Kelihos, la botnet che visse due voltela redazione 
03 feb 2012, 17.51
 Chiudi
Apri tutti i messaggi04 feb 2012, 15.30permalink
06 feb 2012, 11.55permalink
06 feb 2012, 12.22permalink
06 feb 2012, 13.55permalink
07 feb 2012, 12.33permalink
07 feb 2012, 12.45permalink
07 feb 2012, 14.34permalink
07 feb 2012, 14.40permalink
07 feb 2012, 14.46permalink
- Scritto da: panda rossa

> L'utente, in quanto non in grado di intendere ne'
> di volere, non puo' essere accusato di nulla. La
> colpa e' solo di
> WINDOWS.
>

su questo punto, aldilà del preinstallato, io comunque non me la prenderei mai con l'utente

alla fin fine siamo noi informatici che parliamo sempre di pc facili, software che fa tutto lui, computer come tostapane e poi ci lamentiamo?

ovviamente la critica è rivolta pure ad android, che non ha uno straccio di controllo serio sulla pubblicazione delle app nel market

ma il discorso windows è ovviamente molto più grave, soprattutto perché molto malware s'installa da solo sfruttando vulnerabilità che proprio non dovrebbero esserci

ricordiamo la falla nelle icone? cioè, gente che spinge .net e poi non è in grado di sfruttarlo per scrivere un angine grafico sicuro per windows?

è questa incuria che fa di ms un baraccone

riguardo la vulnerabilità su linux, è inutile rispondergli, visto che non riesce nemmeno a fare la differenza tra una vulnerabilità sfruttabile solo da chi ha accesso alla macchina e una sfruttabile da un russo comodamente seduto nella sua poltrona nella sua megavilla sul Volga
Anonimo
collione
 
 
 
07 feb 2012, 14.57permalink
06 feb 2012, 16.04permalink
07 feb 2012, 16.29permalink
06 feb 2012, 19.13permalink
06 feb 2012, 19.15permalink
06 feb 2012, 16.01permalink
07 feb 2012, 16.31permalink