01 feb 2012, 10.06link html
 Chiudi
Apri tutti i messaggi01 feb 2012, 14.27link html
01 feb 2012, 14.35link html
01 feb 2012, 14.45link html
01 feb 2012, 16.00link html
01 feb 2012, 21.25link html
01 feb 2012, 22.06link html
 Chiudi
Apri tutti i messaggi01 feb 2012, 18.22link html
01 feb 2012, 18.28link html
01 feb 2012, 21.20link html
01 feb 2012, 21.39link html
01 feb 2012, 21.52link html
01 feb 2012, 22.06link html
01 feb 2012, 22.08link html
01 feb 2012, 22.16link html
01 feb 2012, 22.20link html
01 feb 2012, 22.23link html
01 feb 2012, 22.43link html
01 feb 2012, 23.09link html
01 feb 2012, 22.33link html
01 feb 2012, 22.44link html
04 feb 2012, 13.40link html
 Chiudi
Apri tutti i messaggi04 feb 2012, 13.39link html
- Scritto da: 8080
> Senti ti spiego la situazione in breve.
>
> Devo far far dei video a una fotomodella
> americana che vive negli Stati Uniti.
> L'attrezzatura gliela devo mandare
> io.
>
> Quindi la comprerei qui in Italia con fattura
> così ammortizzo i
> costi.
>
> Poi la spedisco a lei, la deve tenere diverse
> settimane e poi rispedire a
> me.
>
> C'è un modo per evitare che vengano pagate tasse
> extra sia quando spedisco che quando
> ricevo?

ti serve ancora saperlo?

controllo poco questo foro qua, cmq esiste la temporanea importazione in Italia/EU/Cina, non so se la facciano anche gli USA e probabilmente no vista la paranoia che hanno, cmq uno spedizioniere deve seguirti la cosa se fattibile perchè va fatta una bolletta doganale di esportazione particolare dall'Italia, e dovrà controllare se negli USA si puo fare e come.

in Italia posso dirti che se tu vuoi importare temporaneamente qualcosa, ad esempio per lavorarlo e poi rispedirlo chissà dove o si tratta come nel tuo caso di attrezzature che poi escono di nuovo, le stesse vengono segnate / piombate dalla dogana e GDF e le stesse piombature devono uscire senza essere state manomesse, lo spedizioniere deve anche fornire una fideiussione bancaria a garanzia delle tasse nel caso la roba scomparisse una volta entrata.

so che gli USA cambiano in continuazione le leggi doganali e io non seguo gli USA, quindi ti consiglio di rivolgerti ad uno spedizioniere perchè lui controlli la legislazione USA e ti spieghi come fare nei dettagli, la cosa costicchia se ci metti di mezzo uno spedizioniere quindi a naso o è una roba da 10k di cui almeno 1-2k ti partiranno solo per trasporti avanti e andrè (ma minimo minimo 1-2k) e costi vari (fare le fideiussioni costa) oppure te le compri e una volta finito il lavoro le rivendi la e paghi solo il biglietto aereo per le tue natiche.

se è una robetta piccola dovresti controllare mandando una email a qualche agenzia usa apposita (la dogana si chiama custom, cerca) quali sono i limiti di valore massimi di attrezzature che puoi portarti appresso in aereo senza dover pagare le tasse di importazione, qua in italia se una crew televisiva ad esempio si presentasse dagli USA con un valore di attrezzature inferiore ad un TOT a capoccia (autocertificato all'ingresso, si tratta di una franchigia che dipende dal tipo di prodotto) non pagano na cippa ne si beccano piombature strane ne tocca loro fare una importazione temporanea, qualcosa di analogo esiste anche in USA, quale sia lil valore della franchigia e se siano disposti a farlo per attrezzature professionali non lo so.
04 feb 2012, 13.52link html
04 feb 2012, 14.13link html
04 feb 2012, 14.50link html
04 feb 2012, 16.01link html
04 feb 2012, 17.57link html
04 feb 2012, 18.04link html
04 feb 2012, 22.52link html
04 feb 2012, 23.11link html
04 feb 2012, 23.42link html
04 feb 2012, 23.46link html
05 feb 2012, 10.58link html
05 feb 2012, 14.14link html
05 feb 2012, 14.42link html
05 feb 2012, 14.50link html
05 feb 2012, 20.45link html
05 feb 2012, 20.54link html