Amazon salvata da Linux

Sarebbe dovuto a Linux il risparmio di quasi 20 milioni di dollari, un quarto delle spese totali di Amazon.com

Washington (USA) - Linux per Amazon rappresenta davvero la classica gallina dalle uova d'oro. Secondo gli analisti, se il pinguino non pu˛ certo contribuire ad incrementare gli utenti che acquistano presso il popolare emporio elettronico, l'OS free sembra per˛ capace di comprimere sensibilmente i costi dell'azienda.

Da un documento depositato presso la Securities and Exchange Commission americana, si apprende infatti che durante il terzo trimestre fiscale Amazon avrebbe risparmiato, rispetto al periodo dello stesso anno, ben 17 milioni di dollari sulle spese. Secondo quanto si legge nel resoconto, l'abbattimento dei costi dipende in larga parte "dalla migrazione verso una piattaforma tecnologica basata su Linux che utilizza un'infrastruttura meno costosa".

Amazon rinnov˛ la propria infrastruttura IT lo scorso giugno, quando annunci˛ il passaggio a sistemi su cui girava Linux. Con questa mossa il colosso dell'e-commerce spera, per questo anno, di abbattere i costi del 20% e arrivare al profitto per la chiusura del quarto trimestre.
Secondo IDC, in un periodo di tre anni, Linux risulterebbe "significativamente meno costoso" rispetto a Unix, e questo per quanto riguarda i costi dovuti all'hardware, al software, al personale tecnico e alla manutenzione.

Pochi giorni fa la stessa Intel ha dichiarato di aver risparmiato, grazie all'adozione di economici server Linux al posto di sistemi Unix, circa 200 milioni di dollari. Intel sostiene che, grazie alla sua stretta compatibilitÓ con Unix, i suoi scienziati e ricercatori hanno la possibilitÓ di continuare a sviluppare e far girare applicazioni similmente a quanto facevano prima.

Doug Busch, vice presidente per l'IT di Intel, ha per˛ sottolineato come Linux non sia molto pi¨ economico di Windows 2000: "Se Ŕ infatti vero che Linux Ŕ free - ha detto Busch - Ŕ altrettanto vero che i veri costi sono relativi al supporto e alla manutenzione". Ed allora, meglio Wintel o Lintel?
47 Commenti alla Notizia Amazon salvata da Linux
Ordina

  • Se leggete il form 10-Q originale, vedrete
    che il risparmio c'è stato sì, ma non è così
    eclatante come spiegato nell'articolo, se
    confrontato con il volume di affari di Amazon.

    Resta di fatto che i vantaggi economci del
    software open-source sono ormai innegabili.

    Il link è il seguente:

    http://www.sec.gov/Archives/edgar/data/1018724/000...

    non+autenticato
  • Già. Ma dimentichi dove siamo... Non scrivo di più se no mi censurano.

    - Scritto da: aaa
    >
    > Se leggete il form 10-Q originale, vedrete
    > che il risparmio c'è stato sì, ma non è così
    > eclatante come spiegato nell'articolo, se
    > confrontato con il volume di affari di
    > Amazon.
    >
    > Resta di fatto che i vantaggi economci del
    > software open-source sono ormai innegabili.
    >
    > Il link è il seguente:
    >
    > http://www.sec.gov/Archives/edgar/data/101872
    >
    non+autenticato
  • se un'azienda come Amazon riesce a risparmiare così tanto usando software open source (e con tanto di analisi positiva della IDC), e vista la scarsità di pericoli virali o verminosi in LINUX, e visto l'uptime mediamente doppio dei sistemi LINUX+Apache contro quelli di M$,...

    perché punto-informatico non ci fa un pensierino sopra?

    Che vi fa schifo RISPARMIARE il 20 % ?

    Meditate, gente. Sorride
    non+autenticato
  • Ma hai letto bene? idc dice anche che il risparmio che si usando linux piuttosto che windows non è molto.. il risparmio si riceriva all'uso di linux invece che di unix..

    - Scritto da: zap
    > se un'azienda come Amazon riesce a
    > risparmiare così tanto usando software open
    > source (e con tanto di analisi positiva
    > della IDC), e vista la scarsità di pericoli
    > virali o verminosi in LINUX, e visto
    > l'uptime mediamente doppio dei sistemi
    > LINUX+Apache contro quelli di M$,...
    >
    > perché punto-informatico non ci fa un
    > pensierino sopra?
    >
    > Che vi fa schifo RISPARMIARE il 20 % ?
    >
    > Meditate, gente. Sorride
    non+autenticato


  • - Scritto da: luca
    > Ma hai letto bene? idc dice anche che il
    > risparmio che si usando linux piuttosto che
    > windows non è molto..

    affatto, sei tu a non aver letto bene, infatti l'articolo dice:

    << Doug Busch, vice presidente per l'IT di Intel, ha però sottolineato come Linux non sia molto più economico di Windows 2000>>

    e quindi non è l'IDC ad affermare 'sta cosa. Leggi meglio TU.

