Cina, fuori i videogiochi irredenti

Un gioco di calcio osa parlare di Taiwan, Hong Kong e Tibet come di paesi autonomi. Un'offesa indigeribile per il culto dell'impero che domina la nomenklatura pechinese

Pechino (Cina) - Un gioco sotto accusa ma, questa volta, non si tratta di violenza a go-go o di scene piccanti. La censura si deve ad una sfida contenuta nel gioco che le autorità cinesi hanno tutte le intenzioni di prendere di petto, vietando tout-court la diffusione del titolo sul proprio territorio.

Si sta parlando di "Soccer Manager 2005" che non è l'ennesima versione dell'innocente gioco del pallone in versione videoludica, è un game che a quanto pare si permette di trattare Hong Kong, Macao, Taiwan e il Tibet come fossero stati indipendenti. Queste località, che Pechino considera province della grande Cina comunista, nel gioco dispongono di squadre a sé che, orrore!, possono persino giocare contro la nazionale cinese. Nel caso del Tibet, poi, parrebbe che nel game venga nominato "Tibet Cinese", definizione che non è piaciuta a Pechino, a cui forse piacerebbe di più un "Cina Tibetana", chissà.

Stando all'agenzia di stato Xinhua, la commercializzazione del gioco è ufficialmente fuorilegge in quanto lede la sovranità nazionale della Cina e dunque anche la legge cinese.
L'offesa contenuta nel videogame, che doveva comunque ancora essere distribuito in Cina, è talmente sgradita al regime che i siti web e gli operatori di net café sono stati avvertiti: multe e sanzioni sono pronte per chiunque consenta agli utenti di scaricare il gioco o di giocarlo sul proprio computer.

Come noto, il Tibet è oggi per Pechino il frutto di una sanguinosa conquista condotta dal regime maoista, Hong Kong, come Macao, è da qualche anno tornata sotto il dominio cinese mentre Taiwan, a cui Pechino si riferisce come propria provincia, da molti anni ha dichiarato la propria indipendenza, pagando le pressioni cinesi sui governi del Mondo affinché tale indipendenza non fosse riconosciuta.
TAG: censura
23 Commenti alla Notizia Cina, fuori i videogiochi irredenti
Ordina
  • oggi cominciamo con le armi pian piano inizieranno a comprare azioni di grandi aziende (le piccole artigianerie sono ormai sulla via del fallimento) come la FIAT (un esempio a caso)

    e un bel giorno avranno la maggioranza in CDA a quel punto cosa succederà?

    ovviamente non terranno le fabbriche aperte qui da noi dove gli operai vengono PAGATI un'esagerazione ma faranno costruire le auto lì da loro con gli schiavi incatenati a 50 dollari al mese.

    Cmq veramente sembra che nessuno faccia caso a questo, in fondo dobbiamo investire laggiù (ovviamente tutti possono vendere laggiù seza limitazioni.....)

    ma i telegiornali e gli organi di inforamzioni sembrano maggiornamente interessati alle signore Lecciso

    mah


    buona Cina a tutti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > e un bel giorno avranno la maggioranza in
    > CDA a quel punto cosa succederà?

    Comanderanno.

    > ovviamente non terranno le fabbriche aperte
    > qui da noi dove gli operai vengono PAGATI
    > un'esagerazione

    Il problema esiste, ma non serve pensare alla Cina, basta la Romania.
    Eppure, cio' nonostante, nei paesi dove le page sono piu' alte che da noi, tipo in Giappone o in Inghilterra, le fabbriche non sono affatto scomparse.

    > buona Cina a tutti

    E Buona Romania.

    non+autenticato
  • Bè non mi sembra che la Romania possa essere paragonata alla Cina

    Almeno solo per un parametro: il numero di schiavi/lavoratori che può essere impegata; e ne aggiungo un altro, la censura feroce dell'informazione che vige nel paese di Bruce Lee.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > oggi cominciamo con le armi pian piano
    > inizieranno a comprare azioni di grandi
    > aziende (le piccole artigianerie sono ormai
    > sulla via del fallimento) come la FIAT (un
    > esempio a caso)
    >
    > e un bel giorno avranno la maggioranza in
    > CDA a quel punto cosa succederà?

    io ti posso dire cosa sta succedendo a Venezia: si stanno comprando tutti i bar. Adesso cominciano anche coi ristoranti. Il pattern è questo: comprano il locale, e non cambiano affatto gliinterni: resta un bar o un ristorante all'italiana (meno male!)

    Tra poco cominceranno con gli alberghi; da quel punto in poi, può solo andare a finire che nel giro di 30 anni gli unici Veneziani che lavoreranno a venezia col turismo, saranno i gondolieri.

    > ma i telegiornali e gli organi di
    > inforamzioni sembrano maggiornamente
    > interessati alle signore Lecciso

    secondo me quello è un esperimento di antropologia di massa: vogliono vedere fino a che punto la gente accetta di essere rincretinita e distratta.


    non+autenticato
  • cosa succederà nel 2046?
    non+autenticato
  • > cosa succederà nel 2046?
    1) finirà il 2045
    2) inizierà il 2047
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > cosa succederà nel 2046?
    > 1) finirà il 2045
    > 2) inizierà il 2047

    http://www.wkw2046.com/glass1XGA.html
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > cosa succederà nel 2046?

