Agli inglesi la Rete piace (poco)

L'istituto nazionale di statistica britannico ritiene che siano ancora pochi gli adulti britannici che hanno avuto accesso alla Rete. E torna alla ribalta il dato di chi non prova interesse a conoscere Internet

Londra - Un terzo degli adulti britannici non ha intenzione di collegarsi ad Internet perché non prova interesse per quanto la Rete può offrire. Altri ritengono di averne poco bisogno o di non avere le conoscenze necessarie. E fino ad oggi solo il 45 per cento di tutti gli adulti britannici (20,5 milioni di persone) avrebbe almeno una volta avuto accesso ad Internet.

Questi sono i dati che arrivano dall'ultimo studio dell'istituto di statistica nazionale britannica secondo cui la quantità di adulti che usa la Rete non è cambiata dallo scorso ottobre, segnalando dunque una fase di "stallo" che viene esaminata dagli esperti. Comunque, affermano i ricercatori della National Statistics, con la stagione dello shopping natalizio i numeri potrebbero subire una brusca impennata.

Va detto che il Governo di Tony Blair ha puntato molto proprio sulla diffusione di Internet e i dati dell'ufficio di statistica sembrano indicare che questi sforzi sono lontani dall'ottenere i risultati sperati. Non viene però citata, tra le possibili cause della mancata crescita, l'offensiva regolamentatrice che il Governo ha lanciato su Internet nel corso del 2000, facendo approvare leggi che limitano di molto la privacy dell'utente britannico.
Di interesse il fatto che solo il 7 per cento delle famiglie più povere hanno accesso alla Rete contro il 62 per cento delle famiglie che si trovano negli strati più ricchi della popolazione. Inoltre l'82 per cento dei giovani tra i 16 e i 24 anni ha acceduto ad Internet almeno una volta contro il 4 per cento della fascia over75.

Dato positivo, comunque, è il fatto che nei tre mesi tra luglio e settembre hanno avuto accesso alla Rete 7,8 milioni di famiglie, ovvero tre volte quelle che l'ufficio di statistica aveva registrato due anni fa e un terzo del totale delle famiglie britanniche.
TAG: mondo