    > il risparmio si
    > riceriva all'uso di linux invece che di
    > unix..

    e tu credi che usare un sistema LIBERO e GRATUITO non sia MEGLIO che usarne uno VINCOLATO e STRACOSTOSO ? Si noti che win2000server costa 2MILIONIe300MILA + iva a POSTAZIONE, mentre una distribuzione LINUX è LIBERAMENTE COPIABILE e INSTALLABILE OVUNQUE e GRATUITAMENTE.

    >
    > - Scritto da: zap
    > > se un'azienda come Amazon riesce a
    > > risparmiare così tanto usando software
    > open
    > > source (e con tanto di analisi positiva
    > > della IDC), e vista la scarsità di
    > pericoli
    > > virali o verminosi in LINUX, e visto
    > > l'uptime mediamente doppio dei sistemi
    > > LINUX+Apache contro quelli di M$,...
    > >
    > > perché punto-informatico non ci fa un
    > > pensierino sopra?
    > >
    > > Che vi fa schifo RISPARMIARE il 20 % ?
    > >
    > > Meditate, gente. Sorride
    non+autenticato
  • sai alle aziende uindows lo regalano gratis...e anoi poveri utonti che ce la fanno pagare tanto...
    barboni
    ;-0)

    > e tu credi che usare un sistema LIBERO e
    > GRATUITO non sia MEGLIO che usarne uno
    > VINCOLATO e STRACOSTOSO ? Si noti che
    > win2000server costa 2MILIONIe300MILA + iva a
    > POSTAZIONE, mentre una distribuzione LINUX è
    > LIBERAMENTE COPIABILE e INSTALLABILE OVUNQUE
    > e GRATUITAMENTE.
    non+autenticato
  • > e tu credi che usare un sistema LIBERO e
    > GRATUITO non sia MEGLIO che usarne uno
    > VINCOLATO e STRACOSTOSO ? Si noti che
    > win2000server costa 2MILIONIe300MILA + iva a
    > POSTAZIONE, mentre una distribuzione LINUX è
    > LIBERAMENTE COPIABILE e INSTALLABILE OVUNQUE
    > e GRATUITAMENTE.
    >

    vedi le cose da un lato solo...
    e per questo valuti in maniera errata.
    Per un sito il costo maggiore e' sviluppo e manutenzione, non certo i 10 milioni fra HW/SW.
    Quelli si pagano una tantum.
    Non mi verrai a dire che su linux lo sviluppo e' piu' rapido e il ciclo debug/testing meno oneroso, perche' allora sei in malafede.

    Ciao

    p.s.: non mi fare la solita filippica su come e' fico php, su quanto e' bello mysql, su come emacs spacchi il BIIIP ai passeri...
    non li schifo affatto, dico solo che su un sistema windows hai molte piu' facilitazioni.
    Il che non vuol dire wizard, vuol dire strumenti di sviluppo che funzionano e ti velocizzano il lavoro.
    non+autenticato

  • > non li schifo affatto, dico solo che su un
    > sistema windows hai molte piu'
    > facilitazioni.
    > Il che non vuol dire wizard, vuol dire
    > strumenti di sviluppo che funzionano e ti
    > velocizzano il lavoro.
    eggia...solo quelli che iniziano a programmare hanno bisogno di pacchetti all-inclusive...e poi fatti un giro sui prodotti borland...poi mi dici...

    non+autenticato

  • > eggia...solo quelli che iniziano a
    > programmare hanno bisogno di pacchetti
    > all-inclusive...e poi fatti un giro sui
    > prodotti borland...poi mi dici...
    >

    decidetevi...
    non bisogna reinventare ogni volta la ruota, e quindi viva l'open source.
    Poi dici un vero programmatore non usa software all-inclusive (e quindi deve reinventarsi ogni volta la ruota)

    Borland la conosco dai tempi del turbo C 1.0 e del turbo pascal...
    ottimi prodotti
    Inesistenti su linux, fatta eccezione per Kylix, che non e' open source e che ancora deve dimostrare l'affidabilita' dei suoi fratelli windowsiani

    Ciao
    non+autenticato
  • > > eggia...solo quelli che iniziano a
    > > programmare hanno bisogno di pacchetti
    > > all-inclusive...e poi fatti un giro sui
    > > prodotti borland...poi mi dici...
    > >
    >
    > decidetevi...
    > non bisogna reinventare ogni volta la ruota,
    > e quindi viva l'open source.
    > Poi dici un vero programmatore non usa
    > software all-inclusive (e quindi deve
    > reinventarsi ogni volta la ruota)
    questo e ovvio...non parlavo di collezioni di codice ma dell'ambiente di svillupo...

