Newbie.it/ Spam: cos'è? Perché fa male?

In collaborazione con il sito dedicato ai neofiti della Rete un excursus su una delle pratiche più invise agli utenti: l'invio di posta elettronica non richiesta

Web - Newbie.it - Lo spamming è uno dei fenomeni più fastidiosi di Internet specie per i veterani: consiste nell'invio di una stessa e-mail, contenente di solito pubblicità, a centinaia, se non a migliaia di persone, puntando sul fatto che la posta elettronica è gratuita. Oltre a violare la Netiquette (e la legge sulla privacy) e a saturare la Rete con messaggi inutili, lo spam in Italia viola la legge 675/96 sulla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Il termine "Spam" deriva da una nota marca di carne in scatola protagonista di una celebre parodia dei Monty Python, in cui un cameriere cercava di rifilare in tutti i modi Spam ai clienti del proprio ristorante. Da "Spam" deriva "spamming", ovvero l'atto di inviare questo tipo di messaggi.

Ma cos'è esattamente lo "Spamming"? Vediamolo, cercando di dare una risposta alle domande più comuni sull'argomento:

- Quando invio cinque messaggi uguali a cinque persone faccio dello Spam?
- E quando invio un solo messaggio ai dieci Newsgroup che seguo attivamente, sono ugualmente uno Spammer?
- Inviando un messaggio a venti persone della mia rubrica e a dieci prese sulle infinite bacheche della rete sto facendo Spamming?
- Infine, se il problema fosse unicamente la quantità, inviando una e-mail a sole due persone continuerei a fare Spamming?
La risposta a queste domande è: si!

Lo Spam è un fenomeno legato all'intenzione intrinseca del messaggio stesso: qualsiasi cosa esplicitamente non richiesta e che abbia un minimo di carattere commerciale può essere considerato tale. Il carattere commerciale a cui mi riferisco è chiaramente visibile nelle ormai comuni e-mail che invitano a visitare un sito (anche amatoriale), che promuovono un prodotto o un'iniziativa ed ultimamente perfino che fanno propaganda politica.

Esistono due tipi di Spam: pubblico e privato.
Con il primo si indicano tutti i messaggi pubblicitari non richiesti postati in un luogo virtuale a cui accedono diverse persone nel tempo: Mailing List, bacheche elettroniche, NewsGroup non moderati (quelli moderati filtrano i messaggi pubblicitari grazie all'intervento di una persona che legge tutti i messaggi e che, a seconda del contenuto, li approva per tutti gli iscritti oppure li respinge, etc...)

Con il secondo invece si indicano i messaggi direttamente inviati alle singole caselle di posta elettronica (Direct e-mail). Per semplificare, è la stessa differenza che passa tra un volantino di ricerca abitazione affisso sulla bacheca del supermercato e un volantino identico nella nostra cassetta postale del condominio. Ma, mentre nel caso di ricezione del volantino "reale" non siamo noi a pagare il mezzo (carta, stampa, volantinaggio, etc), nel caso dello Spam la bolletta per scaricare il messaggio in questione è ovviamente a nostro carico.
TAG: mondo
3 Commenti alla Notizia Newbie.it/ Spam: cos'è? Perché fa male?
Ordina