    Hokuto no ken
    non+autenticato
  • Avete visto due giorni fa il nostro presidente della repubblica?

    A parte il podio da cui parlava con sotto la scritta "Made Italy China" (Fare dell'Italia la Cina? Uhm...) avete sentito cosa diceva?

    Il TG5: Ciampi dice 'Basta all'embargo verso la Cina'. Si aprono nuove prospettive per il commercio con i cinesi.

    Il TG2: Ciampi dice 'Basta all'emargo sulle Armi alla Cina'. Si aprono nuove prospettive per il commercio di armi con i cinesi.


    Eh gia' avete capito bene: visto che tanto di tecnologia non sanno che farsene, di autmobili nemmeno e il parmigiano se glielo vendiamo la settimana dopo esce il par-mi-jan-hoo, abbiamo pensato bene di vendergli uno dei prodotti per cui siamo famosi: le armi!


    Ma che bella pensata signor presidente, mi congratulo!

    CoD
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > abbiamo pensato bene di
    > vendergli uno dei prodotti per cui siamo
    > famosi: le armi!

    La mafia cinese gia' esiste, li' poi sono tutti piuttosto bassi e calviA bocca aperta ...
    non+autenticato
  • Quoto in toto.
  • 1 miliardo di schiavi non o puoi tenere soggiogato per sempre.

    Aspetta che si facciano una cultura. Una VERA cultura: non le derive dei sottoprodotti dell'Hegelismo e del libretto di Mao.

    Vedrete........
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1 miliardo di schiavi non o puoi tenere
    > soggiogato per sempre.
    >
    > Aspetta che si facciano una cultura. Una
    > VERA cultura: non le derive dei
    > sottoprodotti dell'Hegelismo e del libretto
    > di Mao.

    come no, spareranno alle guardie con la cultura.

    i prolet non alzeranno mai davvero la testa.
    non+autenticato
  • Si che puoi. Basta non far sapere loro che possono non essere schiavi.
    non+autenticato
  • > Aspetta che si facciano una cultura. Una
    > VERA cultura: non le derive dei
    > sottoprodotti dell'Hegelismo e del libretto
    > di Mao.

    L'obiettivo è chiaro: traghettare la Cina da un regime comunista ad un regime fascista

    Cambia il sistema economico ed il collante culturale (nazionalismo spinto, grandeur, economia in crescita, repressione violenta del crimine), ma la sostanza no.

    La speranza è che la Cina "scivoli" verso lidi più civili, ma non so se ciò è possibile in un paese in cui l'analfabetismo fa paura... E non so se ciò è possibile senza spargimenti di sangue e seccessioni
    non+autenticato
  • La Cina ha una cultura completamente diversa dalla nostra. (sono un genio vero?).
    Questa affermazione scontata non è solitamente tenuta in debito conto quando si tratta di questo argomento. (parlo per esperienza personale... un anno e mezzo passato in Cina fa capire molte cose...)
    Vi suggerisco di tenete sempre a mente che i valori su cui si regge la nostra di "Cultura" NON sono necessariamente gli stessi su cui si poggia la loro.
    La stessa concezione di libertà varia moltissimo rispetto alla nostra cultura. Fascismo e comunismo sono parte del nostro modo di pensare... sono stati importati in Cina solo dopo aver subito un profondo processo di "sinizzazione" (detto in soldoni adattati al loro modo di vedere le cose).
    I continui fenomeni di censura culturare sono tipici della storia cinese.. non sono da leggere come tassattivi. Solitamente vengono applicanti con molto "pragmatismo" a seconda del momento storico.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La Cina ha una cultura completamente diversa
    > dalla nostra. (sono un genio vero?).

    Sicuramente sei un genio a vedere come si ragiona qui. Per non essere polemico in modo teorico ricordo due particolari che noi non comprendiamo: i giapponesi nascono shintoisti (shinto) si sposano cristiani e muoiono buddhisti.

    La religione è come una casacca che si cambia ad ogni stagione. (ovviamente uso il termine "religione" solo perché noi conosciamo solo questo termine)

    > Questa affermazione scontata non è
    > solitamente tenuta in debito conto quando si
    > tratta di questo argomento. (parlo per
    > esperienza personale... un anno e mezzo
    > passato in Cina fa capire molte cose...)

    Io non ho passato nemmeno un'ora in oriente ma queste cose le persone intelligenti le capiscono al volo imho.

    > Vi suggerisco di tenete sempre a mente che i
    > valori su cui si regge la nostra di
    > "Cultura" NON sono necessariamente gli
    > stessi su cui si poggia la loro.

