Cassandra Crossing/ Pensiero piatto e profonditÓ immaginata la redazione 
31 ago 2010, 08.36
 Chiudi
Apri tutti i messaggi31 ago 2010, 09.25permalink
31 ago 2010, 11.21permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi31 ago 2010, 10.51permalink
31 ago 2010, 12.02permalink
31 ago 2010, 12.27permalink
31 ago 2010, 13.09permalink
07 set 2010, 01.34permalink
02 set 2010, 09.32permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi31 ago 2010, 12.08permalink
31 ago 2010, 12.28permalink
31 ago 2010, 12.30permalink
31 ago 2010, 12.53permalink
31 ago 2010, 12.56permalink
31 ago 2010, 13.36permalink
31 ago 2010, 13.32permalink
31 ago 2010, 14.00permalink
31 ago 2010, 15.24permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi31 ago 2010, 13.54permalink
31 ago 2010, 15.17permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi31 ago 2010, 14.53permalink
31 ago 2010, 15.15permalink
31 ago 2010, 15.26permalink
01 set 2010, 10.20permalink
02 set 2010, 17.15permalink
- Scritto da: poiuy
> Il tubo digerente (semplificando un po') è un
> "percorso" che va da un estremo (la bocca) ad un
> altro (devo specificare?). In tre dimensioni (o
> più) è possibilie avere un tubo che attraversa un
> oggetto da una parte all'altra senza che lo
> divida in due parti. In due dimensioni no. Presa
> una qualunque figura chiusa, se ci fai un
> percorso da parte a parte la dividi in 2 parti
> separate.
E in uno spazio con quattro dimensioni spaziali, noi poveri 3D saremmo messi ancora peggio. La nostra destra potrebbe diventare sinistra, non avremmo piu' un dentro e un fuori ed ad un movimento sbagliato perderemmo gli organi interni per strada.

Tre dimensioni spaziali "srotolate" sembrano il minimo necessario per avere una fisica interessante ed il massimo possibile per non avere una realta' surrealista, dove le equazioni sarebbero troppo caotiche. Gia' l'equazione cosmologica di Einstein e' abbastanza non lineare con tre dimensioni spaziali ed una temporale.

Il principio olografico e' interessante, ma devo ammettere che, fino ad ora ne vedo solo implicazioni ed applicazioni di carattere "cosmologico". Un po' come l'equazione di De Broglie E=mc^2=h*nu sta alla Meccanica Quantistica: senza un Bohr ed uno Schroedinger servirebbe a poco.

Ricordiamoci che sono solo modelli, devices di calcolo che descrivono "abbastanza bene" la realta'. Non sono la realta', che potrebbe essere piu' semplice e piu' complessa allo stesso tempo.

Su una lista dove discutono fisici americani ho sentito affermare che perfino il numero di dimensioni con cui descriviamo lo spazio e' un nostro "arbitrio". Oddio, il nostro orecchio interno e quello ti tutti i "mammiferi" mostra una simpatica struttura con tre canali messi piu' o meno su tre piani ortogonali.

Ma, forse, e' solo un caso Occhiolino

Orfheo.

P.S. Un ripensamento dell'ultimo momento. Dopo una rilettura ho pensato che un riferimento alle "Lectures" (si' sono videolezioni in inglese) di Leonard Susskind su sito iTunes (ma si trovano anche YT) della Stanford University, potrebbe essere interessante per alcuni. Le sue lezioni sulla Relativita' Generale e sulla Cosmologia (un po' meno quelle di Meccanica Quantistica) sono "meravigliose". Specialmente il corso di Relativita' Generale. Ascoltandolo sembra di vedere Einstein risolvere il problema e scrivere la famosa equazione cosmologica. E non richiedono nessuna conoscenza di partenza, che non sia la Fisica del Liceo e saper fare qualche derivata e qualche integrale.

Eccezionali, credetemi. Susskind non e' solo uno dei padri del Principio Olografico e della Teoria delle Stringhe, un teorico di primordine. E' anche uno splendido insegnante e divulgatore.

Orfheo.
-----------------------------------------------------------
Modificato dall' autore il 02 settembre 2010 17.37
-----------------------------------------------------------
Orfheo
372
 
 
31 ago 2010, 15.15permalink
31 ago 2010, 15.18permalink
31 ago 2010, 16.09permalink
01 set 2010, 17.18permalink
01 set 2010, 17.18permalink
02 set 2010, 09.22permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi03 set 2010, 10.52permalink
03 set 2010, 13.57permalink