Internet killed the radio stars

L'annuncio è della Radio Svizzera Internazionale che si appresta a trasmettere per l'ultima volta in onde corte e via satellite. D'ora in poi soltanto Internet. Una scelta che racconta una nuova era

Internet killed the radio starsBerna - Il 30 ottobre swissinfo/Radio Svizzera Internazionale (SRI) trasmetterà per l'ultima volta i suoi programmi radiofonici in onde corte e via satellite. Termina così, dopo quasi 70 anni, un capitolo della storia radiofonica svizzera.

Si chiude, in effetti, una pagina di storia. Radio Svizzera Internazionale cominciò a trasmettere in onde corte nel 1935. Durante la Seconda guerra mondiale e la Guerra fredda ha continuato a trasmettere da quella singolare posizione neutrale mantenuta dalla Svizzera. Trasmetteva in nove lingue (italiano, tedesco, francese, romancio, inglese, spagnolo, portoghese, arabo, esperanto) e rientrava nel novero delle emittenti più ascoltate - e più in vista - del mondo intero.

"Il crollo della Cortina di ferro - spiegano ora quelli di SRI - l'avvento della tecnologia satellitare e di internet hanno sancito via via la fine delle onde corte. Il riorientamento strategico dell'azienda, approvato dal Consiglio federale nel 1999, ha guidato i primi passi di swissinfo/SRI nell'era di internet".
Sì, perché la Radio Svizzera Internazionale ha già da allora iniziato a spingere meno sulla programmazione radiofonica tradizionale per concentrarsi invece su una nuova programmazione, quella web. Tanto che nel 1999 è stato lanciato il portale swissinfo.org accessibile in nove lingue, tra cui arabo, giapponese e cinese.

"I contributi audio - continua la Radio - sono tuttora disponibili sul sito di swissinfo. I servizi radiofonici su determinati temi, sulle votazioni e sulle elezioni possono essere ascoltati in formato mp3 o scaricati per essere usati direttamente nei programmi radiofonici. Una strategia che ha portato i suoi frutti: www.swissinfo.org registra 8.5 milioni di consultazioni al mese".

Ma perché abbandonare le onde corte che in fondo ancora oggi veicolano moltissimi contenuti in tutto il mondo? Secondo Nicola Lombard, direttore di RSI, "internet non può sostituire la radio. In compenso, su www.swissinfo.org possiamo offrire una moltitudine di informazioni che la radio non avrebbe mai potuto permettersi. Disponiamo di tantissime informazioni di qualità a proposito della Svizzera che mai, in passato, avremmo potuto immaginarci".

L'ultimo giorno di trasmissione per la RSI sarà una celebrazione di tanti anni di attività, con la replica di interviste a personaggi del calibro di Max Frisch o Friederich Durrenmatt e via dicendo.
TAG: mondo
37 Commenti alla Notizia Internet killed the radio stars
Ordina
  • Con internet la censura dei siti sgraditi e' relativamente semplice vedi Cina, Arabia e ... Patriot act (di G.W. Bush) ecc...

    Inoltre una radio costa pochi euro mentre un PC completo con connesione a banda largha ne costa molti di piu' (Se esite la disponibilita' di una presa almeno ADSL).

    Il risultato e' che se fino ad adesso chiunque che fosse in Cina o in una qualsiasi altra dittatura poteva ascoltarsi Radio Svizzera Int. senza cesure e con pochi soldi da questo momento non potra piu' farlo grazie a Internet.

    Mi sembra una sconfitta della libera informazione e non una vittoria di Internet.

    Ciao.


    non+autenticato
  • con le nuove tecnologie (vedi adsl2) si avvicina il momento anke per le tv.. tante, davvero tante tv via internet..

    la tv digitale di Gasparri-Fede&co già appartiene al passato.
    non+autenticato
  • copn l'abbandono dell'etere per la radio e la televisione mi viene da chiedere ... ma non potrebbero usarlo quelli che sono rimasti emarginati per colpa dei network e delle leggi che impedivano a chi non aveva un sacco di soldi di avere il suo pezzettino di banda?
    non+autenticato
  • A mio parere nel futuro (ma si parla di tempi ancora piuttosto lunghi) l'etere non verrà più usato per radio, tv, ecc.

    Ma piuttosto per rendere disponibile internet ovunque ad alta velocità... Una volta fatto questo qualunque emittente radiofonica, televisiva, comunicazione testo-video-audio sarà globalmente disponibile in tempo reale.

    Le tecnologie attualmente disponibili permettono già di accedere ad internet ad alta velocità sia da casa che dovunque ci troviamo (e dove ancora peccano è solo questione di un paio d'anni di evoluzione)..

    La vera sfida non sta nelle tecnologie ma nelle scelte politiche... Nel rendere internet in broadband e in wireless disponibile a tutti, anche a chi oggi non se lo può permettere.. Quindi si parla di favorire la concorrenza in modo da tenere costi bassi e assicurare la copertura del servizio (vedi mezza italia che nel 2004 è costretta a navigare con il 56k)

    e soprattutto eliminare le censure ! internet deve essere libero.. bisogna certo combattere pedofilia, truffe e criminalità.. questo è sacrosanto... ma la rete deve essere libera.. NON si può censurare chi la pensa diversamente (vedi regime cinese) .. ma questo vale sia per internet che per il mondo reale.

