2001, Xbox mancherà l'Europa

Il 2001 sarà il primo 'Xbox Year', ma solo per Giappone e USA. In Europa, infatti, la console sbarcherà solo nel 2002, mancando dunque il Natale. E a poche settimane dall'annuncio ufficiale, spuntano anche nuove specifiche

2001, Xbox mancherà l'EuropaRedmond (USA) - La storia è sempre quella, e gli europei sembrano ormai conoscerla a memoria: prima il mercato giapponese e americano, poi il Vecchio Continente. E' infatti questo l'ordine di arrivo appena annunciato da Microsoft per Xbox, un percorso temporale che in Europa impedirà alla console di arrivare in tempo per il Natale del 2001.

Se dunque l'Europa dovrà attendere fino al primo trimestre del 2002, il big di Redmond ha invece confermato che in Giappone e Nord America la commercializzazione della console avverrà come previsto durante l'autunno del 2001, in tempo per il Natale del prossimo anno.

Per rafforzare le sue capacità distributive, Microsoft si appoggerà su Flextronics International, un'azienda che si occuperà dell'installazione e della gestione di alcuni centri di produzione in varie regioni del mondo: inizialmente le fabbriche saranno due, una in Messico per USA e Giappone ed una in Ungheria per l'Europa.
Sandy Duncan, capo della divisione europea Microsoft dedicata a Xbox, ha affermato: "La domanda di Xbox è così elevata che abbiamo dovuto correggere le nostre previsioni e trovare un modo per soddisfare al meglio le richieste nei vari paesi del mondo". Duncan si è anche detto convinto che è soprattutto importante stabilire date di rilascio veritiere, che non deludano le aspettative dei consumatori.

Microsoft ha poi annunciato di aver scelto il software di Ravisent, CineMaster, per la riproduzione dei DVD su Xbox. Il prodotto, già disponibile da tempo per PC, consentirà a questa console di competere con le capacità di playback della Playstation 2, anche se questa funzionalità su Xbox sarà solo un optional: per vedere i film su DVD gli utenti dovranno infatti acquistare un expansion pack contenente il software di Ravisent ed un telecomando.

Per quanto riguarda le specifiche tecniche, le notizie più fresche danno un innalzamento della frequenza della CPU (un Pentium III) da 733 MHz a 1 GHz, mentre il clock dell'unità grafica targata Nvidia potrebbe scendere da 300 MHz a 250 MHz.
Sarà possibile conoscere i dettagli tecnici della versione definitiva della console fra poche settimane: l'annuncio ufficiale sarà infatti dato durante il prossimo Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, il 6 gennaio.

Ad oggi, il colosso di Redmond ha firmato accordi con oltre 200 editori e sviluppatori di giochi, ultimo dei quali il colosso Electronics Arts, che si è già impegnata a fornire 10 titoli per il periodo di lancio della console.

Quella di Microsoft è un sfida ambiziosa: dimostrare che la tecnologia del PC può funzionare anche sul mercato delle console da gioco. Se Bill Gates ha visto giusto, e molti sono convinti di sì, l'ombra lunga del big di Redmond potrà coprire un settore fertilissimo i cui confini vanno ben al di là del mercato videoludico.
TAG: mercato