Il GPRS di Blu è già partito

Da ieri è attiva la rete GPRS di Blu in alcune importanti città ed entro la fine del mese dovrebbe rendersi disponibile al 40 per cento della popolazione. Presto arriverà anche il roaming sulle reti di altri operatori. Gratis fino a marzo

Il GPRS di Blu è già partitoRoma - Blu parte all'attacco lancia in resta sui servizi GPRS (Global Packet Radio Service), ovvero i servizi di connessione dati veloce su telefonino. L'azienda ha infatti annunciato che è già attiva la rete GPRS in alcune importanti città italiane: Palermo, Napoli, Roma, Bologna, Genova, Torino e Milano. Ed entro l'anno la rete sarà ulteriormente estesa fino a interessare 40 per cento della popolazione italiana.

I primi telefonini GPRS targati Blu potranno essere acquistati in tutti i punti vendita dell'azienda a partire dal prossimo lunedì e per attivare il servizio, al costo di 20mila lire Iva inclusa, sarà sufficiente chiamare il numero Clienti di Blu, il 198. Il cellulare GPRS, come noto, è il primo ad essere disponibile in Italia: si tratta del Motorola Timeport Triband T260.

L'azienda, secondo la quale dovrebbe partire a breve il roaming per la connettività GPRS anche su reti di altri operatori, ha spiegato che fino alla fine di marzo 2001 tutte le connessioni dati GPRS dei propri clienti saranno gratuite, a patto che non vengano superati i 200 megabyte di trasferimento per ogni mese fino a quella scadenza. Dal 31 marzo in poi verranno applicate tariffe non ancora rese note, mentre tutte le chiamate voce dei clienti GPRS aderiranno perfettamente agli attuali profili tariffari per gli utenti BLU GSM.
Sempre in offerta e per tutta la fase di lancio è anche possibile acquistare un "pacchetto GPRS" dal sapore natalizio. Costa 940mila lire (Iva inclusa) e contiene cellulare GPRS, kit per la sua connessione al PC e due sim prepagate Blu On contenenti 50mila lire di traffico telefonico (Iva inclusa).
1 Commenti alla Notizia Il GPRS di Blu è già partito
Ordina