    Matteo.
    non+autenticato
  • Siete mai andat i all'estero, diciamo in europa centrale (Germania, Francia) e avete provato a sintonizzarvi sulle onde corte pensando:"Beh sentiamo un po cosa e successo in Italia". Sorpresa! Niente, nessuna radio Italiana trasmette per l'estero in onde corte, nemmeno un radiogiornale NIENTE. E la rai che viene fuori che le secca anche trasmettere in AM perchè non lo usa più nessuno. MaArrabbiato:@:@:@ dove il servizio d'informazione che devono erogare??? Però c'è da dire che si prende benissimo radio Maria, radio arabe varie ma sopratutto l'unico modo per sentire un notiziario italiano all'estero e trovare Radio Mosca Libera che alle 22 e qualcosa fa mezzora di trasmissione in Italiano. Che tristezza.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Siete mai andat i all'estero, diciamo in
    > europa centrale (Germania, Francia) e avete
    > provato a sintonizzarvi sulle onde corte
    > pensando:"Beh sentiamo un po cosa e successo
    > in Italia". Sorpresa! Niente, nessuna radio
    > Italiana trasmette per l'estero in onde
    > corte, nemmeno un radiogiornale NIENTE. E la
    > rai che viene fuori che le secca anche
    > trasmettere in AM perchè non lo usa
    > più nessuno. MaArrabbiato:@:@:@ dove il
    > servizio d'informazione che devono
    > erogare??? Però c'è da dire
    > che si prende benissimo radio Maria, radio
    > arabe varie ma sopratutto l'unico modo per
    > sentire un notiziario italiano all'estero e
    > trovare Radio Mosca Libera che alle 22 e
    > qualcosa fa mezzora di trasmissione in
    > Italiano. Che tristezza.


    qualche tempo fa ho chiesto alla RAI se trasmettevano in onde corte (vivo nel nord Europa, mi hanno risposto ridendomi letteralmente in faccia!

    grazie Italia, ancora un'occasione persa per non dimenticarti dei tuoi figli all'estero...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Siete mai andat i all'estero, diciamo in
    > > europa centrale (Germania, Francia) e
    > avete
    > > provato a sintonizzarvi sulle onde corte
    > > pensando:"Beh sentiamo un po cosa e
    > successo
    > > in Italia". Sorpresa! Niente, nessuna
    > radio
    > > Italiana trasmette per l'estero in onde
    > > corte, nemmeno un radiogiornale NIENTE.
    > E la
    > > rai che viene fuori che le secca anche
    > > trasmettere in AM perchè non lo
    > usa
    > > più nessuno. MaArrabbiato:@:@:@ dove il
    > > servizio d'informazione che devono
    > > erogare??? Però c'è da
    > dire
    > > che si prende benissimo radio Maria,
    > radio
    > > arabe varie ma sopratutto l'unico modo
    > per
    > > sentire un notiziario italiano
    > all'estero e
    > > trovare Radio Mosca Libera che alle 22 e
    > > qualcosa fa mezzora di trasmissione in
    > > Italiano. Che tristezza.
    >
    >
    > qualche tempo fa ho chiesto alla RAI se
    > trasmettevano in onde corte (vivo nel nord
    > Europa, mi hanno risposto ridendomi
    > letteralmente in faccia!
    >
    > grazie Italia, ancora un'occasione persa per
    > non dimenticarti dei tuoi figli
    > all'estero...

    E' possibile collegarsi via rete e ascoltare radiorai in streaming.... poi, regà, se te ne vai su marte non chiedere all'Italia di inoltrarti la posta che ti arriva nella tua residenza in italia. La mia è una battuta, ma l'argomento è serio, hai scelto di abbandonare la comunità italiana per perseguire i tuoi interessi, non chiedere di inseguire te a noi che in Italia ci siamo rimasti.
    non+autenticato

  • > grazie Italia, ancora un'occasione persa per
    > non dimenticarti dei tuoi figli
    > all'estero...


    e tu che hai abbandonato la madre andandotene via, cosa fai per connetterti ad una radio via web italiana? ce ne sono tante. le ascolti?

    si?

    e allora?!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > qualche tempo fa ho chiesto alla RAI se
    > trasmettevano in onde corte (vivo nel nord
    > Europa, mi hanno risposto ridendomi
    > letteralmente in faccia!
    >
    > grazie Italia, ancora un'occasione persa per
    > non dimenticarti dei tuoi figli
    > all'estero...

    radio rai la puoi ascoltare tramite satellite o tramite internet, sono ben altri i problemi della RAI (gli sprechi e i suoi contenuti)
    non+autenticato
  • > radio rai la puoi ascoltare tramite
    > satellite o tramite internet, sono ben altri
    > i problemi della RAI (gli sprechi e i suoi
    > contenuti)

    Eno, eno, se sono in vacanza in campeggio, e succede spesso non ho ne il satellite ne accesso a Internet. Concordo con i problemi degli sprechi e dei contenuti ma quanto puo costare ritrasmettere per lo meno i radiogiornali in onde corte? E se non vogliono farlo che diventi più facile ottenere licenze di trasmissione.
    non+autenticato
  • Onde corte italiane: esistono. Per frequenze ed orari consultare:

    http://www.international.rai.it/radio/ondecorte/in...
    non+autenticato
  • perche' almeno per l'italia non fanno una partnership con EuroDAB per trasmettere con il loro bouquet?
    non+autenticato
  • naturalmente TRL=RTL...un typo scappa a tutti:p
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)