Quanto vale la firma digitale?

Sotto i riflettori del Centro Servizi Legali sono oggi la Pubblica Amministrazione e la firma digitale. Ecco cosa è cambiato e quanto vale un'email firmata elettronicamente

L?avvento dell?informatica ha letteralmente aggredito la società industriale, modificando gli assetti produttivi e sociali.

E? naturale corollario a questo progresso, l?evoluzione politica del settore del contatto tra Pubblica Amministrazione e cittadino.
Il processo di informatizzazione della Amministrazione ha fatto capolino con molto ritardo rispetto all?evoluzione tecnica.

Oggi, comunque, si è avvezzi infiorare il linguaggio con termini quali la teleamministrazione, ossia, molto semplicemente, l?attività dell?ente pubblico che si svolge attraverso terminali collegati ad un centro elaborazione dati.
Si è reputato persino necessario emanare una legge, il Decreto Legislativo 12.2.1993 n. 39, per normare la materia dei sistemi informativi automatizzati delle amministrazioni pubbliche.
Le finalità che si volevano perseguire, per altro lodevoli, erano quelle del miglioramento dei servizi, della trasparenza dell?attività amministrativa (sulla scia della legge 241/90) e il contenimento dei costi della azione amministrativa, razionalizzando il sistema.
La teoria era ineccepibile.

In realtà, però, un?amministrazione automatizzata richiede che gli atti amministrativi siano emanati in forma elettronica, presupponendo una conoscenza tecnica che al burocrate non era mai stata richiesta.
TAG: italia