Monitor, sulla via del design

I nuovi monitor per computer, dall'ergonomia all'estetica, dal design alle tecnologie più avanzate. Una guida ragionata per conoscere e poter scegliere

Monitor, sulla via del designRoma - Un tempo il monitor veniva considerato esclusivamente per le sue capacità di visualizzare le istruzioni impartite ad un computer e le risposte offerte dalle macchine. Oggi al monitor vengono invece attribuiti molti tratti caratteristici in più, a prescindere dal suo ruolo originario, peraltro tuttora centrale.

L'elemento più importante dei nuovi monitor è l'ergonomia. Oggi ad un display si chiede di rispettare l'utente che per molte ore ogni giorno vi si trova davanti. Gli si chiede di non danneggiare la vista di un operatore, di non stordirlo con emissioni radiali o luminose troppo forti e via dicendo. Nella scelta del monitor questo rappresenta un elemento essenziale, soprattutto per chi ha intenzione di sfruttare il proprio acquisto fino in fondo. Per questo inVetrina ha selezionato questa settimana solo monitor studiati per ridurre al minimo l'impatto sugli occhi dell'utente.

Se l'ergonomia è centrale un buon design è ben più di un'optional. Ormai è difficile accettare di porre sulla propria scrivania, in casa o in ufficio, una "scatola grigia" dalla forma sgraziata. Un'esigenza ormai avvertita anche dai produttori che in quasi ogni prodotto oggi lanciato sul mercato pongono grande attenzione all'estetica. "L'arte del design", in questo caso, sta nel coniugare queste esigenze al dato tecnologico del monitor, ottenendo il meglio da entrambi questi aspetti.
I monitor presentati nelle prossime pagine sono divisi in due grandi famiglie. I monitor tradizionali da una parte e quelli LCD dall'altra. Una divisione essenziale, non solo perché i prezzi degli uni e degli altri differiscono grandemente, ma anche perché le caratteristiche tecniche e i criteri di usabilità ed efficienza, come si vedrà, sono del tutto diversi.
TAG: hw