DNA di salmone, storage del futuro?la redazione 
13 gen 2012, 09.37
 Chiudi
Apri tutti i messaggi13 gen 2012, 11.31permalink
13 gen 2012, 13.26permalink
13 gen 2012, 15.23permalink
13 gen 2012, 18.32permalink
16 gen 2012, 10.04permalink
 Chiudi
Apri tutti i messaggi13 gen 2012, 12.44permalink
13 gen 2012, 12.55permalink
13 gen 2012, 13.00permalink
13 gen 2012, 15.52permalink
- Scritto da: attonito
> - Scritto da: uno qualsiasi
> > Le molecole non mangiano.
> >
> > Il DNA è fragile, ma non ha bisogno di
> > nutrimento. Il nutrimento serve se si vogliono
> > costruire nuove molecole (ad esempio, in un
> > processo di crescita, o nella duplicazione del
> > DNA), o per fornire energia agli enzimi e ad
> > altre strutture cellulari (come le fibrille
> > muscolari o i flagelli). Il DNA, di per sè, non
> > richiede energia.
>
> ok, ho fatto una affermazione grossolana.
> intendo dire che non mi da affidamento una
> struttura a base biologica così complessa.
> contento di cambiare opinione se si dimostrera'
> che
> funziona.
In realtà non è molto più complessa di ciò che sta in un circuito integrato di "normale complessità" il punto è che hai ragione non in base alla faccenda della complessità quanto in base al fatto che è tutto da verificare dalla affidabilità fino alla possibilità di industrializzare un ciclo di produzione effettivo.
Anonimo
tucumcari
 
 
 
13 gen 2012, 15.48permalink