4 CD, sono riscrivibili,
    > non costano niente, ed esistono gia' i
    > lettori/registratori ?

    Beh non è che costino proprio niente...
    Cmq considera che i minidisc (con la "c", non la "k") hanno al massimo 140-150mb; va bene che c'è la compressione, ma la questione è che loro volevano un formato fisicamente (non musicalmente) più capiente. Conta anche che l'MDLP è sì molto ben compresso, ma cmq la qualità ne rimane compromessa in ogni caso.

    Saluti
    non+autenticato
  • Dalle specifiche si vede che non è altro che un dvd piccolo. La capacità è troppo piccola per essere utile (250MB per lato) ed si è costretti a comprimere la musica per farcela stare.
    non+autenticato
  • è vero che costa 20mila lire ... ma 500mb non sono davvero pochi per la musica compressa!!!!!

    bastano 30 mega per avere un album in mp3pro/wma-8 ... (non so con OGG) ... e comunque con 64 te la cavi alla grande con mp3 tradizionale a 128.

    Ma a parte questo ...

    il cd normale costa 1500!!!!!!!!!

    E NON HA PROTEZIONI DEL MENGA!
    non+autenticato

  • Se continuano a metterci di mezzo il DRM, non lo compreremo!


    VOI RICORDATEVI DI DIRE AI VOSTRI AMICI CHE NON SANNO LE COSE, come funziona, cosa fa, cosa non comprare!
    Ditegli OK per il CD, OK per la cassetta, OK per gli Mp3, i player, i lettori di cd-mp3 (tipo l'expanium), l'mp3pro ... w il download http e ftp, il p2p ... il leech, se volete (molto più equo il sano vecchio baratto che le porcate drm) ...

    FATE CULTURA! ne guadagnamo tutti!

    Questo dischettino sarebbe bellissimo, ma se usano il drm ecc ecc ... allora non è una soluzione accettabile!!!!

    Non siate mosci e boccaloni!!! l'MP3 funziona.
    il cd funziona.
    i lettori mp3 funzionano!

    SMETTETELA DI TENTARE DI INFILARCELO!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)