Un XP legale al posto di un XP pirata

Lo propone Microsoft che lancia un ingegnoso sistema per scovare la pirateria della distribuzione, avvicinare gli utenti e rinforzare la sicurezza dei PC

Redmond (USA) - Un'operazione tesa ad avvicinare in modo nuovo gli utenti di Windows e a colpire i commercianti e i distributori che installano copie pirata del sistema operativo è stata annunciata da Microsoft nelle scorse ore. Un'operazione che, a detta degli osservatori, potrebbe presto portare importanti risultati per la casa di Redmond.

L'idea centrale dell'operazione è quella di consentire a chi dispone di un personal computer sul quale non è sicuro si trovi una copia legittima di Windows XP di chiedere a Microsoft una verifica. Qualora l'XP individuato sulla macchina sia una copia pirata, all'utente verrà consegnata una copia legittima, senza alcun costo aggiuntivo e senza conseguenze legali di alcun genere. Ogni utente potrà chiedere la sostituzione di un massimo di cinque XP su altrettante macchine. Tutto questo varrà solo su Windows XP che siano stati pre-installati prima del 1° novembre.

L'uovo di Colombo, per così dire, sta nel fatto che l'utente che intenda partecipare a questo programma dovrà dichiarare nella richiesta a Microsoft dove ha acquistato il proprio computer con Windows pre-installato. In questo modo il big di Redmond spera rapidamente di tracciare una mappa dei rivenditori pirata, quelli che da sempre rappresentano una fetta non secondaria della circolazione di copie illegali del sistema operativo Microsoft.
Anzi, secondo Alex Hilton, funzionario della divisione Licenze di Microsoft, in realtà questo genere di pirateria, quella dei costruttori e distributori, rappresenta il grosso della pirateria complessiva. "Alcuni esempi di questo - ha affermato - li vediamo in Estremo oriente e in Europa orientale... pirateria ad alto livello. Ed è contro questo che vogliamo agire".

I motivi di una simile strategia sono ovvi. Spiega Hilton: "Il nostro scopo non è perseguire l'utente ma arrivare alla fonte".

Al momento il programma è stato attivato in via sperimentale solo nel Regno Unito.
TAG: microsoft
228 Commenti alla Notizia Un XP legale al posto di un XP pirata
Ordina
  • Qualche tempo fa ho acquistato a prezzo "risibile" una licenza OEM di Windows 95 presso una fiera dell'usato, licenza sul cui relativo manuale appare la dicitura Vendita abbinabile unicamente all'acquisto di un PC. Motivo dell'acquisto: poter utilizzare legalmente Win95 su di un vecchio PC "di scorta".
    Vorrei il parere di qualcuno più esperto di me sull'operazione. Posso considerarmi in regola? Oppure no?
    In realtà sorge un'altra domanda: supponiamo che io possedessi un vecchio PC con licenza OEM, PC che poi ho gettato via in quanto inservibile. Posso utilizzare la medesima licenza su di un altro PC di mia proprietà, oppure la suddetta rottamazione ha invalidato la licenza OEM?
    Thanks

    ==================================
    Modificato dall'autore il 27/11/2004 23.32.20
  • Posso
    > considerarmi in regola? Oppure no?

    Piu' che in regola ti considero masochista Sorride)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Posso
    > > considerarmi in regola? Oppure no?
    >
    > Piu' che in regola ti considero masochista
    >Sorride)

    Ma no, a volte torna utile una macchina di test con s.o. "vecchio". E mi piace essere in regola, altrimenti meglio passare ad un sistema libero.
  • Non vorrei toppare, ma la licenza OEM, è valida solo per l'hardware presente sulla macchina a cui è abbinato il sistema operativo..insomma mi sa che non sei del tutto in regola...:D
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Non vorrei toppare, ma la licenza OEM,
    > è valida solo per l'hardware presente
    > sulla macchina a cui è abbinato il
    > sistema operativo..insomma mi sa che non sei
    > del tutto in regola...:D

