SKY contro gli antennisti?

Polemiche sull'accordo firmato dal Comune di Torino con l'operatore satellitare che si impegna ad installare gratuitamente parabole condominiali in città

Torino - Il mercato dell'indotto della Tv satellitare, e in particolare quello degli antennisti, nel capoluogo piemontese è in fibrillazione. A quanto pare, infatti, sono molti gli operatori del settore che stanno vivendo con allarme l'accordo firmato il primo dicembre dal Comune di Torino con SKY Italia.

L'intesa, pubblicata dal sito del Comune di Torino, è pensata per spingere la diffusione di impianti di parabole condominiali, alternativa alle parabole domestiche che affollano, come in tante altre città italiane, tetti e balconi di moltissimi edifici. Torino, come poche altre città, ha peraltro varato un regolamento contro la proliferazione di questi impianti "selvaggi".

Il problema, come ha sottolineato SatNews.it, sta nel fatto che l'intesa dà mano libera a SKY sul fronte dell'installazione. A titolo promozionale, SKY intende infatti realizzare gratuitamente impianti condominiali anche quando sia un solo condomino a chiedere l'abbonamento alla pay-tv. Ovvia quindi la preoccupazione degli antennisti.
In questo modo, dunque, SKY non solo controlla quel che si riceve sul decoder, non solo i nuovi decoder sono fin qui blindati, ma controlla anche l'installazione delle parabole condominiali. "SKY adesso si può dire che inizia ad avere in mano TOTALMENTE il sat italiano - scrivono quelli di SatNews - dall'installazione, alla sottoscrizione per finire con la visione. Spariranno gli antennisti, i siti SAT, i centri di abbonamento etc etc".

Per il momento SKY Italia non ha rilasciato dichiarazioni in merito.
TAG: italia
65 Commenti alla Notizia SKY contro gli antennisti?
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)