Super Athlon volerà a 1,7GHz

Sembra che l'Athlon sia destinato a duellare con il Pentium 4 fino alla frequenza di 1,7 GHz, dopodiché AMD introdurrà le nuove CPU da 0,13 micron. Ma qualcuno teme che l'attuale architettura possa mostrare presto i suoi limiti

Sunnyvale (USA) - Con un'architettura P6 ormai alla fine dei suoi giorni Intel ha dovuto in tutta fretta buttare sul mercato una CPU, il Pentium 4, per colmare al più presto quella gravissima lacuna lasciata aperta dal ritiro dei Pentium III 1,13 GHz.

AMD, che nel frattempo se l'è potuta prender comoda, deve ora prendere atto delle frequenze stratosferiche a cui Intel ha intenzione di spingere, in tempi brevi, il suo ultimo chip. Ma per il momento la casa di Sunnyvale si deve accontentare di ciò che ha in casa, l'Athlon Thunderbird.

Secondo quanto riportato da The Register, AMD avrebbe intenzione di spingere l'Athlon fino alla frequenza di 1,7 GHz, un clock che l'azienda avrebbe intenzione di raggiungere durante la seconda metà del 2001, più o meno lo stesso periodo in cui comparirà Palomino.
Con questa mossa AMD potrebbe riuscire a contrastare il Pentium 4 con una CPU molto economica ed in grado di fornire, almeno finché il software non sarà ottimizzato, prestazioni prossime a quelle del P4. Non solo, a differenza di quello che sta accadendo a Intel - che non ha potuto contare sul Pentium III per dare continuità alla sua linea di CPU - AMD potrà sfruttare l'Athlon come "raccordo" verso le future e inizialmente più costose CPU Palomino.

Ma il rischio, secondo alcuni, è che AMD voglia allungare la vita ad un'architettura che non prevedeva una tale longevità. L'Athlon a 1,2 GHz raggiunge già temperature ragguardevoli, e sicuramente più elevate di quelle del Pentium 4 1,5 GHz. Che AMD possa dunque fare lo stesso errore commesso da Intel col Pentium 1,13 GHz? Forse, ma fino ad oggi questa firma si è distinta proprio per la lucidità delle sue azioni e la prudenza delle sue strategie: rincorrere ad ogni costo il Pentium 4 è un gioco che forse non vale la candela.
TAG: mercato