    Immagino di si, vorrei sapere fino a che punto... Supponiamo che di un PC assemblato sopravviva solo il case ove è incollato il bollino, è ancora l'hardware associato alla licenza d'uso?
    WinXP ha meccanismi di controllo in questo senso, può darsi che all'epoca di Win95 (per la precisione Win95 ver. C del 1998) questo controllo non ci fosse. E da notare che ho comprato la licenza OEM da uno stand di assemblatori / rivenditori di usato, licenza nel suo stato originale (ancora sigillata dentro la busta in plastica). Non sono certo che si tratti di usato, potrebbe trattarsi di una licenza OEM rimasta invenduta, che mi è stata ceduta NON in associazione a dell'hardware. Un bel casino, eh?Sorride

    ==================================
    Modificato dall'autore il 28/11/2004 20.34.29

  • - Scritto da: Santos-Dumont
    > Immagino di si, vorrei sapere fino a che
    > punto... Supponiamo che di un PC assemblato
    > sopravviva solo il case ove è
    > incollato il bollino, è ancora
    > l'hardware associato alla licenza d'uso?

    Solitamente le licenze software seguono le CPU, certamente non il case.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Santos-Dumont
    > Vorrei il parere di qualcuno più
    > esperto di me sull'operazione. Posso
    > considerarmi in regola? Oppure no?

    No. Il sistema operativo OEM deve essere acquistato CONTESTUALMENTE al Pc.

    > In realtà sorge un'altra domanda:
    > supponiamo che io possedessi un vecchio PC
    > con licenza OEM, PC che poi ho gettato via
    > in quanto inservibile. Posso utilizzare la
    > medesima licenza su di un altro PC di mia
    > proprietà, oppure la suddetta
    > rottamazione ha invalidato la licenza OEM?

    La licenza segue le sorti del PC.

    Ciao.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Santos-Dumont
    > > Vorrei il parere di qualcuno più
    > > esperto di me sull'operazione. Posso
    > > considerarmi in regola? Oppure no?
    >
    > No. Il sistema operativo OEM deve essere
    > acquistato CONTESTUALMENTE al Pc.
    >
    > > In realtà sorge un'altra domanda:
    > > supponiamo che io possedessi un vecchio
    > PC
    > > con licenza OEM, PC che poi ho gettato
    > via
    > > in quanto inservibile. Posso utilizzare
    > la
    > > medesima licenza su di un altro PC di
    > mia
    > > proprietà, oppure la suddetta
    > > rottamazione ha invalidato la licenza
    > OEM?
    >
    > La licenza segue le sorti del PC.
    >
    > Ciao.

    ok, grazie. Ciao.
  • Mi sembra che Big Bill sia un po' alla frutta se siamo arrivati ad usare una forma di delazione, dove si offre la mela doc per la mela clonata solo se si dice chi la mela l'ha data.
    In realtà personalmente sposo la tesi che la diffusione di copie pirata abbia in realtà creato nel tempo una situazione di monopolio del sistema operativo di Big Bill a scapito di tutti gli altri. Da questo punto di vista dovremmo tutti limitare la diffusione di tale software piratato per dare ad altre realtà la possibilità di diffondersi, una tra tutte il mondo open source e GNU/Linux in primis.
    Sarebbe bello poter avere un SO unico per tutti, aperto e controlabile da tutti, un sistema libero, gratuito e soprattutto sicuro e robusto. Non esiste una impresa economica che possa realizzarlo,
    perchè la logica del profitto non lo concepisce e non lo permette, occorre crearlo con il sacrificio e la dedizione di coloro che si accontentano di venir nominati per averne creato anche solo un piccolo pezzettino, appagati dalla soddisfazione di poter dire "questo l'ho fatto io" e dalla gratitudine degli altri che dicono "bravo, l'hai fatto anche bene".
    Si vuole vivere per guadagnare o si vuole guadagnare per vivere?
    Si vuol viver come bruti o perseguir virtute e conoscenza?
    Se internet fosse stato brevettato, oggi non lo avremmo così come lo usiamo, forse non ci sarebbe più, invece sono qui che scrivo le mie sensazioni al mondo ed il mondo, se vuole, mi ascolta e liberamente giudica.
    non+autenticato
  • A quando la proposta di sostituire gratuitamente le versione di WIN fallate, dalla 95 alla ME, con una copia licenziata di windows XP patchato alla SP2?
    Eppure, come si suol dire, i soldi pagati allora erano buoni.