    > Borland la conosco dai tempi del turbo C 1.0
    > e del turbo pascal...
    > ottimi prodotti
    > Inesistenti su linux, fatta eccezione per
    > Kylix, che non e' open source e che ancora
    > deve dimostrare l'affidabilita' dei suoi
    > fratelli windowsiani
    era per dire che non esistono strumenti di svilluppo solo da M$...
    non+autenticato
  • Sviluppa CPU fantascientifiche e poi ha bisogno di attaccarsi al telefono per problemi di manutenzione con Linux??
    Ma tutti gli scienziati e i geni laureati in informatica che stipendia che ci stanno a fare in Intel??
    non+autenticato
  • Scusami, ma la tua affermazione e' fuori luogo.
    I costi di manutenzione per un'azienda non si calcolano solo quando questa e' costretta a telefonare all'assistenza, come dici tu.
    Gli scenziati di Intel, se impiegati in manutenzione, rappresentano un costo di manutenzione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: acca
    > Scusami, ma la tua affermazione e' fuori
    > luogo.
    > I costi di manutenzione per un'azienda non
    > si calcolano solo quando questa e'
    > costretta
    > a telefonare all'assistenza, come dici tu.
    > Gli scenziati di Intel, se impiegati in
    > manutenzione, rappresentano un costo di
    > manutenzione.
    Dai.. una mega azienda come Intel ha di sicuro una sua intranet.. e una intranet, per quanto grande e' amministrabile da 1 o 2 system administrator, figure che dovrebbe tenere in ogni caso, Linux o Win.. di sicuro un sysadmin non costa quanto uno scienziato pazzo che crea le CPU e mi parrebbe alquanto pidocchioso da parte di una megacompany preoccuparsi dello stipendio di due tecnici!
    non+autenticato
  • E poi ci dite che non siete una banda di mocciosi brufolosi.

    Da quello che hai appena scritto si evince che il massimo che hai gestito è la rete tra il tuo PC e il tuo palmare.

    Svegliati il mondo fuori è grande.

    - Scritto da: *.*

    > Dai.. una mega azienda come Intel ha di
    > sicuro una sua intranet.. e una intranet,
    > per quanto grande e' amministrabile da 1 o 2
    > system administrator, figure che dovrebbe
    > tenere in ogni caso, Linux o Win.. di sicuro
    > un sysadmin non costa quanto uno scienziato
    > pazzo che crea le CPU e mi parrebbe alquanto
    > pidocchioso da parte di una megacompany
    > preoccuparsi dello stipendio di due tecnici!
    non+autenticato
  • eggia per un sistema linux di 10.000 macchine 2 admin sono piu che suffciienti...e m$ che v'insegna male...

    - Scritto da: Darth Vader
    > E poi ci dite che non siete una banda di
    > mocciosi brufolosi.
    >
    > Da quello che hai appena scritto si evince
    > che il massimo che hai gestito è la rete tra
    > il tuo PC e il tuo palmare.
    >
    > Svegliati il mondo fuori è grande.
    >
    > - Scritto da: *.*
    >
    > > Dai.. una mega azienda come Intel ha di
    > > sicuro una sua intranet.. e una intranet,
    > > per quanto grande e' amministrabile da 1
    > o 2
    > > system administrator, figure che dovrebbe
    > > tenere in ogni caso, Linux o Win.. di
    > sicuro
    > > un sysadmin non costa quanto uno
    > scienziato
    > > pazzo che crea le CPU e mi parrebbe
    > alquanto
    > > pidocchioso da parte di una megacompany
    > > preoccuparsi dello stipendio di due
    > tecnici!
    non+autenticato
  • Per un sistema linux di 10.000 macchine non ci vuole nessun amministratore.

    Perché non esiste.

    - Scritto da: blah
    > eggia per un sistema linux di 10.000
    > macchine 2 admin sono piu che
    > suffciienti...e m$ che v'insegna male...
    >
    > - Scritto da: Darth Vader
    > > E poi ci dite che non siete una banda di
    > > mocciosi brufolosi.
    > >
    > > Da quello che hai appena scritto si evince
    > > che il massimo che hai gestito è la rete
    > tra
    > > il tuo PC e il tuo palmare.
    > >
    > > Svegliati il mondo fuori è grande.
    > >
    > > - Scritto da: *.*
    > >
    > > > Dai.. una mega azienda come Intel ha di
    > > > sicuro una sua intranet.. e una
    > intranet,
    > > > per quanto grande e' amministrabile da
    > 1
    > > o 2
    > > > system administrator, figure che
    > dovrebbe
    > > > tenere in ogni caso, Linux o Win.. di
    > > sicuro
    > > > un sysadmin non costa quanto uno
    > > scienziato
    > > > pazzo che crea le CPU e mi parrebbe
    > > alquanto
    > > > pidocchioso da parte di una megacompany
    > > > preoccuparsi dello stipendio di due
    > > tecnici!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > Da quello che hai appena scritto si evince
    > che il massimo che hai gestito è la rete
    > tra il tuo PC e il tuo palmare.
    >
    > Svegliati il mondo fuori è grande.
    Hai evinto bene..
    ma da quello che ho studiato sui miei manualetti
    il sysadmin e' "il signore e padrone" del sistema..
    cio' non toglie che possano esserci altre figure collaboranti come i tecnici di manutenzione, ma il sysadmin e' sempre uno.. poi sono io quello che dorme.
    non+autenticato
  • Quindi la FIAT è Agnelli. Pirelli è Tronchetti Provera.

