27 ago 2012, 13.19link html
http://www.corriere.it/editoriali/12_agosto_27/il-...

Ma oggi forse noi italiani cominciamo finalmente a renderci conto che distruggendo il nostro Paese tra gli anni 60 e 80 abbiamo perduto anche una gigantesca occasione economica. L'occasione di utilizzare il patrimonio artistico-culturale da un lato e il paesaggio dall'altro - questi due caratteri unici e universalmente ammirati dell'identità italiana - per cercare di costruire un modello di sviluppo...

D'accordo su tutto tranne sull'idea generale di sfruttare economicamente i paesaggi, non che si possa fare, ma l'idea di preservarli solo per sfruttarli appartiene comunque alla stessa mentalità consumistica che ha distrutto il paese.

Invece c'era da chiedersi: non era meglio rendere più semplice e meno costosa la creazione di una fondazione?
Così Gatto Selvaggio avrebbe impedito questo scempio e ora lungo le coste calabresi vedremmo tanti ciclisti con la panza avvolta dalla plastica?
-----------------------------------------------------------
Modificato dall' autore il 27 agosto 2012 13.41
-----------------------------------------------------------
8080
1.236
 
 
 Chiudi
Apri tutti i messaggi27 ago 2012, 14.45link html
27 ago 2012, 14.50link html
27 ago 2012, 14.54link html
27 ago 2012, 15.01link html
28 ago 2012, 00.44link html