Bacula

Soluzione di backup flessibile e adatta a reti complesse

Sistema Operativo:Linux
Lingua:Non in italiano
Prezzo:gratuito
Dimensione:3.380 KB
Click:86
Commenti:Leggi | Scrivi
Feed:Xml
downloadScarica dal sito originale
Alternativo
Le soluzioni di backup che abbiamo preso in esame le scorse settimane erano caratterizzate da grande semplicità e, come abbiamo visto, ciò può essere determinante: una configurazione agevole combatte la pigrizia ed invoglia ad attuare una politica di sicurezza per i dati. A volte però, soprattutto in contesti articolati come reti aziendali, può essere necessaria una flessibilità che comporta necessariamente costi in termini di complessità.
Il software che incontriamo oggi è Bacula, orgoglio del mondo open source ma anche fondamento di servizi a pagamento, a soluzioni cloud, anche dedicate al settore enterprise.

Primo aspetto importante per comprendere il tenore dello strumento: Bacula lavora in modalità client/server quindi i dati verranno inoltrati dai client verso un server centrale che offre il servizio di backup.
Il server in sé dispone di un'architettura modulare, composta da varie componenti al cui centro è collocato il Bacula Director che coordina tempi e modalità del lavoro di ricezione/invio di dati e di accesso ai supporti fisici di memorizzazione.

Il prodotto è molto conosciuto da anni pertanto sarà disponibile nei repository delle principali distribuzioni. Ad esempio, in Ubuntu, potrà essere installato mediante apt-get richiedendo i pacchetti bacula-server e bacula-client nonché un DBMS di supporto come MySQL o Postgres.
Dopo l'installazione si dovranno predisporre cartelle e permessi e definire le attività da svolgere attraverso un file di configurazione denominato bacula-dir.conf, collocato in una sottocartella di /etc.

Bacula è stato reso famoso dalla sua affidabilità e soprattutto dalla sua capacità di gestire bene reti eterogenee attraverso la fornitura di client per qualunque sistema operativo permettendo di mettere in sicurezza i dati di un notebook Mac come di un desktop con Windows all'interno del server predisposto.
Non è sicuramente immediato configurare un sistema di questo genere né tantomeno è negli interessi di chiunque. In effetti, Bacula rientra nelle necessità di un amministratore di sistema o, comunque, di chi è abituato a mettere le mani in file di configurazione. Appare, di contro, molto meno appetibile per utenti e professionisti che hanno bisogno di mettere al sicuro i propri dati con regolarità ed in maniera ordinata: per categorie come questi ultimi sono molto più adatti i programmi come Deja Dup

G. Maggi