Silenzio! Parla il Papa

Da qualche ora sui media si annuncia un prossimo discorso del Papa relativo ad internet. Ma non si sa cosa il Pontefice dirà. Voci vaticane

Roma - Il Papa si occuperà di internet e delle nuove forme di comunicazione, di come queste possano aiutare la Chiesa ed i fedeli a fare opera di testimonianza e a diffondere la Buona Novella. Questa la notiziona di ieri che è rimbalzata su tutti i media italiani, dopoché si è saputo che il prossimo 12 maggio del 2002, in occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, il Pontefice affronterà il tema: "Internet: un nuovo Forum per proclamare il Vangelo".

Oggi non è però possibile sapere come la massima autorità vaticana intende affrontare questo "nodo cardinale" della propria attività pastorale ma viene dato molto risalto al fatto che internet entra per la prima volta in un documento ufficiale firmato dal Santo Padre. Il testo si dovrebbe sapere il 24 gennaio, in occasione del festeggiamento di san Francesco di Sales, noto in quanto patrono dei giornalisti... "Il tema scelto dal Santo Padre - si legge in una nota vaticana - tocca uno dei significati chiave della comunicazione sviluppatosi negli ultimi anni e che è di particolare interesse per i giovani".

Il PapaIn realtà, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, tanto il Papa quanto il Vaticano non sono affatto nuovi né ai più moderni mezzi di comunicazione né ad internet. Nel 1995 Giovanni Paolo II trasmise via network un proprio messaggio e proprio quell'anno prese il via "l'avventura" del sito del Vaticano i cui creatori sono stati all'epoca protagonisti di tutti i convegni in materia di sviluppo delle tecnologie web.
Né sarà l'anno prossimo la prima volta che il Papa si occuperà di internet in quanto medium di massa capace di mettere in collegamento genti di tutto il mondo. Lui stesso ne è stato "scottato" per così dire, quando alla fine del 1995 si dovette addirittura chiudere la casella di posta elettronica degli "auguri al Papa", sommersa da una intollerabile quantità di messaggi da tutto il mondo.

All'inizio di quest'anno, poi, il Papa ha affermato: "Consideriamo le trasmissioni satellitari di cerimonie religiose che spesso raggiungono un pubblico mondiale, o la capacità positiva di Internet di trasmettere informazioni e insegnamenti di carattere religioso oltre le barriere e le frontiere. Nella nostra epoca è necessario un utilizzo attivo e creativo dei mezzi di comunicazione sociale da parte della Chiesa". Parole che forse si risentiranno l'anno prossimo, quando il Pontefice darà, come sembra, una indicazione precisa sull'approccio religioso al nuovo mezzo.

Nell'occasione sopra ricordata il Papa disse anche che "il mondo dei mezzi di comunicazione sociale può a volte sembrare indifferente e perfino ostile alla fede e alla morale cristiana. Questo è dovuto al fatto che la cultura è imbevuta di un senso tipicamente postmoderno, che la sola verità assoluta è che non esistono verità assolute o che, se esistessero, sarebbero inaccessibili alla ragione umana e quindi irrilevanti".
TAG: italia
38 Commenti alla Notizia Silenzio! Parla il Papa
Ordina
  • PAPA PEZZENTE IN PREDA AD UNA CRISI BULIMICA
    CHE MASTURBA IL CULO A TUTTI I CARDINALI DEL VATICANO E BEVE IL LIQUIDO MESTRUALE DELLA MADONNA MENTRE QUEST'ULTIMA LECCA LA VAGINA DI EVA
    LUBRIFICATA DALLE COPIOSE SBORRATE DI ADAMO IL PIRLA
    non+autenticato
  • VAFFANCULO...
    E TU SEI MIO DURANTE L'APPOCALISE...TI PIANTERO LA SPADA DIRETTAMENTE NEL...


    non+autenticato
  • E' interessante il riferimento che si fa nell'articolo alla tv satellitare. Ricordo a tutti che da alcuni anni sono attivi il canale Sat2000 e la radio digitale BluSat, promossi dalla CEI e che riprendono gli ottimi materiali del Centro Televisivo Vaticano (CTV). In particolare i notiziari di Radio Vaticana sono quanto di più affidabile e preciso si possa trovare nel campo dell'informazione internazionale.

    Ciao a tutti.
    non+autenticato
  • Santità, ho una famiglia di fatto e voglio rispetto. Non è la carta bollata o il prete o un pezzo di metallo che "tiene" unita una coppia.
    La smetta la chiesa di disriminare...sia più giusta!
    non+autenticato
  • > Santità, ho una famiglia di fatto e voglio
    > rispetto. Non è la carta bollata o il prete
    > o un pezzo di metallo che "tiene" unita una
    > coppia.
    > La smetta la chiesa di disriminare...sia più
    > giusta!

    Ma che ti aspetti dalla gente che ha "inventato" le tangenti (la vendita delle indulgenze mica l'hanno inventata i politici!) o che per secoli ha promosso guerre di religione, quelle stesse guerre che adesso condanna solo perchè sono "dall'altra parte" .... giustizia ?? Illuso ...
    non+autenticato
  • Ripeto: cosa c'entra tutto questo col il tema dell'articolo??
    NULLA!!!

    - Scritto da: incoerenti
    > > Santità, ho una famiglia di fatto e voglio
    > > rispetto. Non è la carta bollata o il
    > prete
    > > o un pezzo di metallo che "tiene" unita
    > una
    > > coppia.
    > > La smetta la chiesa di disriminare...sia
    > più
    > > giusta!
    >
    > Ma che ti aspetti dalla gente che ha
    > "inventato" le tangenti (la vendita delle
    > indulgenze mica l'hanno inventata i
    > politici!) o che per secoli ha promosso
    > guerre di religione, quelle stesse guerre
    > che adesso condanna solo perchè sono
    > "dall'altra parte" .... giustizia ?? Illuso
    > ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cirio
    > Ripeto: cosa c'entra tutto questo col il
    > tema dell'articolo??
    > NULLA!!!

    Esatto. Nulla. Semplice solidarietà (di non credente) verso tutto ciò che non viene "omologato" dalla chiesa, che prima di sparare sentenze farebbe meglio a guardare in casa propria.

    Comunque se ti concentri abbastanza magari accade il miracolo e questo thread scompare da qui e ricompare negli OT.
    non+autenticato
  • Se ti sforzi magari riesci anche a dare ragione di questo concentrato di luoghi comuni...

    - Scritto da: incoerenti
    > Esatto. Nulla. Semplice solidarietà (di non
    > credente) verso tutto ciò che non viene
    > "omologato" dalla chiesa, che prima di
    > sparare sentenze farebbe meglio a guardare
    > in casa propria.
    non+autenticato
  • > Se ti sforzi magari riesci anche a dare
    > ragione di questo concentrato di luoghi
    > comuni...
    Hai ragione, sono luoghi comuni. Talmente comuni che sono scritti su qualunque libro di storia che non sia di parte!
    Basta togliersi il paraocchi, e se non ti rendi conto da solo dell'incoerenza della chiesa, beh, non sarò certo io a spiegartelo.
    non+autenticato
  • sto ancora aspettando che tu risponda con argomentazioni precise...
    ma forse aspetterò invano... ;o)

    - Scritto da: incoerenti
    > > Se ti sforzi magari riesci anche a dare
    > > ragione di questo concentrato di luoghi
    > > comuni...
    > Hai ragione, sono luoghi comuni. Talmente
    > comuni che sono scritti su qualunque libro
    > di storia che non sia di parte!
    > Basta togliersi il paraocchi, e se non ti
    > rendi conto da solo dell'incoerenza della
    > chiesa, beh, non sarò certo io a
    > spiegartelo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Benny
    > Santità, ho una famiglia di fatto e voglio
    > rispetto. Non è la carta bollata o il prete
    > o un pezzo di metallo che "tiene" unita una
    > coppia.

