I cellulari con il SAR più basso

Da Nokia ed Ericsson i primi due cellulari che indicano il valore delle emissioni. Il SAR strumento di marketing

Web - Mentre l'Organizzazione mondiale della Sanità è ancora impegnata sul difficile fronte delle ricerche per escludere che l'uso del telefono cellulare possa impattare negativamente sulla salute dell'utilizzatore, arrivano sui mercati europei i primi due cellulari nelle cui confezione è incluso il valore SAR.

Come noto, il SAR indica la quantità delle emissioni dei cellulari assorbite da parte dei tessuti umani, un valore che secondo molti esperti non è utile a indicare la possibile pericolosità di un device di comunicazione mobile. Si ritiene, infatti, che ad un SAR più elevato non corrisponda necessariamente un rischio maggiore.

Ciò nonostante, i telefoni mobili venduti all'interno dell'Unione Europea dal prossimo gennaio dovranno indicare i valori SAR e così Nokia ed Ericsson hanno preso la palla al balzo e, anticipando i concorrenti, hanno presentato i due primi modelli "con SAR", rispettivamente Ericsson T65 e Nokia 8310. In particolare, il modello Ericsson sviluppa un SAR da 0.96 watt e il Nokia ne sviluppa uno da 0.82. Valori che sono ben al di sotto dei 2 watt per Kg previsti dalla direttiva europea.
L'indicazione del SAR, in questo modo, può trasformarsi in un interessante strumento di marketing per un settore che le sta "provando tutte" per far risalire la domanda di telefoni cellulari.
4 Commenti alla Notizia I cellulari con il SAR più basso
Ordina