    CVD come volevasi dimostrareSorride

    > La stessa concezione di libertà varia
    > moltissimo rispetto alla nostra cultura.
    > Fascismo e comunismo sono parte del nostro
    > modo di pensare... sono stati importati in
    > Cina solo dopo aver subito un profondo
    > processo di "sinizzazione" (detto in soldoni
    > adattati al loro modo di vedere le cose).
    > I continui fenomeni di censura culturare
    > sono tipici della storia cinese.. non sono
    > da leggere come tassattivi. Solitamente
    > vengono applicanti con molto "pragmatismo" a
    > seconda del momento storico.

    Si può anche fare un ragionamento estremo:

    Si possono fare molti paragoni tra la nostra società in cui si passano molte ore davanti alla TV e la loro che non permette di avere la libertà di parola. In fin dei conti essere dipendenti dall TV come lo è il popolo occidentale è una schiavitù interiore non meno grave di una schiavitù esterna.

    Si tenga presente che tutto il nostro sistema è basato sulla TV: le elezioni, i prodotti che mangiamo, quello di cui ci vestiamo, il rapporto con le istituzioni, insomma la nostra società è TV-centrica e quindi non basata sulla libertà.

    Ho letto sul Blog di Mantellini che c'è lo sciopero della fame eehhhmm della TV...:)
  • Finalmente qualche voce intelligente fuori dal coro!!!!
    Il fatto è che non capisco se sia meglio la nostra schiavitù moralista tasmessa in TV o la loro schiavitù che ha permesso alla cina di avere una economia forte che per averla noi dovremo distuggere l'italia (e qualche italiano ....e vaticano...) e ricostruirla
    Fan Linux LiNUX87
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Finalmente qualche voce intelligente fuori
    > dal coro!!!!

    E' che io sono stonato di natura ...:)
  • Una volta terminati baci ed abbracci, rileggete ciò che avete scrittoOcchiolino
    No, davvero, senza offesa, ma siete un tantino superficiali a credere che i pareri sopra esposti prescindano da un ragionamento sulle dinamiche della società cinese. Mi è capitato spesso di parlare con cinesi, anche quelli che approvano il regime. Ricordo un hongkonghese entusiasta del passaggio di HK sotto la Cina (ed il primo che mi dice che HK è "cinese" o che torna alla Cina lo mordo, lol). E ascoltando bene tutti si riesce facilmente a trascendere dal particolare culturale ed afferrare il generale umano. "Fascismo" e "comunismo" nel messaggio cui sopra non si riferivano certo alla dottrina fascista o ad una particolare forma di ortodossia comunista, quanto alle meccaniche di consenso popolare sottostanti che mutano parzialmente.
    Che ci sia una transizione politica in Cina mi pare lapalissiano, che vi siano scontri anche aspri tra quella che alcuni osservatori hanno definito la "gerontocrazia" del PCC è anche un dato di fatto, e le tensioni interne al partito stesso nei giorni di Tienanmen ne furono uno dei sintomi più evidenti. Tuttavia lo spostamento sta avvenendo, e sta avvenendo in modo da tutelare il sistema dittatoriale. Come detto da qualcuno il prossimo secolo potrebbe anche essere cinese.
    Che poi qualcuno non riesca a comprendere le dinamiche culturali della censura in un regime totalitario moderno e si limiti a mitigarne la portata adducendo il fattore culturale, beh, mi spiace, ma a mio parere rischia di perdere le meccaniche sociali di base, scivolando un po' fuori da quello che si potrebbe definire un rasoio di Occam per la politica.

    Sulla TV si è già detto di tutto, dalle tesi di Chomski alle Lecciso.... Ed è questo il punto, lo abbiamo potuto dire. Se voi credete che l'uniformazione culturale della TV abbia lo stesso potere di un uniformazione culturale televisiva e pre-televisiva associata ad una bella polizia di stato che uccide e tortura i dissidenti e di una censura dall'apparato titanico, beh, liberi di pensarlo, ma mi pare pecchiate di ingenuità di nuovo
    non+autenticato
  • La cina dove la censura impera e l'oppressione e' continua, totale e spietata!
    Ci lamentiamo tanto delle cazzatine di casa nostra.
    Manco ci rendiamo conto che tra poco una buna fetta del traffico in rete avverra' con utenti cinesi, cioe' sara' tutto ferocemente censurato!
    Non gliene frega niente a nessuno, bah!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La cina dove la censura impera e
    > l'oppressione e' continua, totale e
    > spietata!
    > Ci lamentiamo tanto delle cazzatine di casa
    > nostra.
    > Manco ci rendiamo conto che tra poco una
    > buna fetta del traffico in rete avverra' con
    > utenti cinesi, cioe' sara' tutto ferocemente
    > censurato!
    > Non gliene frega niente a nessuno, bah!!


    ??
    non capisco
    non+autenticato


  • > Manco ci rendiamo conto che tra poco una
    > buna fetta del traffico in rete avverra' con
    > utenti cinesi, cioe' sara' tutto ferocemente
    > censurato!

    Probabilmente n futuro i G8 e la Cina si alleeranno per censurare tutto.
    non+autenticato