  • - Scritto da: AdessoBasta
    > A quando la proposta di sostituire
    > gratuitamente le versione di WIN fallate,
    > dalla 95 alla ME, con una copia licenziata
    > di windows XP patchato alla SP2?
    > Eppure, come si suol dire, i soldi pagati
    > allora erano buoni.
    io ho un vecchio pentium 200 dici che me lo cambiano
    gratis con un 3800?
    non+autenticato

  • - Scritto da: AdessoBasta
    > A quando la proposta di sostituire
    > gratuitamente le versione di WIN fallate,
    > dalla 95 alla ME, con una copia licenziata
    > di windows XP patchato alla SP2?
    > Eppure, come si suol dire, i soldi pagati
    > allora erano buoni.

    E secondo te e' una buona soluzione?

    Leggi un po' qui!
    http://news.zdnet.co.uk/software/windows/0,3902039...

    "Microsoft upgrade knocks out 80,000 government PCs"

    Un bel servizio windows update non c'e' che dire!
    Utilizzimo poi nella pubblica amministrazione coi cittadini che pagano due volte!
    Una perche' pagano di tasca loro il software che la PA compra da M$
    e due perche' ne subiscono i disservizi (e i relativi costi)...
    Che figata M$!A bocca aperta
    Chissa' se nei tagli agli "sprechi" delle PA messi in atto per "ridurre le tasse" hanno messo in conto anche questo?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Nonostante alcuni utenti abbiano cercato di spiegare la situazione vige al momento ancora molta confusione in merito. Provo a dire la mia e faccio notare che non stiamo parlando di Windows Vs Linux, ma di coloro che utilizzano software illegalmente, soprattutto Microsozz.
    Ci sono diversi tipi di pirateria in azione:
    1) L'indipendente che scarica da Internet o si fa prestare da amici il software per installarlo sul suo PC (e conoscenti). Questo non interessa per il momento a Microsoft e soci perchè verrà colpito in un prossimo futuro (dice niente Palladium?).
    2) Il negoziante che INSTALLA (non vende, ma installa)abusivamente, per mille motivi diversi, S.O. e software vari sui suoi PC per utenti PRIVATI. Rappresenta la stragrande maggioranza del mercato e viene tollerato, in via sicuramente non ufficiale, perchè permette una capillare diffusione del prodotto presso un'utenza che difficilmente sborserebbe le folli cifre chieste (questa è la realtà, se poi si vuole essere ipocriti è un'altro discorso).
    3) Il negoziante che INSTALLA (non vende, ma installa)abusivamente, per mille motivi diversi, S.O. e software vari sui suoi PC per utenti PROFESSIONALI. Questo è molto più grave ed è già (scarsamente) punito. Quà sinceramente si fanno danni anche nei confronti di quelle aziende che si mettono in regola pagando tutte le licenze sostenendo dei costi che concorrenti furboni eludono (non volete pagare? prendetevi alternative open che adesso ci sono, almeno per gli applicativi). DA PUNIRE più severamente.
    4) Il negoziante che VENDE ed installa software abusivo. Metodo (a differenza di quanto letto nei vari post)scarsamente diffuso perchè per avere parvenza di regolarità la licenza deve essere indicata in fattura. Questo metterebbe il rivenditore in una situazione insostenibile. I più si limitano ad installarlo ed a farsi pagare, in nero ovviamente, il tempo perso, rientrando quindi nel caso 3.
    5) Il negoziante che vende licenze OEM (da abbinarsi unicamente all'acquisto del PC ) spacciandole per Retail. Quà vige la più totale confusione, vuoi per impreparazione, vuoi per "comoda" ignoranza, assistiamo ad un continuo commercio di queste licenze. La cosa grave è che spesso il cliente non ne sa nulla e crede di essere in regola. Bisognerebbe avere il coraggio e l'onestà di dirgli che se vuole regolarizzare la posizione di computer esistenti deve acquistare le licenze Retail, che con il costo assurdo che hanno, costringono l'utente a cambiare il PC. Difatti, la differenza economica tra versioni OEM e RETAIL rende conveniente l'acquisto di un computer nuovo con le prime, anzichè acquistare le seconde da applicare al PC vecchio regalando soldi allo zio Bill (regalando perlomeno più del solito). Quà la Microsoft vorrebbe colpire, ma non mi sembra che lo faccia con particolare verve.
    6) Il software FALSO e VENDUTO come originale agli "ignari" utenti. Fornito al prezzo di quello originale per maggior lucro o a prezzi ridicoli per ottenere vantaggi competitivi nei confronti dei concorrenti. E' questo che la Microsoft si prefigge di combattere con l'iniziativa descritta nell'articolo. Infatti il problema è sempre quello di sapere a che livello della catena distributiva si innesca il meccanismo. Potrebbero essere tutti consapevoli e consenzienti,distributore, rivenditore e utente finale,(in genere su copie vendute a prezzi evidentemente impossibili) oppure essere tutti vittime di abili falsari (con licenze vendute a prezzi pressochè uguali rispetto alle originali).
    In questo caso io ho pagato una licenza regolare e se lo scopro è giusto che essendo stato truffato denunci il fatto (peraltro se voglio, neanche lo dico alla Microsoft, posso passare direttamente dai Carabinieri, ci mancherebbe altro). Verrà poi chiesta al rivenditore la provenienza delle licenze passando quindi al distributore, e via così. In presenza della buona fede di tutti si arriverà ai falsari, se invece qualche anello della catena ha la coscienza sporca .... sapete che vi dico? SONO CAVOLI SUOI!!! Giusto che paghi le conseguenze dalla sua furbizia e disonestà, perchè, se non si è capito, questo danneggia, e molto, quei rivenditori che invece cercano di essere in regola.

