Perché la musica sia dei musicistila redazione 
07 apr 2009, 00.00
 Chiudi
Apri tutti i messaggi07 apr 2009, 01.49permalink
07 apr 2009, 03.35permalink
07 apr 2009, 09.26permalink
07 apr 2009, 09.42permalink
07 apr 2009, 10.07permalink
07 apr 2009, 10.17permalink
07 apr 2009, 10.43permalink
07 apr 2009, 11.26permalink
07 apr 2009, 11.37permalink
07 apr 2009, 11.41permalink
07 apr 2009, 12.00permalink
07 apr 2009, 12.14permalink
07 apr 2009, 12.28permalink
07 apr 2009, 12.55permalink
07 apr 2009, 15.05permalink
07 apr 2009, 17.54permalink
07 apr 2009, 11.06permalink
07 apr 2009, 11.35permalink
07 apr 2009, 13.03permalink
07 apr 2009, 13.25permalink
07 apr 2009, 13.54permalink
07 apr 2009, 14.49permalink
07 apr 2009, 12.47permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi07 apr 2009, 08.32permalink
Beh, che dire..... io son del parere che l'intera visione del diritto d'autore sia profondamente sbagliata.
In fin dei conti a voler guardare bene, che fa un musicista?
Prende delle note "open source" per cosi dire, e le riordina.
Da quel momento non son piu "open" ma sue...
Benissimo!
Se vuole tenersele, che se le tenga!
Se lo registra su una cassetta e se lo ascolta da solo in uno scantinato, e sicuramente nessuno gli "porterà via" nulla.
Nel momento in cui viene distribuito al pubblico non è piu una cosa solamente sua.
Ecco la soluzione semplice e ovvia!
Evitano di distribuire la loro musica, e nessuno gliela "porta via".
Ah.... dimenticavo....
Peccato che però in quel caso, si è costretti a lavorare per mantenersi.
Ma son dettagli!
Anonimo
Marco
 
 
 
07 apr 2009, 09.20permalink
07 apr 2009, 11.11permalink
07 apr 2009, 09.49permalink
07 apr 2009, 11.09permalink
07 apr 2009, 15.22permalink
07 apr 2009, 12.08permalink
07 apr 2009, 18.26permalink