Oggi debutta Apache 2.0

Lo ha annunciato Covalent, che punta su una versione che non tutti gli sviluppatori ritengono pronta. Apache leader tra i server software

San Francisco (USA) - Covalent Technology ritiene che non abbia più senso aspettare e ha annunciato che oggi verrà lanciata ufficialmente la versione 2.0 del server Web Apache, un lancio che arriva in anticipo rispetto a quanto previsto dalla Apache Software Foundation, il team open source che sviluppa il nucleo del noto software.

Covalent, che commercializza il prodotto open source insieme a diverse estensioni proprietarie, ha nel proprio team parecchi sviluppatori dell'Apache Server Project e collabora a stretto contatto con il progetto open source. Questa volta l'azienda sembra però essere andata contro il volere di diversi sviluppatori open source che considerano Apache 2.0 poco più di una versione beta.

Covalent sostiene invece che la nuova versione del noto Web server è ormai pronta per il mercato: a suo dire è ora che l'attesa, che dura da quasi un anno, abbia finalmente termine.
Apache 2.0, che rappresenta una delle maggiori riscritture del codice di questo software, promette di essere più facile da configurare e meglio integrato con tutti i sistemi operativi supportati, in particolare Windows.

Fra le maggiori novità vi sono il pieno supporto a IPv6, il nuovo protocollo che dovrebbe rendere più stabile Internet e fornire un numero pressoché infinito di IP; l'introduzione di moduli per il multiprocessing (MPM), una funzionalità che consente più flessibilità nella gestione delle richieste; l'Apache Portable Run-Time (APR), che permette una maggiore interoperabilità fra piattaforme diverse; filtri più potenti e sofisticati per l'automazione di processi di trasformazione e conversione delle pagine Web.

Apache 2.0 è alla base del nuovo Enterprise Ready Server di Covalent, un prodotto dal costo di 1.495$ per CPU. L'azienda ha giustificato il sensibile incremento di prezzo rispetto alla precedente versione, che costava 995$, sostenendo che la nuova release è significativamente più prestante e può essere amministrata in modo molto più semplice attraverso funzionalità di gestione e controllo centralizzate.

Nonostante una leggera ripresa registrata dai suoi due maggiori rivali, iPlanet di Sun e Internet Information Server di Microsoft, le statistiche di Netcraft continuano a mostrare un forte dominio di Apache nel mercato dei server Web: fra i siti Web attivi, quelli che utilizzano il server open source sono infatti circa il doppio rispetto a quelli che fanno girare IIS, il secondo prodotto in classifica.

Al momento in cui scriviamo l'ultima versione stabile di Apache prelevabile dal sito Apache.org è la 1.3.22, mentre l'ultima versione beta è la 2.0.16.
15 Commenti alla Notizia Oggi debutta Apache 2.0
Ordina

  • 1) non e' "uscito" apache 2.0
    l'ultima versione ufficiale di apache e' la 1.3.22 del 12 ottobre scorso.

    2) l'articolo e' scritto male anche se in fondo e' specificato quanto sopra.

    3) apache non e' GPL ma ha una licenza BSD, mentre la versione in development (2.0.x) ha una licenza specifica modificata (apache license)
    questo significa che non e' soggetto alle restrizioni della GPL
    eventualmente qualcuno mi corregga, ma io posso modificare e compilare i sorgenti e distribuire "pincopallinowebserver 3 plus" senza particolari restrizioni, semmai e' per usare il nome "apache" in un prodotto derivato, che devo chiedere autorizzazione alla fundation e questo la ditta covalent lo avra' senz'altro fatto.

    4) dal punto di vista strettamente tecnico anche winxp e' una beta, anche mac osx e' una beta e lo e' anche il kernel 2.4.x di Linux e una miriade di altri prodotti che vengono messi in commercio e/o distribuiti un po' "forzatamente".
    non ci vedo niente di strano.

    5) se l'azienda in questione ritiene opportuno vendere il proprio prodotto di punta (basato in questo caso su l'ultima versione beta di apache) non vedo cosa ci sia di male.

    se poi ognuno vuole sprecare fiato, lo faccia pure... in fondo sono solo uno che cerca di vedere le cose in maniera obiettiva.
    non+autenticato


  • - Scritto da: trinket
    >
    > 1) non e' "uscito" apache 2.0
    > l'ultima versione ufficiale di apache e' la
    > 1.3.22 del 12 ottobre scorso.

    siamo alla 1.3.24Sorride))))

    > 2) l'articolo e' scritto male anche se in
    > fondo e' specificato quanto sopra.

    daccordo al 100%Occhiolino)))

    non+autenticato
  • non credo che questa uscita costituisca un pericolo.
    Chi amministra sistemi unix conosce bene il proprio lavoro, non credo che gli amministratori installino una cosa importante come un web server in pre-release, questi sono costumi M$. Lo vendono, ma chi glielo compra?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Torpedine
    > non credo che questa uscita costituisca un
    > pericolo.
    > Chi amministra sistemi unix conosce bene il
    > proprio lavoro, non credo che gli
    > amministratori installino una cosa
    > importante come un web server in
    > pre-release,

    ma sei sicuro che disconoscono bene il loro mestiere.

