j1ck.tweet

Un client universale per i cinguettii. Gratuito e su Java, anche in italiano

Sistema Operativo:Java
Lingua:In italiano
Prezzo:gratuito
Dimensione:8 KB
Click:237
Commenti:Leggi | Scrivi
Feed:Xml
downloadScarica dal sito originale
C'è chi, pensando esclusivamente a Facebook, crede che i social network siano solo spazzatura: e magari qualche volta non sono esattamente un ricettacolo di contenuti imperdibili. Anche lo stesso Facebook, nonostante sia divenuto uno strumento di comunicazione incredibilmente efficace, è anche un vero e proprio "luogo di perdizione", dove sprecare le ore giocando a qualche giochino online o guardare le foto altrui è pratica assai comune.

Così, per la gente un po' più seria e meno perditempo (si fa per dire) c'è Twitter. Niente giochini e solo messaggi della lunghezza massima di 140 caratteri: una formula perfetta per essere usato sul cellulare.

j1ck.tweet è un client Twitter con cui si sarà in grado di effettuare praticamente tutte le operazioni che si possono compiere dal client PC: rispondere ai tweet, retweetare, mandare messaggi diretti verso gli utenti che si seguono e mettere tra i favoriti gli update che si desidera.

j1ck.tweet fa della compatibilità una delle sue armi: è infatti utilizzabile su gran parte dei cellulari java attualmente in commercio, ma anche su cellulari Symbian 3rd e 5th edition (touchscreen), e grazie ad un interfaccia grafica chiara e dai caratteri estremamente leggibili è perfetto anche per chi non vuole sempre mettersi gli occhiali per leggere qualcosa sul cellulare.

L'applicazione permette anche l'apertura dei link nel browser del cellulare (azione preceduta da un messaggio di avvertimento) e, tra le altre feature contenute nel menu "Options", permette di osservare chi si sta "seguendo e chi si segue "followando" e di dare un'occhiata gli argomenti che stanno riscuotendo al momento maggiore successo.

j1ck.tweet è consigliatissimo a tutti coloro che vogliono un buon client Twitter da utilizzare anche sul proprio cellulare Java, ma anche a chi non ha voglia di spendere in programmi per tweetare dal proprio smartphone. (L.Saccomani)
TAG: