http://www.articolotre.com/2014/09/usa-condannati-.../

I due, finiti in galera a 15 e 19 anni, hanno passato 30 anni dietro le sbarre per un crimine non commesso dopo che gli fu estorta con l'inganno, con la forza e con la violenza psicologica una falsa confessione, probabilmente solo perché erano neri e si trovavano nel posto sbagliato nel momento sbagliato.

Non solo i due hanno sprecato una buona fetta della loro vita in prigione senza alcun motivo, vita che _nessuno al mondo_ potrà mai ritornargli indietro, ma il vero assassino se ne è stato fuori e ha ucciso ancora prima di essere catturato (fra l'altro con le stesse modalità... ma ovviamente il "colpevole" del crimine precedente già avevano stabilito chi fosse quindi nessuno si è chiesto se magari quei due poveretti fossero innocenti... mica è il loro lavoro tenere la gente fuori di galera... specialmente se sono neri).

Ora, naturalmente, tutti i risarcimenti che probabilmente (mi auguro) gli daranno non serviranno ad una s*ga.
Non si può tornare indietro l'adolescenza, né la giovinezza, né alcuna parte della loro vita... quel tempo è passato e se ne è andato per non tornare più... ma mi chiedo se i responsabili di quella falsa confessione estorta a forza e i giudici che non hanno voluto sentir ragione e hanno condannato due ragazzi praticamente solo per il colore della loro pelle saranno oggi chiamati a pagare per i loro crimini, non molto diversi dall'assassinio e anzi, addirittura peggiori... perchè se ti ammazzano finisce lì... ma se ti ingabbiano non puoi fare altro che passare il tempo a vedere la tua vita passare lentamente... non puoi fare altro che assistere ai tuoi legami affettivi che hai costruito negli anni dissolversi nel tempo... non puoi fare altro che startene dentro la tua gabbia mentre vedi tutta la tua vita smontata pezzo per pezzo.

Probabilmente a quei polizziotti e a quei giudici non succederà proprio nulla, perché loro (poliziotti, magistrati, giudici) sono intoccabili (basta vedere anche il caso della scuola Diaz e di tanti altri casi anche qui in Italia), perché loro possono commettere gravissimi errori, quando di errori si tratta (e in questo caso non si può nemmeno parlare di errore), senza mai rendere conto di ciò che hanno fatto... possono uccidere e rovinare per sempre la vita di qualcuno senza doverne rendere conto a nessuno come non capita in alcuna altra professione... loro sono una categoria a parte per cui valgono leggi speciali che non riguardano quasi nessun altro (forse solo i politici). E oh... loro sono pagati per "trovare un colpevole"... che glie ne f*tte a loro se è il colpevole giusto oppure no? Non interessa a loro come d'altra parte non interessa nemmeno al resto della società. A loro basta avere un "colpevole", uno spauracchio a cui urlare come le scimmie quali sono.

E ora quei due cosa faranno? Si troveranno messi in un mondo in cui non conoscono più nessuno. Un mondo che probabilmente non li vorrà nemmeno più indietro perché "sono stati in galera" e "chissà, magari sono colpevoli lo stesso".
Si troveranno in un mondo che nemmeno capiscono più, senza un'istruzione adeguata che possa permettere loro di vivere decentemente quel (forse poco) che gli resta. Si troveranno proiettati in una vita NON creata da loro, ma da qualcun altro al posto loro... una vita fatta di sospetti, di solitudine e di abbandono.
-----------------------------------------------------------
Modificato dall' autore il 04 settembre 2014 10.49
-----------------------------------------------------------