    Ma fammi il piacere.

    - Scritto da: *.*
    > - Scritto da: Darth Vader

    > > Da quello che hai appena scritto si
    > evince

    > > che il massimo che hai gestito è la rete
    > > tra
    il tuo PC e il tuo palmare.

    > >

    > > Svegliati il mondo fuori è grande.

    > Hai evinto bene..
    > ma da quello che ho studiato sui miei
    > manualetti
    > il sysadmin e' "il signore e padrone" del
    > sistema..
    > cio' non toglie che possano esserci altre
    > figure collaboranti come i tecnici di
    > manutenzione, ma il sysadmin e' sempre uno..
    > poi sono io quello che dorme.
    non+autenticato
  • Questa estate sono passato vicino ad uno dei laboratori di intel a Colorado Springs, ti assicuro che non gli mancano i soldi per pagarsi dei sistemisti in gamba.
    non+autenticato
  • Sveglia ho il sorgente del software che girera sulla cpu quindi assieme ad un gruppo di programmatori si decide che istruzioni infilare nella cpu in base all'utilizzo
    amd va bene in calcoli non ripetitivi (in rete)
    il p4 va meglio in calcoli ripetitivi (multimedia)
    avando il software garantisco che esso non avra problemi di compatibilita con le cpu intel
    si vede che intel non vuole perdere la fetta server!
    scrivimi un programma (non java) a basso livello senza conoscere le istruzioni della cpu
    (istruzioni cpu : mmx 3d now! mmx2 ......)
    poi se lo stesso software sviluppato per dare supporto nativo alla cpu lo uso in rete ci risparmio gli acquisti e lo "testo in un ambiene reale" quindi piu stabile e piu testato
    compreresti un programma da uno che ne usa un'altro della concorrenza per fare le stesse cose ?
    supporto nativo e compatibilita sono 2 cose diverse.
    non+autenticato
  • Dov'e` stato Mr. Busch negli ultimi anni, quando virulenti worm hanno infestato la rete diffondendosi attraverso i server NT??
    Manutenzione la mia minkia...
    Il piu` scemo dei sistemisti sa che la manutenzione necessaria a un server Unix (qualsiasi) e` minore rispetto alle cure che vanno date a Uindous, per non parlare dei tempi di fermo macchina dovuti ai continui crash e ai reboot.
    non+autenticato
  • Doug Busch, vice presidente per l'IT di Intel, ha però sottolineato come Linux non sia molto più economico di Windows 2000: "Se è infatti vero che Linux è free - ha detto Busch - è altrettanto vero che i veri costi sono relativi al supporto e alla manutenzione". Ed allora, meglio Wintel o Lintel?



    ma son talmente intelligenti a fare i processori; non riescono a gestirsi da soli dei server linux(cosa che qualsiasi persona riesce a fare dopo un po do gavetta, sempre che sia sano di mente).
    tra parentesi, il supporto linux costera' sempre meno di quello di win, comunque sia.....
    non+autenticato
  • se tanto win e lin sono uguali a prezzo, perche' intel ha scelto lin? ha tirato il dado del comando?forse, ammesso che costino uguale, lin da comunque di piu'= costa di meno rispetto a quello che da? se alla intel scelgono col dado, allora non bisognerebbe molto fidarsi di loro; spero che nascondano piu' di quello che dicono.forse e' meglio per la intel essere falsa che stupida.
    poi, mentre per avere uan assistenza di un certo livello alla microsof si paga oro, per avere lo stesso livello per lin si paga una miseria, perche' molta piu' gente puo' autoinsegnarsi linux, funzionamento e programmazione ad hoc del kernel compreso.io ringrazio il cielo che ci sia almeno linux a fare vedere come un moderno sistema operativo e' strutturato.
    non+autenticato
  • Il fatto che abbiano (figurati se non li hanno) dei tecnici, non vuol dire che la manutenzione sia gratuita: stranamente, quei tecnici vogliono uno stipendio...
    E no, i tecnici Linux non si accontentano di uno stipendio minore dei tecnici Unix/Windows...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)