Virus, Kriz sulla strada del ritorno

Conosciuto ormai da un anno, Kriz sfrutta il codice che consentì al temibile virus Chernobyl di fare danni a destra e a manca. Ma Kriz si attiva il 25 dicembre e chi ne è colpito è destinato a diffonderlo rapidamente. Ecco tutti i dettagli

Roma - Nuovi allarmi vengono lanciati in queste ore per il "pericolo Kriz", ovvero il pericolo che può rappresentare per l'integrità dei computer degli utenti Internet un virus vecchio di un anno ma dotato di capacità quasi uniche.

W32.Kriz ha un cuore pulsante temibilissimo, lo stesso che ha consentito la diffusione del distruttivo virus Chernobyl (CIH), uno dei virus che più ha fatto parlare di sé negli ultimi anni. Ma se CIH, creato nel '97, era fatto per "scattare" il 26 aprile di ogni anno (e nel '98 i danni ci furono, eccome), Kriz secondo gli esperti potrebbe attivarsi e scatenarsi il giorno di Natale, il 25 dicembre.

Kriz fu scoperto nell'autunno del 1999. Si tratta di un codice capace di colpire tutti i sistemi Windows, anche Windows2000, e le conseguenze della sua attività comprendono la sovrascrittura di certi file su floppy, disco rigido e su tutti gli altri drive del computer infetto o della rete a cui è connesso. Non contento, Kriz cancella le informazioni contenute nel BIOS e in questo senso assomiglia moltissimo al suo "babbo", il virus W95.CIH.
I laboratori SARC di Symantec mettono a disposizione un'utilità diagnostica online che può essere utilizzata per individuare l'eventuale presenza del virus nel sistema. Un altro tool viene offerto a chi è già stato colpito da Kriz.

Ma ecco tutti i dettagli sul virus.