Programmini antivirus made in Italy

Quanti sono i softwarilli sviluppati da programmatori indipendenti italiani pensati per bloccare i virus informatici? Eccone due

Roma - Per chi non ne può più di ritrovarsi la mailbox intasata da worm d'ogni tipo, ed in particolare dall'ultimo flagello conosciuto come Badtrans, dal Bel Paese arrivano due soluzioni completamente gratuite.

La prima è Terminator, un programma anti-spam freeware che promette di rimuovere automaticamente il 91,9% dei messaggi "spazzatura" che si ricevono quotidianamente. Terminator può funzionare con qualsiasi programma di posta purché compatibile con il protocollo POP3, ed ha dei filtri personalizzabili per rimuovere quasi ogni tipo di messaggio non gradito.

Con la recente versione 2.2.131, Terminator comprende anche un filtro specifico per "intrappolare" Badtrans e worm simili a questo. L'autore rilascia sul proprio sito aggiornamenti periodici che consentono di tenere i filtri di Terminator sempre in perfetta efficienza.
Terminator può essere scaricato, previa registrazione gratuita, da qui.

Quello offerto da SoftwarePlanet è invece un servizio gratuito via Web che può essere utilizzato per cercare virus nelle e-mail.

SPAV, questo il nome dell'antivirus, è per il momento in grado di eliminare solo i worm Badtrans e Sircam ma l'autore sostiene che in futuro aggiungerà filtri che potranno bloccare ed eliminare altri allegati di posta pericolosi o ingombranti.

Al momento della cancellazione delle email infette viene inviata una email ad ogni mittente avvisandolo del problema. Inoltre dopo il controllo viene generato un report con i risultati della rimozione.

Come viene riportato sul sito, Software Planet non si assume alcuna responsabilità per i possibili danni che si potrebbero avere dall'uso di SPAV.

A SPAV si può accedere da qui.
TAG: sw
10 Commenti alla Notizia Programmini antivirus made in Italy
Ordina
  • Da tempo seguo il vostro sito, devo dire ke non mi è mai stato possibile leggere o meglio trovare qualcosa ke riguardi il port scanning... Dato ke sulla maggior parte delle chat questo fenomeno è in forte espansione... vi prego a nome di tutti, fate qualcosa per aiutarci!!! Help
    non+autenticato
  • recentemente ho seguito una conferenza di una nota casa di antivirus italiana.secondo il relatore, il melissa e' il tipico esempio di un virus stealth.secodo il relatore,il fatto che un comando come dir possa permettere la infezione di tutti i file che vengono listati e' uan caratteristica TIPICA dei virus ad azione diretta, cioe' non residenti .... io lascerei perdere le case italiane di antivirus ....

    poi che i virus win 32 TIPICAMENTE usano il registry per diventare residenti ....come i dos usavano gli interrupt.... che i virus ad azione diretta .com sono il passo successivo in fatto di sofisticatezza ai virus boot(ricordo che i virus boot sono stati i primi ad usare diffusamente stealthing e residenza....questa ultima era una necessita' quando non esistevano gli hard disk per cui in fase molto precoce ........)e che i virus macro sono piu' sofisticati di quelli residenti dos file e boot.


    io lascerei perdere le case italiane di antivirus ......se sono tutte cosi' ....

    non+autenticato
  • questo non ?solo una prerogativa delle sw che fanno antivirus, da buon consulente vengo molte volte coinvolto dalle societa per cui lavoro nella scelta di sw e dopo svariati colloqui con il solito commerciale che ripete la solita tiritera imparata a memoria, e testando le demo che alla fine mi faccio rilasciare mi sono reso conto che
    la maggior parte delle sw house italiane sono peracottai.
    non+autenticato
  • un comando come dir possa
    > permettere la infezione di tutti i file che
    > vengono listati e' uan caratteristica TIPICA
    > dei virus ad azione diretta, cioe' non
    > residenti .... io lascerei perdere le case
    > italiane di antivirus ....

    IdemSorride))
    In più questa gente insulsa che parla, oltre a non capire un belino, è anche arroganteSorride))
    Il vantaggio sta nel fatto che fintanto esisteranno cioccolatai e tazzorri di tal portata, il lavoro non mi mancheràSorride))))
    non+autenticato
  • Sono stato assaltato dall'ultimo badtrans che mi ha colpito almento 3, 4 volta al giorno nell'ultima settimana. Quello che mi chiedo, e che chiedo a voi, è cosa fanno gli ISP per bloccare i virus quando arrivano ai loro server in modo da evitare che si diffondano su larga scala.
    Potrebbero fare di più di quello che fanno adesso, cioè quasi niente?
    non+autenticato


  • - Scritto da: wup

    > Potrebbero fare di più di quello che fanno
    > adesso, cioè quasi niente?

    Potrebbero fare di più, certo.
    Ma secondo me è sbagliato pensare che siano gli ISP a dover risolverci il problema dei virus.

    Bisogna cambiare la mentalità degli utenti (o utonti?) sulla sicurezza.
    non+autenticato
  • Fare ancora di più niente significa fare zero
    non+autenticato
  • > Quello che mi
    > chiedo, e che chiedo a voi, è cosa fanno gli
    > ISP per bloccare i virus quando arrivano ai
    > loro server in modo da evitare che si
    > diffondano su larga scala.

    Hai già l'indirizzo di posta e l'accesso a internet, cosa vuoi di più, che ti stampino la posta in qualità ottima e te la portino su un vassoio d'oro????
    Dopotutto tu non dai niente a loro, o sbaglio?
    Quello che hai ce l'hai gratis, anche se è poco, ma comunque lo usi!
    Poi noi italiani facciamo sempre la figura di quelli che vogliono tutto gratis senza spendere nà lira!
    Sfido, fin che c'è gente come te, la figura è assicurata...
    saluti
    non+autenticato
  • Che devono fare ??
    Il diffondersi di quelli che voi chiamate "virus" è limitato solo alle piattaforme del bilgheits...
    Impiegando unix o linux o macos non si è affetti da questi stupidi scripts.
    La stampa, ancora peggio, non spiega perchè ovviamente non sa, e il risultato è quello che vedete tuttiSorride)))))))
    Continuate così !
    non+autenticato
  • > Quello che mi chiedo, e che chiedo a voi, è cosa fanno gli
    > ISP per bloccare i virus quando arrivano ai loro server in modo
    > da evitare che si diffondano su larga scala.
    > Potrebbero fare di più di quello che fanno adesso, cioè quasi
    > niente?

    Gli ISP sono anche loro ovviamente vittime di questo tipo di virus, proprio perche' tendono ad aumentare il traffico (inutile) sulle loro linee e sui loro server!
    Potrebbero effettivamente fare qualcosa, ma per farlo dovrebbero mettersi ad analizzare (seppur automaticamente) i contenuti delle mail ricevute dai loro clienti, e puoi immaginare che questo potrebbe non risultare gradito se fatto arbitrariamente....
    Come per la lotta allo spam, comunque, sarebbe possibile per un ISP chiedere ai propri utenti di autorizzare esplicitamente a filtrare automaticamente spam e virus, e sarebbe un servizio molto utile ed apprezzato, a mio avviso. Ma non sarebbe neanche necessario che a farlo siano gli ISP, potrebbero anche essere servizi di terze parti che si incaricherebbero di analizzare la posta delle caselle che tu decidi di "pulire" ed anche questo forse sarebbe un servizio interessante: cosa ne pensate?
    DocDoc
    non+autenticato