Netscape si fonde con Firefox

Per rilanciare un browser il cui destino sembrava segnato, AOL vuole rilasciare un nuovo Netscape basato sul più giovane e popolare dei suoi discendenti. Per Internet Explorer un avversario che risorge?

Roma - Dato più volte per spacciato, e ritenuto ormai da molti solo un pezzo di storia, il buon vecchio browser Netscape beneficerà presto di un rinvigorente trapianto di cuore che potrebbe nuovamente porlo all'attenzione del grande pubblico.

In contrasto con il completo disinteresse mostrato negli ultimi due anni per il futuro del browser, America Online ha infatti deciso di riprendere lo sviluppo di Netscape e avviare, come non faceva più da tempo, alcune iniziative per la sua promozione. Alla base del cambio di rotta del gigante mediatico americano c'è la decisione di fondere Netscape, attualmente basato su Mozilla, con Firefox. Il proposito, secondo molti osservatori, appare evidente: sfruttare l'hype e la crescente popolarità di cui gode quest'ultimo per riaccendere l'interesse di utenti e media verso il progenitore di Mozilla. La natura di tale scelta, tuttavia, è anche certamente di natura tecnica: la fresca, snella e modulare tecnologia di Firefox dovrebbe fare di Netscape un software più efficiente, leggero e flessibile, rinnovandolo soprattutto nella sostanza.

Per quel che riguarda invece l'apparenza, Netscape Communications (sussidiaria di AOL) ha spiegato, in un messaggio inviato negli scorsi giorni ai propri utenti, che "il nuovo browser includerà un'interfaccia utente migliorata". A quanto pare, dunque, la tradizionale interfaccia color lucertola, divenuta ormai un simbolo distintivo, non dovrebbe subire modifiche radicali. Del resto, per non creare un semplice clone di Firefox, è prevedibile che AOL conserverà buona parte delle caratteristiche peculiari di Netscape, incluso lo stile dell'interfaccia.
Una versione preliminare del nuovo Netscape, che AOL chiama Browser Prototype, verrà rilasciata alla fine del mese ad una ristretta cerchia di beta tester.

Non sembra un caso che, proprio in questo periodo, AOL abbia lanciato sul portale Netscape.com alcune campagne, slogan e iniziative di marketing tese a ravvivare l'immagine del proprio browser: dopo anni, ad esempio, AOL è tornata a propagandare la maggiore affidabilità e sicurezza del suo browser rispetto ad Internet Explorer, e ha cominciato a vendere delle magliette che portano la famosa N verde sul davanti e la scritta "la scelta è tutto" sul di dietro.

In questi anni AOL ha intrapreso delle scelte che sembravano suggerire la volontà di abbandonare definitivamente lo sviluppo di Netscape: tra queste, il taglio di risorse, sia finanziarie che umane, a Netscape Communication e al team di sviluppo dell'omonimo browser, tanto che fra il rilascio della versione 7.0 e il rilascio della 7.1 è trascorso quasi un anno (la release corrente è la 7.2); l'accordo multimilionario con Microsoft che, tra le altre cose, ha permesso ad AOL di accedere alla tecnologia di Internet Explorer; il finanziamento della Mozilla Foundation e, di conseguenza, dello sviluppo della famiglia di browser Mozilla. In quest'ultima occasione molti analisti pensavano che l'obiettivo di AOL fosse quello di smembrare il team di sviluppo di Netscape per abbracciare integralmente Mozilla. Oggi l'intenzione sembra invece quella di accelerare lo sviluppo di Firefox per integrarne la tecnologia in Netscape.

E, a proposito di Firefox, nel momento in cui si scrive il contatore dei download della versione 1.0, visibile sull'home page di SpreadFirefox.com, ha superato quota 4 milioni.
167 Commenti alla Notizia Netscape si fonde con Firefox
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)