14 lug 2014, 01.33link html
http://zef.me/6191/the-march-towards-go

Come sospettavo.

Javascript è semplicemente troppo un "puttanaio" quando si comincia ad avere a che fare con progetti di una certa dimensione.

JS non mi è mai stato simpatico... lo trovo a tratti raccapricciante... sembra più un qualcosa messo assieme in fretta e furia che un vero linguaggio... tanto che per renderlo "usabile" bisogna cominciare ad incorporare librerie su librerie che lo "aggiustino" un pochino e ho sempre trovato per lo meno strano che altri preferissero JS persino lato server tanto che io userei Dart pure lato client pur di liberarmi di quell'accozzaglia insensata che è JS una volta per tutte.

Non dico che GO sia pronto per il "lato server", ma nel lungo andare (con la sua maturazione e la comparsa di vari framework) è probabilmente la scelta più sensata. Ci sono altri linguaggi, oltre a GO, che si potrebbero usare, non ho motivo per dire che GO è migliore di questi altri dato che li conosco poco (Rust, Haskell, Scala, ecc)... ma di certo ha più senso che complicarsi la vita con un linguaggio nato male e progettato con i piedi come Javascript.

Personalmente ho provato GO (giusto giochicchiato) e acquistato libri su GO perché volevo capirne bene la filosofia di fondo. Pur avendolo usato poco posso dire mi sembra un ottimo linguaggio, molto ben pensato e pulito, molto veloce sia a compilare che negli eseguibili che crea e soprattutto mi sembra un ottimo sostituto a C/C++ soprattutto lato sicurezza... ha solo bisogno di un po' di tempo per maturare, d'altra parte è uscito solo un paio di anni fa... ha un sacco di strada da recuperare per quanto riguarda appunto librerie, framework e "test sul campo" che ne sottolineino i lati forti e deboli... ma non è un limite del linguaggio, solo un limite della sua gioventù.

Mi fa comunque piacere che, dopo averci sbattuto il naso su casi reali e quindi non chiacchiere soggettive basate su mere simpatie, anche altri stanno cominciando a vedere i limiti di JS e se ne stanno allontanando. Spero venga soppiantato anche lato client anche se con l'insensato ostruzionismo di Microsoft, Mozilla, etc che per qualche ragione non vogliono sentir parlare di Dart (se fosse per loro il mondo dell'informatica sarebbe ancora fermo al BASIC perché "guai ad usare altri linguaggi che non abbiamo inventato noi") la vedo dura... ma potrebbe cambiare [personalmente preferirei che i browser implementassero una Virtual Machine stile LLVM in cui compilare il linguaggio di propria scelta così da non dover appesantire il browser inutilmente con varie VM che implementano un unico linguaggio].

Chrome sta recuperando sempre più consensi (meritati) e prima o poi gli altri browser dovranno adattarsi o soccombere. Alla fine ciò che ha smosso Microsoft dal suo letargo in campo "browser" è stata la concorrenza di un browser decisamente migliore (Firefox)... la storia si ripeterà... e una volta che Dart avrà mostrato a tutti i suoi vantaggi (maggiore velocità di esecuzione e un linguaggio chiaro e consistente adatto al WEB di oggi e di domani) sarà sempre più difficile per loro fare "gli indiani".

In informatica c'è sempre stata una pletora di linguaggi diversi, ognuno adatto a determinati scopi con sviluppatori innamorati di questa o quella feature, di questa o quella sintassi, di questa o quella caratteristica. Non vedo perché nel caso dei browser debba essere diverso. L'ostruzionismo è insensato. Meglio sarebbe scegliere una soluzione linguaggio-agnostica che permetta allo sviluppatore di adottare qualsiasi linguaggio come ho già sottolineato sopra. Rimanere bloccati su un linguaggio, fra l'altro orribile come Javascript, vuol dire stagnazione.
 Chiudi
Apri tutti i messaggi14 lug 2014, 11.08link html
15 lug 2014, 01.39link html
22 lug 2014, 15.59link html