    Spero di essere stato abbastanza esaustivo e non troppo noioso. Mi auguro anche che i trolloni se ne stiano zitti visto che ogni volta colgono l'occasione di dimostrare la loro fastidiosa ignoranza.
    Saluti

    ==================================
    Modificato dall'autore il 27/11/2004 10.27.03
    KCM
    201
  • Ciao,

    una piccola precisazione a quanto da te detto, e più precisamente riferito alla frase:

    licenze OEM (da abbinarsi unicamente all'acquisto del PC )

    Questa affermazione è errata! Questo è quello che dice la microsoft:

    Acquisto di un prodotto OEM insieme a parti di PC (valido solo per prodotti System Builder)

    Alcuni prodotti System Builder (in particolare, i sistemi operativi desktop) possono essere acquistati in abbinamento ad un PC completo oppure in abbinamento a singole parti di un PC.
    Le componenti hardware che permettono questo tipo di vendita sono quelle considerate essenziali per il funzionamento del PC. A puro titolo di esempio, ci si riferisce a hard disk, schede madri, processori, ram, tastiera.

    Di conseguenza con l'acquisto di una tastiera, il cui costo è tra i 5 e i 10 euro è possibile acquistare una licenza OEM.

    Ciao.
    non+autenticato
  • Hai fatto bene a specificare, in effetti questo particolare non è molto chiaro.
    Sulla licenza c'è scritto bene in evidenza:
    "Vendita abbinabile unicamente all'acquisto di un PC"
    poi, in piccolo:
    "Il software OEM potrà essere consegnato solo se accompagnato dall'hardware necessario secondo i termini del Contratto di licenza per progettisti di sistemi OEM Microsoft disponibile all'indirizzo www.microsoft.com/oem/sblicense/ . Il supporto tecnico agli utenti finali spetta all'installatore del software."

    Leggendo la licenza al punto 4.1 secondo me è chiaro cosa si intende per PC assemblato, molto meno invece cosa si intende per "componente hardware per computer che non sia una periferica". Cosa significa "parte integrante del PC"?
    Sicuramente non lo è una stampante ma, ad esempio, un lettore DVD? E' da considerarsi periferica o parte integrante? Lo sono sicuramente le componenti da te citate come mb, hd, ram, cpu e la vga se non integrata aggiungerei. Non sono convinto della tastiera.
    C'e' qualcuno che ha informazioni da aggiungere per capire meglio?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 27/11/2004 15.47.43
    KCM
    201
  • Ciao,

    non mi piace parlare a vanvera, e sono sicuro di quello che ti ho detto, in quanto sono del settore, e ho scaricato un file PDF della Microsoft dal sito del mio fornitore, Esprinet.