    Hai ragione, non sono queste cose. Quello che tiene unita la mia famiglia (questa e' la mia esperienza) e' la preghiera e l'unione con la Chiesa; in una parola, la presenza del Signore.
    non+autenticato
  • Ma la Chiesa il rispetto te lo da senza dubbio. Il problema è che il cristiano vive la sua dimensione familiare esclusivamente all'interno del sacramento del matrimonio; nelle famiglie di fatto questo sacramento non c'è e viene quindi a mancare la grazia matrimoniale dello Spirito Santo. E' solo, se così si può dire, una questione di contenuti non una questione giuridica.
    Se hai gia una famiglia e credi in Dio, perchè non sigillate in Cristo il vostro amore ?
    non+autenticato
  • Scusate, ma che cacchio centra sta cosa con PI?
    Qui si parla d'informatica e non di "religione", se così la vogliamo definire quella Cattolica (non diciamo cristiana, che se vogliamo essere pignoli, sono stati i predecessori di quelli che hanno fondato la Chiesa ad ammazzare Gesù)
    non+autenticato


  • - Scritto da: Benny
    > Santità, ho una famiglia di fatto e voglio
    > rispetto.

    Il rispetto ce l'hai.

    > La smetta la chiesa di disriminare...sia più
    > giusta!

    E a te cosa costa renderti famiglia anche davanti alla Chiesa?
    O forse pretendi il rispetto senza darlo?
    non+autenticato
  • Attendiamo con trepida attesa le Sue parole di santità che ci aiuterà e ci fara da guida al popolo degl'internauti e non solo. Ascoltiamolo! E' una forza morale per tutti noi!

    Grazie Santità!
    non+autenticato


  • - Scritto da: giobar
    > Attendiamo con trepida attesa le Sue parole
    > di santità che ci aiuterà e ci fara da guida
    > al popolo degl'internauti e non solo.
    > Ascoltiamolo! E' una forza morale per tutti
    > noi!
    >
    > Grazie Santità!

    parla per te...
    non+autenticato
  • > > Attendiamo con trepida attesa le Sue
    > parole
    > > di santità che ci aiuterà e ci fara da
    > guida
    > > al popolo degl'internauti e non solo.
    > > Ascoltiamolo! E' una forza morale per
    > tutti
    > > noi!
    > >
    > > Grazie Santità!
    >
    > parla per te...
    e infatti ha parlato per lui...
    non+autenticato


  • - Scritto da: blah
    > > > Attendiamo con trepida attesa le Sue
    > > parole
    > > > di santità che ci aiuterà e ci fara da
    > > guida
    > > > al popolo degl'internauti e non solo.
    > > > Ascoltiamolo! E' una forza morale per
    > > tutti
    > > > noi!
    > > >
    > > > Grazie Santità!
    > >
    > > parla per te...
    > e infatti ha parlato per lui...

    Sono d'accordo con te. Stanno nascendo polemiche inutili ed insulti nei confronti di chi esprime, nel suo modo, la propria opinione.
    Massimo rispetto a tutti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: giobar
    > Attendiamo con trepida attesa le Sue parole
    > di santità che ci aiuterà e ci fara da guida
    > al popolo degl'internauti e non solo.
    > Ascoltiamolo! E' una forza morale per tutti
    > noi!
    >
    > Grazie Santità!

    ci vuole un cervello piccolo così --> °
    per essere così superficiali e ottusi come te.
    complimenti.
    Matteo
    non+autenticato

  • > > Attendiamo con trepida attesa le Sue
    > parole
    > > di santità che ci aiuterà e ci fara da
    > guida
    > > al popolo degl'internauti e non solo.
    > > Ascoltiamolo! E' una forza morale per
    > tutti
    > > noi!
    > >
    > > Grazie Santità!
    >
    > ci vuole un cervello piccolo così --> °
    > per essere così superficiali e ottusi come
    > te.
    > complimenti.
    > Matteo
    oggnnitanto prova a sentire cosa sta dicendo...magari il tuo cervello cosi grande e bello cosi non superficiale e ottuso capira qualcosa...anche se dubito visto lo stato pietoso in cui sei...

    non+autenticato