Parigi limita i DVD americani

Se contengono film che devono ancora andare nelle sale, i francesi non potranno acquistarli né on né off line. Una norma voluta dal Parlamento che mette in luce ancora una volta l'inutilità della protezione per area geografica dei DVD

Roma - Dal prossimo primo gennaio 2001 la Francia bloccherà l'importazione di qualsiasi DVD contenente lungometraggi che devono ancora essere distribuiti nelle sale cinematografiche.

Il Parlamento francese ha deciso, con una norma appena approvata, che i DVD potranno essere importati e venduti solo sei mesi dopo l'apparizione dei film nelle sale. I cittadini francesi che acquisteranno un DVD "in anticipo" da un negozio straniero o uno shop online violeranno la legge e saranno passibili di sanzioni pecuniarie.

La "mossa", segnalata da "DVD Times", dimostra un'altra volta l'inefficacia sostanziale delle protezioni geografiche poste sui DVD. Come noto, infatti, i DVD prodotti e distribuiti in nordAmerica sono codificati come appartenenti ad una certa area geografica e possono essere letti, in teoria, solo da players che aderiscono a quell'area. In Europa lo standard è un altro ma violare la codifica è così semplice che l'importazione di film americani su DVD ha raggiunto in Francia livelli talmente elevati da aver messo in allerta le lobby dei cinema d'oltralpe che hanno spinto per la nuova legge.
TAG: mondo