    Se mi dai il tuo indirizzo mail te lo invio.
    Ciao.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ciao,
    >
    > non mi piace parlare a vanvera, e sono
    > sicuro di quello che ti ho detto, in quanto
    > sono del settore, e ho scaricato un file PDF
    > della Microsoft dal sito del mio fornitore,
    > Esprinet.
    >
    > Se mi dai il tuo indirizzo mail te lo invio.
    > Ciao.

    Per carità, non intendevo dire che parli a vanvera, anzi, ti ringrazio per la precisazione che mi era sfuggita. Il PDF è quello che trovi al link Microsoft che ho dato www.microsoft.com/oem/sblicense/ o è diverso?
    E' un po' che non vado sul sito Esprinet, guardo se le mie pw sono ancora valide.
    KCM
    201
  • Ciao,

    - vai sul sito di esprinet
    - effettua il login
    - clicca sul menù a sx su disponibilità/prezzi
    - clicca su software (menù centrale seconda riga, secondo pulsante a sx)
    - clicca su microsot oem
    - in alto trovi 4 link a file da scaricare, quello da cui ho tratto le informazioni è "Guida al contratto oem - distribuzione dei single pack". Trovi la frase che ho ricopiato alla seconda pagina del pdf.

    Ciao.
    non+autenticato

  • > Spero di essere stato abbastanza esaustivo e
    > non troppo noioso.

    Curiosità: il tempo che hai impiegato a concepire, scrivere e magari rileggere il tuo chilometrico post non potevi impiegarlo in qualcosa di più utile per te e meno ammorbante per questo forum?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > Spero di essere stato abbastanza
    > esaustivo e
    > > non troppo noioso.
    >
    > Curiosità: il tempo che hai impiegato
    > a concepire, scrivere e magari rileggere il
    > tuo chilometrico post non potevi impiegarlo
    > in qualcosa di più utile per te e
    > meno ammorbante per questo forum?

    Curiosità: il tempo che hai impiegato per scrivere queste illuminate parole non potevi impiegarlo per continuare a leggere Topolino, ammesso che non sia troppo impegnativo.
    KCM
    201
  • L'iniziativa rivolta contro i commercianti che fanno i furbi in questa maniera è più che giusta da parte di Microsoft.
    Non è ammissibile che, come spesso accade in un paese come l'Italia, i negozianti onesti che pagano le tasse e che rispettano le regole fornendo regolari licenze sofware debbano essere svantaggiati verso quelli che le regole non le rispettano affatto!
    Oggi succede che i negozianti disonesti che tagliano sul prezzo di xp riescano alla fine ad essere più concorrenziali nelle vendite, perché fanno risparmiare alla gente la centinaia di euro della licenza oem.
    Va bene la repressione, va bene la denuncia, ma a questo punto sarebbe ora che Microsoft abbassasse anche un tantino i prezzi!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'iniziativa rivolta contro i commercianti
    > che fanno i furbi in questa maniera è
    > più che giusta da parte di Microsoft.
    > Non è ammissibile che, come spesso
    > accade in un paese come l'Italia, i
    > negozianti onesti che pagano le tasse e che
    > rispettano le regole fornendo regolari
    > licenze sofware debbano essere svantaggiati
    > verso quelli che le regole non le rispettano
    > affatto!
    > Oggi succede che i negozianti disonesti che
    > tagliano sul prezzo di xp riescano alla fine
    > ad essere più concorrenziali nelle
    > vendite, perché fanno risparmiare
    > alla gente la centinaia di euro della
    > licenza oem.
    > Va bene la repressione, va bene la denuncia,
    > ma a questo punto sarebbe ora che Microsoft
    > abbassasse anche un tantino i prezzi!
    si e le licenze full a milioni di euroTroll
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 43 discussioni)