20 nov 2013, 01.09link html
Dopo la riunione del senato USA di ieri BTC ha raggiunto vette mai viste prima. Ha oltrepassato gli 800 dollari a Bitcoin ma poi il valore è precipitato, probabilmente per via del fatto che molta gente che ha quasi raddoppiato il proprio investimento in poche ore ha poi preferito "scappare con il malloppo" monetizzando il ricavo "prima che sia troppo tardi™".

Il prezzo odierno del Bitcoin infatti si è aggirato sui 550 dollari, ovvero un centinaio di euro in più rispetto al giorno precedente alla riunione. L'LTC d'altra parte ha di fatto raddoppiato il suo valore. Se ieri ha toccato punte di 7 euro al Litecoin oggi si è assestato sui 5.7-6.3 ovvero più o meno il doppio del valore che aveva fino ad un paio di giorni fa.

Oggi c'è stata la seconda riunione del senato USA, ma il Bitcoin se ne è sostanzialmente sciacquato le OO e il valore è fluttuato fra i 550 e i 580 per poi assestarsi nuovamente sui 550. Difficile dire come mai questa seconda riunione non abbia avuto alcun effetto sul valore del Bitcoin, forse semplicemente tutti quelli che volevano "saltare nel carro" l'hanno fatto ieri con le prime coperture mediatiche del fenomeno... e penso anche in parte dal fatto che la gente ha preso coscienza del fatto che qualunque cosa quei vecchi rimbambiti decidano avrà poco se non alcun effetto sull'esistenza del Bitcoin.

Non c'è infatti un "nodo centrale" che i politici e i loro cani addestrati possano attaccare per spegnere il sistema. Forse potrebbero chiudere qualche exchange americano e magari qualcuno anche in europa dato che da brave pecore gli europei fanno a bacchetta sempre tutto quello che gli USA decidono, ma sicuramente la Cina e la Russia non staranno al gioco ed in particolare la Cina sembra _molto_ interessata ai Bitcoin.

D'altra parte sembra che anche i politici USA, nella loro profonda ignoranza tipica del politico, si siano più o meno resi conto che oramai la pipì è uscita fuori dal vaso e che c'è ben poco che possano fare se non danneggiare sé stessi. Perciò fin'ora hanno bene o male fatto buon viso a cattivo gioco, magari nella speranza che l'hype si spenga da solo. Naturalmente c'è stata qualche oca starnazzante ed ululante al terrorismo, alla droga, al CP, alle sette vacche grasse e sette vacche magre, alle cavallette, ecc... ma sembra che abbia prevalso la linea del "boh, aspettiamo e vediamo e se sopravvive speriamo di riuscire a tassare almeno qualcosina".

Una cosa tuttavia è certa. Bitcoin è qui per rimanere.

Dal comportamento di BTC e LTC forse si può trarre la conclusione che probabilmente l'LTC è la forma di investimento che, in "tempi di crisi", ovvero di grosse fluttuazioni come appunto ieri, è quello che più facilmente permette grossi guadagni e quello con una stabilità maggiore. Raddoppiare i suoi 3 euro infatti non solo è stato facile, ma è anche sopravissuto agli sbandamenti del BTC. C'è però anche da dire che tendenzialmente l'LTC cresce più lentamente del BTC nei periodi calmi. Il BTC d'altra parte è ottimo per chi fa trading. Le sue numerose e ampie oscillazioni sono occasioni ghiotte per chi vuole vendere alto e comprare basso e c'è più di qualcuno che sostiene che le fluttuazioni di ieri gli hanno procurato da diverse centinaia a diverse migliaia di dollari di guadagno.

A lungo termine entrambe le monete sembrano comunque molto promettenti. Ripeto comunque che si tratta di un investimento ad alto rischio quindi se volete giocare state attenti a non scottarvi perché qui le occasioni per scottarsi di brutto sono molte.