    >questi sono costumi M$. Lo
    > vendono, ma chi glielo compra?

    la MS le beta le da gratis per farti imparare, qui con apache 2 la vendetta devi sborsa migliaia di dollari dalle tascocce.
    non+autenticato
  • > >questi sono costumi M$. Lo
    > > vendono, ma chi glielo compra?
    >
    > la MS le beta le da gratis per farti
    > imparare, qui con apache 2 la vendetta devi
    > sborsa migliaia di dollari dalle tascocce.
    ma non dire cazzate...

    non+autenticato


  • - Scritto da: blah
    > > >questi sono costumi M$. Lo
    > > > vendono, ma chi glielo compra?
    > >
    > > la MS le beta le da gratis per farti
    > > imparare, qui con apache 2 la vendetta
    > devi
    > > sborsa migliaia di dollari dalle tascocce.
    > ma non dire cazzate...
    >
    visto che posti senza leggere la notizia ecco le cazzate:
    Apache 2.0 è alla base del nuovo Enterprise Ready Server di Covalent, un prodotto dal costo di 1.495$ per CPU. L'azienda ha giustificato il sensibile incremento di prezzo rispetto alla precedente versione, che costava 995$,
    non+autenticato

  • > Apache 2.0 è alla base del nuovo Enterprise
    > Ready Server di Covalent, un prodotto dal
    > costo di 1.495$ per CPU. L'azienda ha
    > giustificato il sensibile incremento di
    > prezzo rispetto alla precedente versione,
    > che costava 995$,

    costerà il pacchetto, ma Apache è stato, è e sarà gratis. Tutti gli ammennicoli intorno possono costare quanto vuoi, ma la licenza GPL è gratis. Quando sarà stabile e ottimo come la passata versione, me lo scaricherò, una compilatina, e via...
    (sotto MacOS X, non uso Linux)
    non+autenticato
  • > > > >questi sono costumi M$. Lo
    > > > > vendono, ma chi glielo compra?
    > > >
    > > > la MS le beta le da gratis per farti
    > > > imparare, qui con apache 2 la vendetta
    > > devi
    > > > sborsa migliaia di dollari dalle
    > tascocce.
    > > ma non dire cazzate...
    > >
    > visto che posti senza leggere la notizia
    > ecco le cazzate:
    NON HO MAI POSTATO SENZA LEGGERE LA NOTIZIA

    > Apache 2.0 è alla base del nuovo Enterprise
    > Ready Server di Covalent, un prodotto dal
    > costo di 1.495$ per CPU. L'azienda ha
    > giustificato il sensibile incremento di
    > prezzo rispetto alla precedente versione,
    > che costava 995$,
    MI SEMBRA HE TORPEDINE T'HA GIA RISPOSTO...
    disocrso chiuso...

    non+autenticato
  • iis avanza e prende piede e quindi con una mossa degna dell'uscita di netscappa (salto di numerazione di versione solo per questione di markette 4.xx->6 per superare internet exploit, con i risultati che ricordiamo, na pena totale).
    il problema che il sw in uscita non è un browser ma un server web con tutte le implicazioni di sicurezza correlate.

    i linuxari, gli open sorsari ecc. quando c'è da sfottere il rivale di sempre tutto ok, (e un markettaro, per vendere tira fuori le chiaviche ecc...), quando invece si tratta di far autocritica ZITTI come pesci.
    è bello prender per il culo i rivali un po meno ammettere i propri errori

    raga dopo le uscite sulla sicurezza siamo a due, comincerei a preoccuparmi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: esondue
    > i linuxari, gli open sorsari ecc. quando c'è
    > da sfottere il rivale di sempre tutto ok, (e
    > un markettaro, per vendere tira fuori le
    > chiaviche ecc...), quando invece si tratta
    > di far autocritica ZITTI come pesci.
    > è bello prender per il culo i rivali un po
    > meno ammettere i propri errori
    >
    > raga dopo le uscite sulla sicurezza siamo a
    > due, comincerei a preoccuparmi.

    forse ti e' sfuggito che e' un'azienda che vuole COMMERCIALIZZARE la beta di apache2, che sara' inclusa in un pacchetto che LORO venderanno...
    la comunita' OS e' contraria.
    leggi bene l'articolo prima e/o connetti il cervello!!!!

    non+autenticato

  • >
    > forse ti e' sfuggito che e' un'azienda che
    > vuole COMMERCIALIZZARE la beta di apache2,
    > che sara' inclusa in un pacchetto che LORO
    > venderanno...
    > la comunita' OS e' contraria.
    > leggi bene l'articolo prima e/o connetti il
    > cervello!!!!

    mi sembra più un aggravante che una giustificazione , se un pacchetto a pagamento esce cosi figuriamoci la versione free hehehehehehehehe.

    non+autenticato
  • e' ancora immaturo,questi vogliono metterlo in commercio il prima possibile,se ne fregano della sicurezza,ragionando come microzozz. mettiamogliela in culo ora,prima ke lo facciano loro rifilandoci una versione immatura.
    non+autenticato


  • - Scritto da: VIRTUOSO
    > e' ancora immaturo,questi vogliono metterlo
    > in commercio il prima possibile,se ne
    > fregano della sicurezza,ragionando come
    > microzozz. mettiamogliela in culo ora,prima
    > ke lo facciano loro rifilandoci una versione
    > immatura.

    Sono d'accordo. Ecco cosa succede a dare fiducia ai commerciali. Ora Apache iniziera' ad apparire marcio come IIS, e M$ ci sguazzera'.
    non+autenticato
  • Se gli stessi sviluppatori lo ritengono ancora Bete c'avranno i loro motivi, noo??



    Ciao
    non+autenticato
  • perche te windows xp lo consideri defintivo ?
    ie 6 ha gia un baco
    meglio una beta che funziona che un definitivo
    in fase di prova
    in win 2000 sono usciti 2 service pack
    ed e quasi pronto il 3
    in nt4 appena 7 il 6 e il 6a
    se e per questo sono tutti beta se non non verrebbe fuori la versione successiva
    il motivo che dicono che si tratta di una beta
    possono essere molti....
    sicurezza freatures stabilita velocita precisione.....
    non+autenticato