Chiudi
Apri tutti i messaggi02 mag 2013, 21.45link html
02 mag 2013, 23.26link html
02 mag 2013, 23.33link html
03 mag 2013, 01.00link html
03 mag 2013, 01.33link html
03 mag 2013, 01.56link html
03 mag 2013, 14.58link html
04 mag 2013, 11.38link html
- Scritto da: basement cat
> > Perché esiste la forza di gravità?
>
> Già, perché?

Gesù ha stabilito così.

> La Relatività generale la
> rappresenta come una deformazione dello
> spazio-tempo, ma dev'essere solo una
> rappresentazione altrimenti la gravità sarebbe
> diversa dalle altre forze.

Potrebbe anche esserlo, ho controllato or ora nel service manual dell'universo e dice che non c'è nessuna legge che impedisce ad una legge di essere diversa da altre leggi. Cmq si ritiene sia provocata dai gravitoni.

> Verso il 1760 era stato proposto un modello
> meccanico che spiegava la gravità, ma introduceva
> effetti sperimentalmente non
> verificati.

Dubito che nel 1760, epoca in cui non si sapeva proprio nulla della realtà, si sia sviluppata una teoria degna di una qualsiasi relazione con il mondo reale.

> > Perché ritieni così difficile da accettare il
> > fatto che le particelle siano anche onde?
>
> Le particelle non sono onde!

Spiegalo alle particelle.

> > Nel tuo mondo valgono determinate leggi, nel
> > mondo microscopico altre.
>
> Il gatto di Schrödinger è stato chiuso in
> una scatola per mostrare il
> contrario

Io questo gatto non l'ho ancora mai visto. Bisognerebbe chiedere a Lich, d'altra parte anche lui è un non-morto.

> > Ti sei mai posto la domanda "perché la legge del
> > moto continuo uniforme è così com'è?"... no
> vero?
>
> Ovvio che sì.

Tuttavia la fisica non ha saputo risponderti... proprio perché la fisica si occupa di capire le leggi che governano la realtà... non spiegare come mai quelle leggi esistono e sono proprio così.

> E mi sono anche iscritto a Fisica sperando mi
> dessero le risposte.

Se me lo chiedevi prima ti risparmiavo un po' di soldini...

> Nella Bibbia quei sant'uomini dei patriarchi
> hanno diverse mogli e numerosi figli senza che
> nessuno trovi da ridire, io vorrei riportare in
> auge questo antico, valido modello.

La mania di farsi i cazzi altrui è dovuta alla superstizione, in particolare al cristianesimo che ha demonizzato il sesso (e tutti i corollari che gli girano attorno) lasciando profondi squarci anche nel così detto "mondo laico" che, bene o male, è cresciuto in una società impermeata dalle fobie cristiane e le ha fatte sue senza nemmeno rendersene conto. La cosa divertente è che non si sa neanche per quale ragione i cristiani siano così sessuofobi dato che gesù non ha mai detto nulla al riguardo, anzi, si è pure messo a difendere una prostituta e, si dice, se la sia pure sposata, quindi forse questa fobia risale addirittura a qualche forma superstiziosa precedente probabilmente risalente all'antichità.

Secondo me succedeva questo... se andavi con tante femmine (o maschi) ti beccavi malattie che all'epoca, nella loro profonda ignoranza, pensavano fossero punizioni divine. Perciò hanno fatto tutte quelle ridicole regolette che è possibile leggere con gran divertimento sulla Bibbia per non far arrabbiare dio e quindi evitare di morire per qualche malattia sessualmente trasmissibile.
Se le leggi in quest'ottica, infatti, quelle patetiche regolette hanno persino un senso.

Purtroppo, nonostante nel tempo si siano oramai spiegate tutte queste cose e si sappia che dio non c'entra proprio nulla (e che anzi, è molto probabile nemmeno esista) tali regolette sono entrate talmente in profondità nel "comportamento sociale normale" da perdere le loro motivazioni originale (che ora nessuno più nemmeno riconosce) ed essere divenute semplicemente un dato di fatto accettato acriticamente da tutti (o almeno da buona parte della popolazione)... anche da quelli che si dichiarano atei convinti e si illudono che la superstizione non controlli la loro vita.

Un po' come in USA va di moda mutilare i genitali maschili, cosa che deriva evidentemente da quella sciocchezza che è la superstizione ebraica ma che è entrata talmente in profondità nelle "tradizioni" di quella "cultura" (se così si può definirla) che lo fanno tutti anche se nessuno sa bene il perché.

Se chiedi ai genitori "ma perché avete fatto una cattiveria del genere a vostro figlio" ti guardano come se gli avessi chiesto perché le ruote rotolano e farfugliano cose tipo "è più igienico" oppure "così si rischia meno di prendere l'HIV"... come se noi ci tagliassimo le orecchie perché così è più facile pulircele o ci tagliassimo il pisello perché così la probabilità di beccare l'HIV scende a 0.
A volte, i più onesti, ammettono che in realtà le motivazioni non le sanno ma che l'hanno fatto semplicemente perché lo fanno tutti e solo allora si dicono "ho fatto una cazzata e ho rovinato una parte a mio figlio che: 1) non ricresce e 2) ha ben più di qualche ragione per esistere [proteggere il glande, mantenerlo umido e molto sensibile di modo permettere a quella persona un'esperienza sessuale migliore e più piacevole]. Poi ti chiedi perché in USA si ammazzano a vicenda... mi avessero tagliato un pezzo di pisello sarei incazzato nero anche io.
-----------------------------------------------------------
Modificato dall' autore il 04 maggio 2013 12.01
-----------------------------------------------------------