Enfuse

Fondere automaticamente più immagini assieme

Sistema Operativo:Linux
Lingua:In italiano
Prezzo:gratuito GNU GPL
Dimensione:2.100 KB
Click:53
Commenti:Leggi | Scrivi
Feed:Xml
downloadScarica dal sito originale
Alternativo
Le macchine fotografiche, siano esse analogiche o digitali, hanno una gamma dinamica inferiore rispetto all'occhio. Significa che riescono a percepire meno gradi di luminosità. Normalmente, questo non è un problema, perché nessuno nota la differenza, ma in casi nei quali la luminosità è davvero importante, questo dettaglio può diventare fondamentale. Per esempio, quando si fotografa un paesaggio con un'ampia porzione di cielo, magari durante alba o tramonto. In quei casi la gamma del sensore fotografico non è sufficiente per esporre correttamente tutta la scena, col risultato che alcune zone risulteranno troppo scure (in ombra) e altre troppo chiare (bruciate). L'unica soluzione consiste nello scattate diverse foto con diverse esposizioni allo stesso soggetto, e poi riunirle in una unica immagine tenendo soltanto le zone che risultano correttamente illuminate in ogni singolo scatto. Esistono vari programmi per realizzare questa sovrapposizione in modo automatico, e uno dei migliori è enfuse, il quale dispone di diverse interfacce grafiche: quella che vi proponiamo è integrata nei Kipi Plugins.



L'interfaccia grafica offerta dai Kipi Plugins si trova nel menu dei programmi, nella sezione Grafica col nome di Doppia esposizione. La si può anche avviare da terminale con il comando expoblending. Si tratta di una procedura guidata con più passaggi.



Nella prima schermata vengono indicati i due programmi necessari per il funzionamento: enfuse e align_image_stack. I due programmi dovrebbero già essere stati installati e correttamente riconosciuti, se il gestore dei pacchetti ha funzionato. In alternativa è comunque possibile specificare l'eseguibile di ciascuno dei due programi cliccando sul pulsante Change.



Andando al passaggio successivo, una semplice interfaccia permette di inserire delle fotografie nella lista. L'interfaccia contiene una serie di suggerimenti, comunque l'ideale è avere almeno 3 immagini dello stesso soggetto, ciascuna con una esposizione un po' diversa. Non è fondamentale che siano scattate con treppiede, basta che non siano troppo mosse. Selezionate tutte le immagini che si vogliono usare, basta cliccare su Successivo.



Se si seleziona la casella Allinea le immagini scattate a forcella il programma si prenderà qualche minuto per confrontare le varie fotografie e trovare il modo di allinearle perfettamente. Questo è fondamentale se le foot sono state scattate senza treppiede, perché se non sono perfettamente sovrapponibili tutti gli oggetti appariranno con bordi multipli.



Completato l'allineamento delle immagini, è possibile procedere alla sovrapposizione: nella finestra che appare si possono vedere le varie immagini, e sono disponibili varie impostazioni predefinite per Esposizione, Saturazione, e Contrasto. Cliccando sul pulsante Anteprima in fondo a destra si può controllare il risultato attuale: si possono poi apportare modiifche alle impostazioni e provare di nuovo l'anteprima. Quando si è soddisfatti, basta cliccare su Salva per salvare l'immagine finale (JPG o PNG).



Luca Tringali